ATP MIAMI, FOGNINI NON SUPERA LO SCOGLIO NADAL

La corsa dell'azzurro al Masters 1000 di Miami si è fermata in semifinale dopo la sconfitta in due set (6-1 7-5) subita per mano dello spagnolo
venerdì, 31 Marzo 2017

TENNIS – Ha provato a reagire nel secondo set cercando di trovare lo spunto per poter allungare la sfida al terzo, ma dopo la bella vittoria con Kei Nishikori nei quarti di finale, a Fabio Fognini non è riuscita la grande impresa contro Rafa Nadal, che si è imposto 6-1 7-5 assicurandosi un biglietto per la finalissima del Masters 1000 di Miami (la quinta della sua carriera).

L’azzurro è stato meno brillante rispetto al match con il giapponese, e di certo non lo ha aiutato l’aver trovato dall’altra parte della rete un Nadal capace di servire in maniera incredibile, basti pensare che il maiorchino ha portato a casa ben 29 dei 35 punti giocati con la prima di servizio messa in campo (83 per cento) e addirittura 12 dei 15 giocati con la seconda (80 per cento), risultando praticamente ingiocabile durante i suoi turni di battuta. Rafa infatti non ha concesso alcuna palla break in tutto l’incontro, e ha sfoderato un primo set praticamente perfetto nel quale non ha mai permesso a Fognini di poterlo minimamente impensierire.

L’azzurro però, dopo il netto 6-1 subito nella prima frazione di gioco, nel secondo parziale ha messo in campo tutta la sua determinazione, e anche se ha dovuto salvare altre cinque palle break (di cui tre consecutive sullo 0-40 nel terzo game) tra il primo e il terzo gioco, è riuscito finalmente ad entrare in partita e a portare Nadal fino al 5-5, facendo sperare tutti i tifosi italiani nell’inizio di quella che sarebbe stata una rimonta da sogno. Lo spagnolo però non ha mollato di un centimetro, e sfruttando un sanguinoso doppio fallo che è costato al ligure il decisivo break del 6-5, ha chiuso i conti sul definitivo 7-5 con un ultimo turno di battuta tenuto a “zero”, tra gli applausi del pubblico di Crandon Park che comunque ha salutato con un grande applauso anche Fabio Fognini.

L’azzurro infatti, nonostante questa sconfitta arrivata pur sempre contro un campione come Nadal, può essere ugualmente soddisfatto di quanto ha saputo fare sul veloce della Florida, visto che ha conquistato per la prima volta nella storia del tennis maschile italiano la semifinale di un Masters 1000 che non sia uno di quelli che si giocano sulla terra rossa, e da lunedì tornerà anche tra i primi trenta giocatori del mondo, una posizione che ha dimostrato di meritare ampiamente considerando l’ottimo tennis messo in mostra a Miami.

(Nella foto Fabio Fognini – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “ATP MIAMI, FOGNINI NON SUPERA LO SCOGLIO NADAL”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.