ATP MONTREAL: FEDERER REGALA SPETTACOLO, FUORI NISHIKORI E DEL POTRO

Lo svizzero impiega appena 54 minuti per approdare al terzo turno, harakiri di Nishikori che sciupa quattro match point contro Monfils. Ko del Potro
mercoledì, 9 Agosto 2017

Tennis. 54 minuti, tanto dura il rientro nel circuito di Roger Federer reduce dall’ottava campagna vincente a Wimbledon, dove ha arricchito ulteriormente il suo già infinito palmarès impreziosito dal record di 19 Slam complessivi. Il fuoriclasse elvetico ha concesso soltanto le briciole al malcapitato Peter Polansky al debutto sul Campo Centrale del Masters 1000 di Montreal, programmato insolitamente come primo incontro della sessione diurna di fronte ad un pubblico accorso numerosissimo per osservare le gesta del Re. Alla fine l’esito ha ricordato sinistramente il precedente tra i due giocatori andato in scena tre stagioni a Toronto, quando il “veterano” spazzò via dal campo il canadese rifilandogli un sonoro 6-2 6-0 in appena 52 minuti. Questa volta il canadese è uscito sconfitto per 6-2 6-1 e ha dunque rimediato un game in più, ma la sostanza resta comunque la stessa: la caccia al trono del campionissimo svizzero è appena cominciata, nella speranza che il vincente tra Jack Sock e David Ferrer sappia testarne maggiormente la condizione.

L’atteggiamento ostentato da Roger è stato assai propositivo sin da subito nonostante un fastidioso vento laterale, una tattica sul cemento che ha funzionato benissimo ad inizio anno e che Federer è intenzionato a riproporre anche negli appuntamenti nord-americani.  L’allievo di Dean Coburn ha provato ad opporre un minimo di resistenza nelle fasi iniziali, ma un filotto mortifero dell’ex numero uno del mondo intorno alla metà del parziale gli ha permesso di involarsi grazie anche ad una resa incredibile al servizio (oltre il 90% di punti vinti con la prima). Il secondo favorito del seeding ha preso immediatamente il largo pure nel secondo set, reso sempre gradevole dalla propensione del rossocrociato ad aggredire in risposta e a fiondarsi a rete ogni volta che se ne è presentata la possibilità. Il motivo della contesa è quindi diventato ben presto se Polansky sarebbe stato in grado almeno di sbloccare la casella dei game, un’impresa riuscita al termine di un sesto game fiume condito anche da due match point falliti da Roger. Come prevedibile, l’epilogo è stato soltanto rimandato di una manciata di minuti: l’ennesima sortita vincente del Re a seguito del servizio ha infatti chiuso le velleità con la solita inconfondibile eleganza.

Da segnalare l’incredibile rimonta realizzata da uno stratosferico Gael Monfils ai danni di Kei Nishikori, uscito sconfitto per la prima volta in carriera ad opera del funambolo transalpino per 6-7(6) 7-5 7-6(6) dopo una battaglia incredibile e piena di colpi di scena. Il giocatore bleu è infatti riuscito nell’impresa di recuperare un set di svantaggio oltre ad un ritardo di 5-2 nella seconda frazione, ma è nel tiebreak che la sfida ha assunto tratti veramente epici. Costretto a fronteggiare per quattro match point sul 6-2, il 30enne parigino ha dato il via ad un filotto pazzesco di sei punti consecutivi sospinto da un pubblico tutto in suo favore che ha riempito di applausi scroscianti una contesa tanto imprevedibile quanto spettacolare.

Abbandona anzitempo il torneo Juan Martin del Potro piegato dalla sopresa Denis Shapovalov, già capace ieri di annullare quattro match point a Dutra Silvia e protagonista oggi di una prestazione quasi impeccabile che gli consentirà di sfidare domani Rafael Nadal o Borna Coric per un posto nei quarti di finale. Il beniamino del pubblico ha superato il gigante di Tandil con lo score di 6-3 7-6(4), frutto di un rendimento sempre costante grazie al quale è stato capace di gestire al meglio tutti i momenti di difficoltà incontrati durante l’ora e trequarti di partita. Avanzano anche Roberto Bautista Agut e Robin Haase, che hanno spezzato entrambi in due set le velleità dello statunitense Ryan Harrison (7-5 6-2) e del lucky loser statunitense Ernesto Escobedo (6-4 6-1).


Nessun Commento per “ATP MONTREAL: FEDERER REGALA SPETTACOLO, FUORI NISHIKORI E DEL POTRO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.