ROTTERDAM: ELIMINATI SEPPI E FABBIANO, KO ANCHE TSITSIPAS

Il tennista altoatesino ha ceduto in tre set a Gael Monfils, mentre il pugliese è stato battuto 6-1 6-4 da Jo-Wilfried Tsonga. Il greco invece è stato sconfitto a sorpresa da Dzumhur

TENNIS – Si è fermata al secondo turno la corsa di Andreas Seppi al torneo Atp 500 di Rotterdam. il tennista italiano infatti ha durato solo un set nella sfida che lo vedeva opposto a Gael Monfils, e alla fine il transalpino si è imposto 4-6 6-1 6-3 al termine di un incontro in cui alla lunga ha fatto valere la maggiore pesantezza dei suoi colpi.

Peccato quindi per Seppi, che nel primo set ha giocato un tennis molto solido, grazie a buone percentuali di prime di servizio e all’efficacia dei suoi colpi da fondo campo. Il break ottenuto nel nono game è stato poi la naturale conseguenza della sua buona performance, e subito dopo il cambio di campo Seppi è stato ancora bravo a mettere in tasca il parziale sul 6-4. Ma nel secondo set l’azzurro ha subito la reazione di Monfils, portatosi subito sul 3-1 a suon di colpi vincenti e bravo poi a continuare a spingere sull’acceleratore infilando altri tre game consecutivi per il 6-1 che lo ha rimesso pienamente in partita. E nella terza e decisiva frazione Seppi ha accusato il colpo in maniera pesante, visto che dopo aver ceduto nuovamente la battuta nel game di apertura è andato velocemente sotto 5-1, subendo un altro break anche nel quinto game. Seppi poi ha messo in campo il suo orgoglio recuperando uno dei due break di svantaggio, ma subito dopo Monfils ha messo in tasca la vittoria sul definitivo 6-3 grazie ad un altro break, assicurandosi così al terzo match-point il passaggio ai quarti di finale del torneo di Rotterdam.

FABBIANO

Non c’è stato niente da fare poi neanche per Thomas Fabbiano, che nel suo match di primo turno ha trovato dall’altra parte della rete un Jo-Wilfried Tsonga troppo più solido solido e rigenerato dalla vittoria del torneo di Montpellier. L’azzurro è stato battuto 6-1 6-4 al termine di un match in cui non è riuscito ad impensierire seriamente il suo avversario, scappato subito sul 4-0 nel primo set e in controllo anche nel secondo, quando ha piazzato l’allungo decisivo grazie al break ottenuto nel nono game. Non può avere troppe rimpianti quindi Fabbiano, costretto a cedere le armi di fronte ad uno Tsonga che si è rivelato superiore come livello di gioco.

ALTRI RISULTATI ROTTERDAM

Passando poi agli incontri in programma oggi nella città olandese, è uscito di scena a sorpresa al primo turno Stefanos Tsitsipas (numero 3 del seeding), sconfitto in tre set da Damir Dzumhur (6-4 1-6 7-5 il punteggio finale in favore del bosniaco) al termine di una sfida in cui il greco ha commesso troppi errori senza riuscire a trovare la continuità di gioco necessaria. Avanzano invece la testa di serie numero 5 Daniil Medvedev, che ha superato 7-6 6-2 il transalpino Jeremy Chardy, e Marton Fucsovics, vittorioso anche lui in due set (7-6 6-4) ai danni dello slovacco Martin Klizan. Nella sessione serale invece Stan Wawrinka ha interrotto la striscia negativa di tre sconfitte consecutive con Milos Raonic battendolo 6-4 7-6 grazie ad una prestazione di alto livello, mentre Denis Shapovalov si è imposto su Tomas Berdych con un netto 6-4 6-3.

(Nella foto Andreas Seppi – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “ROTTERDAM: ELIMINATI SEPPI E FABBIANO, KO ANCHE TSITSIPAS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.