SEPPI AVANZA A SOFIA, A QUITO BENE GIANNESSI MA CECCHINATO VA KO

In Bulgaria esce di scena l'altro azzurro in campo oggi Salvatore Caruso, battuto 7-6 6-3 da Marcos Baghdatis. A Montpellier invece avanzano Goffin, Rublev e Gasquet

TENNIS – Bella vittoria per Andreas Seppi al primo turno del torneo Atp 250 di Sofia. L’altoatesino, dopo un’ora e dieci minuti di gioco, ha battuto Mikhail Youzhny 6-3 6-4, mostrando un buon tennis e una concentrazione tale da permettergli di gestire nel migliore dei modi i momenti chiave del match.

Nel primo set Seppi ha ottenuto il break decisivo nel sesto game, strappando il servizio al suo avversario per il momentaneo 4-2 in suo favore, e nel nono gioco è stato bravissimo a recuperare dallo 0-40, evitando così a Youzhny di rientrare in partita. Quindi, dopo aver chiuso i conti sul 6-3, l’azzurro ha continuato a spingere sull’acceleratore, e all’inizio del secondo parziale ha portato a casa subito un altro break, grazie al quale si è portato sul 3-1. Da quel momento poi l’azzurro non ha concesso più nulla al russo durante i propri turni di battuta, riuscendo così a portare a casa la vittoria sul definitivo 6-4, e ora per un posto nei quarti di finale se la vedrà contro un avversario tosto come Gilles Muller.

CARUSO

E’ andata male invece, sempre a Sofia, a Salvatore Caruso, che ha messo in campo tutte le sue energie finendo però con il perdere 7-6 6-3 contro Marcos Baghdatis. I rimpianti dell’azzurro probabilmente stanno tutti nell’inizio del primo set, che lo aveva visto salire sul 3-1 grazie ad un tennis molto solido ed efficace, ma alla lunga Baghdatis è riuscito ad imporre il suo ritmo e ad assicurarsi la vittoria. Insieme al cipriota poi, avanzano nel tabellone del torneo bulgaro anche Mirza Basic, che ha eliminato la testa di serie numero 4 Philipp Kohlschreiber 7-6 7-5, Marius Copil (7-6 6-4 al numero 5 del seeding Robin Haase), Blaz Kavcic (doppio 6-4 al serbo Laslo Djere) e Jozef Kovalik (4-6 6-2 7-5 a Lukas Lacko).

QUITO

E’ arrivata una vittoria e una sconfitta poi, per il tennis azzurro, al torneo Atp 250 di Quito. A sorridere è Alessandro Giannessi (ripescato nel tabellone principale come lucky-loser), che ha battuto abbastanza agevolmente il canadese Peter Polanski, assicurandosi il match di secondo turno contro il brasiliano Thiago Monteiro. E’ stato sconfitto invece, nella prosecuzione dell’incontro interrotto ieri a causa della pioggia, Marco Cecchinato, eliminato dall’austriaco Gerald Mezler 6-4 6-2 al termine di un match in cui l’azzurro non è riuscito a trovare le giuste misure all’efficacia dei colpi da fondo campo del suo avversario. Avanzano sulla terra rossa ecuadoriana poi Ivo Karlovic, che ha superato in tre set (6-4 6-7 7-6 lo score conclusivo in favore del croato) Ernesto Escobedo, Roberto Quiroz (7-6 6-3 al tedesco Yannick Hanfmann) e Nicolas Jarry (6-7 6-2 7-6 a Facundo Bagnis).

MONTPELLIER

Spostandoci infine al torneo Atp 250 di Montpellier, sul veloce della città francese avanzano David Goffin, protagonista di un successo convincente 6-4 6-2 contro Gilles Simon, Pierre-Hugues Herbert, vittorioso nel “derby” tutto transalpino con Kenny De Schepper 7-6 6-7 6-4, Nicolas Mahut, che ha approfittato del ritiro di Dustin Brown dopo aver perso il primo set al tie-break, Richard Gasquet (6-0 6-3 a Daniil Medvedev), John Millman (5-7 6-3 6-4 al giapponese Yuichi Sugita) e Andrey Rublev, che nell’ultimo match della sessione serale giocato sul campo centrale ha avuto la meglio su Jeremy Chardy con un netto 6-2 6-1.

(Nella foto Andreas Seppi – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “SEPPI AVANZA A SOFIA, A QUITO BENE GIANNESSI MA CECCHINATO VA KO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.