ATP MIAMI, BOLELLI VOLA AL SECONDO TURNO

TENNIS - L'azzurro riporta una sudata vittoria sul canadese Levine cui annulla anche un match point. Vince Tomic su Gicquel, mentre Nieminem elimina Nalbandian prevalendo in rimonta
venerdì, 22 Marzo 2013

Tennis. Miami (Florida). In attesa di vedere esprimersi le nostre due teste di serie Andreas Seppi e Fabio Fognini ed in seguito alla eliminazione di Paolo Lorenzi, il numero 4 italiano Simone Bolelli avanza al secondo turno dell’Atp Masters 1000 di Miami. La vittoria nel match d’esordio ai danni del canadese Jesse Levine, numero 97 del ranking, è maturata non senza qualche patema. Il tennista bolognese infatti è stato costretto ad annullare un match point al terzo set prima di riuscire a spuntarla nel tie break finale. I due giocatori hanno dimostrato di soffrire fin da subito nella difesa del proprio servizio, in particolare tutte le volte che la prima non è entrata (quasi il 50% delle volte per entrambi nel primo parziale) si è ballato parecchio. È stato però l’azzurro a breakkare per primo portandosi sul 3-2 e servizio. Immediatamente dopo però Bole ha perso totalmente la bussola perché prima si è fatto riacciuffare dall’avversario e poi sul 4-5 ha finito per concedere il suo servizio in modo fatale consegnando anche il primo set al 25enne canadese. Davvero troppo molle il nostro tennista in battuta dove ha concesso ben 8 opportunità di palla break all’avversario. Tutt’altra storia nel secondo parziale quando ha limitato notevolmente gli errori e, soprattutto, al servizio non ha concesso praticamente nulla al dirimpettaio il quale dal canto suo ha accusato un notevole calo proprio in questo fondamentale (38% di prime in campo per lui). È inutile dire che Bole ne ha approfittato e dopo il 3 pari ha insaccato 3 giochi consecutivi che gli hanno permesso di riequilibrare il match. Nel set decisivo Bole ha cercato di alzare ulteriormente il livello dei colpi, mettendo più prime, ma Levine, che nel frattempo aveva ritrovato un po’ di smalto in risposta, gli ha morso le seconde di servizio rendendosi molto pericoloso. Infatti è stato proprio il canadese a cercare per primo l’allungo decisivo quando salito 5-4 e servizio è andato a servire per il match. Qui Bole è stato bravo a non darsi per vinto, perché dopo aver annullato un match point si è riportato in corsa trascinando l’incontro al tie break. Portatosi subito in vantaggio nel conto dei minibreak il 27enne emiliano chiuderà 7 punti a 4 assicurandosi il secondo turno di Miami, torneo dove non è mai andato oltre il terzo round. Ad attenderlo ci sarà un Grigor Dimitrov piuttosto in forma. Quella con la testa di serie numero 29 sarà una mission impossible?

Ha sofferto forse più delle attese il bad boy australiano Bernard Tomic che al debutto si è incrociato con il 35enne Marc Gicquel emerso dal tabellone cadetto. Il trionfatore di Sydney ha infatti concesso ben due break all’avversario nel primo set. Dopo aver fronteggiato in modo abbastanza efficace il momento di difficoltà il numero 45 del mondo ha preso il sopravvento strappando il break decisivo e chiudendo 7-5. Il franco-tunisino non si è però per niente arreso continuando a restare in scia del molto più giovane avversario. Nel secondo parziale dopo uno doppio scambio di servizi tutto si è deciso al tie break dove il ventenne nato a Stoccarda ha fatto valere il maggior tasso tecnico. Per Tomic ora c’è Andy Murray, sarà un incontro di secondo turno molto accattivante.

