ATP: SEPPI BENE AD ANVERSA, A STOCCOLMA FUORI BAGHDATIS E JOHNSON

Andreas Seppi debutta ad Anversa battendo Delbonis: affronterà Haase (è 5-2 nei precedenti). A Stoccolma Anderson rimonta Baghdatis, fuori Young e Johnson. A Mosca avanza Bellucci.

Tennis – Nella città dei diamanti, Seppi prova a rinascere. L’altoatesino, con la più bassa classifica dal 9 luglio 2007 quando era No.111 del mondo, ha sconfitto 76 57 63 Federico Delbonis. Seppi ha così aperto nel migliore dei modi lo European Open che segna il ritorno del circuito maschile ad Anversa dove mancava dal 1998. L’argentino, che aveva sconfitto Seppi quest’anno in Davis a Pesaro, ha salvato due set point nel primo parziale: l’azzurro cancella quattro occasioni per chiudere il set e chiude 9-7. Nel secondo, Seppi recupera un break di svantaggio e nel nono gioco Delbonis deve annullare tre match point. È la svolta, che permette all’argentino di volare presto fino al 7-5. Ma Seppi vince gli ultimi tre game, chiude al primo match point utile e affronterà al secondo turno Robin Haase che ha battuto 6-4 6-2 Paul-Henri Mathieu. Seppi, che è in vantaggio 5-2 negli scontri diretti e ha vinto gli ultimi quattro precedenti confronti (i più recenti nel 2015 a Zagabria e Rotterdam), insegue un possibile quarto contro David Ferrer, l’avversario che ha sconfitto a Halle nella sua 300ma vittoria in carriera. Lo spagnolo ha ormai solo tre tentativi per evitare che il 2016 diventi la sua prima stagione senza una finale ATP dal 2008, e la prima dopo sei anni fuori dai top-10 (al momento è n.20 nella Race).

Avanza anche Inigo Cervantes che ha battuto Michael Berrer 6-3, 3-6, 6-1. Lo spagnolo, che quest’anno ha raggiunto il suo best ranking di n.56 del mondo dopo la sua prima semifinale ATP a Sao Paulo, affronterà al secondo turno Richard Gasquet, in cerca del secondo titolo stagionale dopo il successo a Montpellier nel derby di finale su Mathieu.

Robin Haase (Netherlands) beat Paul-Henri Mathieu (France) 6-4 6-2

Inigo Cervantes (Spain) beat Michael Berrer (Germany) 6-1 3-6 6-1

Andreas Seppi (Italy) beat 8-Federico Delbonis (Argentina) 7-6(7) 5-7 6-3

ATP STOCCOLMA

La Svezia è terra straniera per gli yankees. Donald Young, eliminato al primo turno anche nella sua unica precedente partecipazione a Stoccolma due anni fa, deve rimandare il primo successo all’If Stockholm Open. Cede 75 64 a Mannarino, che nel 2014 invece raggiungeva i quarti grazie alle vittorie su Baghdatis e Dolgopolov. Il francese sfiderà al secondo turno Alexander Zverev, che oggi è diventato il più giovane top-20 dal 13 novembre 2006 quando Djokovic salì al numero 16, anche grazie alle 10 vittorie contro top-20 in stagione compreso il successo su Wawrinka per celebrare il suo primo titolo ATP a San Pietroburgo.

In tabellone c’è anche il fratello Misca, che come Stepanek e Harrison ha superato le qualificazioni per la nona volta quest’anno (record stagionale dal 1990). Harrison, unico americano a vincere oggi, ha sconfitto in due set il ceco Adam Pavlasek in un match tra qualificati. Harrison affronterà ora Kevin Anderson, che nell’ultima partita della prima giornata della 48ma edizione del torneo ha dato una piccola svolta a una stagione deludente. Il sudafricano, infatti, si presenta a Stoccolma da numero 48 del mondo, la sua più bassa classifica dal 31 gennaio 2011 (n.59), ha superato 2-6 6-4 6-2 Baghdatis. Il cipriota, uno dei quattro giocatori in tabellone ad aver già vinto a Stoccolma insieme a Gael Monfils (testa di serie n.1, 2011), Grigor Dimitrov (tds 2, 2013) e Ivo Karlovic (tds 3, 2007). Baghdatis, avanti di un set e di un break, perde a zero il servizio nell’ottavo gioco del secondo set. Anderson, attaccato in risposta per un set e mezzo, ritrova profondità e pesantezza di palla, anche sul dritto a sventaglio apparso troppo attaccabile in avvio. Baghdatis si regala ancora un ultimo acuto, un break con un notevole lob, ma la stanchezza fa il resto e Anderson vince gli ultimi cinque game di fila.

Cede, invece, nel match che rappresenta la vera sorpresa di giornata, la testa di serie numero 5 Steve Johnson eliminata dal modesto moldavo Radu Albot, al debutto a Stoccolmam che vince la prima partita nel circuito maggiore dal suo primo successo in carriera in uno Slam, a Wimbledon su Elias. Albot, che quest’anno non ha mai passato due turni in uno stesso torneo ATP, affronterà ora Tobias Kamke o la wild card Elias Ymer.

Kevin Anderson (South Africa) beat 8-Marcos Baghdatis (Cyprus) 2-6 6-4 6-2

Radu Albot (Moldova) beat 5-Steve Johnson (U.S.) 6-3 6-4

Adrian Mannarino (France) beat Donald Young (U.S.) 7-5 6-4

Ryan Harrison (U.S.) beat Adam Pavlasek (Czech Republic) 6-3 7-5

ATP MOSCA

Solo due i match di singolare maschile nella prima giornata della Kremlin Cup. A Mosca, dove la testa di serie Bautista Agut, finalista nelle ultime due edizioni, cerca di avvicinare Thiem, ottavo nella Race e distante solo 865 punti, Thomaz Bellucci ha sconfitto il turco Cem Ilkel 7-5 6-1 in 86 minuti. Il brasiliano, finalista nel 2012, affronterà Guido Pella o la testa di serie n.8 Andrey Kuznetsov, che a Mosca non aveva mai vinto una partita prima di centrare i quarti l’anno scorso ma insegue ancora la sua prima semifinale ATP in carriera (0-10 nei quarti).

Nell’altro match Lukas Rosol ha sconfitto per la seconda volta in altrettanti confronti diretti l’austriaco Gerald Melzer. Il 7-5 6-2 lo proiietta verso l’ottavo di finale contro Stephane Robert o Marcel Granollers, che oggi ha esordito passando il primo turno in doppio con Pablo Carreno Busta, con lìobiettivo di ripetere il quarto raggiunto nel 2012, il suo miglior risultato all’Olimpico di Mosca.

Lukas Rosol (Czech Republic) beat Gerald Melzer (Austria) 7-5 6-2

Thomaz Bellucci (Brazil) beat Cem Ilkel (Turkey) 7-5 6-1


Nessun Commento per “ATP: SEPPI BENE AD ANVERSA, A STOCCOLMA FUORI BAGHDATIS E JOHNSON”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.