Esce subito dai giochi invece David Nalbandian che si è fatto rimontare il set di vantaggio da Jarkko Nieminem. I due sono giunti con quello di ieri sera allo scontro diretto numero 13. Nonostante la vittoria del finlandese David conserva ancora un discreto vantaggio di tre lunghezze. L’argentino infatti aveva prevalso in cinque degli ultimi sei incroci con l’avversario odierno il quale era riuscito a spuntarla solo in una occasione, proprio qui a Miami nel 2007. Come di solito accade, a partire meglio è il 31enne di Cordoba che ha imposto con autorità il suo tennis dimostrando grande reattività in risposta dove ha messo a segno il 75% dei punti quando ha fronteggiato le prime del finlandese. In tal modo Nalbandian si è costruito facilmente 3 break point che gli hanno consentito di chiudere il primo set 6-2. Come altrettanto sovente accade, il tennista sudamericano dal secondo set in poi ha accusato un calo costante caratterizzato da poca lucidità nel servizio e da numerosi gratuiti che spesso e volentieri gli sono costati la vittoria nei precedenti match di quest’anno. Difatti Nieminem ha avvertito il momento di difficoltà dell’avversario e si è rifatto sotto pur subendo ancora quando si è trovato in battuta. Questa volta però è riuscito mettere a segno un break in più dell’avversario e pareggiando i conti dei set. Nel parziale decisivo l’argentino, ormai in caduta libera, è stato capace di essere incisivo solo quando ha messo la prima in campo, mentre il finlandese senza strafare ha riportato un break sulle 4 opportunità costruitesi e tanto gli è bastato per chiudere il match sul 2-6 6-4 6-3.

Da riportare nella giornata che ha visto concludersi il quadro dei primi turni le vittorie di Viktor Troicki, Thomaz Bellucci e David Goffin. Il serbo con un doppio 6-3 ha sancito l’eliminazione dell’iberico Pablo Andujar. Il numero uno brasiliano ha impiegato invece tre set per ridimensionare il tedesco Daniel Brands, eliminato già al secondo turno eliminatorio ed in seguito ripescato come lucky looser, che si era portato in vantaggio nel primo parziale. Anche il giovane belga Goffin, nell’aggiudicarsi il derby dei Paesi Bassi con Robin Haase, si è dovuto spingere fino al terzo set vinto facile 6-1.

Guido Pella ed Olivier Rochus hanno portato a casa i rispettivi match usufruendo del ritiro dei propri avversari. Carlos Berlocq impegnato nel derby con il connazionale Pella è stato costretto a gettare la spugna dopo appena 3 game giocati, mentre il povero Tatsuma Ito si è arreso a terzo set inoltrato consegnando la vittoria al belga che si era comunque porta in vantaggio di un break (3-1).

Di seguito tutti i risultati:

Sony Open Tennis, Miami – Primo Turno

Olivier Rochus [Q] d Tatsuma Ito 4-6 6-4 3-1 Ret.

Yen-Hsun Lu d Robby Ginepri [Q] 7-5 6-1

David Goffin d Robin Haase 7-6(4) 3-6 6-1

Guido Pella [W] d Carlos Berlocq 2-1 Ret.

Guillaume Rufin [Q] d Marius Copil [Q] 6-4 4-6 6-1

Lukasz Kubot d Frank Dancevic [Q] 4-6 6-4 6-3

Alejandro Falla d Go Soeda 7-5 6-1

Daniel Gimeno-Traver d Denis Istomin 6-2 6-4

Viktor Troicki d Pablo Andujar 6-2 6-3

Jarkko Nieminem d David Nalbandian 2-6 6-4 6-3

Ivan Dodig d Lukas Lacko 4-6 6-0 6-4

Santiago Giraldo d Rhyne Williams [W] 6-2 6-4

Aljaz Bedene d Benjamin Becker 6-4 6-3

Thomaz Bellucci d Daniel Brands [L] 2-6 6-4 6-2

Simone Bolelli d Jesse Levine 4-6 6-3 7-6(4)

Bernard Tomic d Marc Gicquel [Q] 7-5 7-6(3)


Nessun Commento per “ATP MIAMI, BOLELLI VOLA AL SECONDO TURNO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.