FEDERER: PRIMA SHANGAI, POI LE FINALS

Parola a Roger Federer all'Atp di Shanghai. Lo svizzero fa il punto della situazione prima del torneo, con uno sguardo alla classifica e al Master di Londra
lunedì, 6 Ottobre 2014

TENNIS – Manca ormai poco più di un mese al termine della stagione e tutti gli occhi sono puntati alle tanto attese Barclays ATP World Tour Finals di Londra ma uno sguardo, questa settimana, necessariamente va in Cina per lo Shanghai Rolex Masters 1000. Occasione immancabile, infatti, per i top player che cercheranno di incamerare punti importanti per rientrare nei “migliori 8” e conquistare la possibilità di partecipare all’evento conclusivo stagionale dell’ Atp Tour. A Shanghai ci saranno Stanislas Wawrinka, David Ferrer, Thomas Berdych, Kei Nishikori e Milos Raonic a contendersi i tanti agognati punti per strappare il pass delle Finals. Immancabile la presenza dei big three, ma Novak Djokovic, Roger Federer e soprattutto Rafael Nadal, a Shanghai, non perderanno certo l’occasione per testare il loro stato di forma e scaldare i motori in vista del torneo londinese.

Proprio il 33enne svizzero ed ex n.1 del mondo, dopo una pausa di tre settimane, (tra cui una vacanza in famiglia con la moglie e le due coppie di gemelli), è tornato a calcare la scena ed è desideroso di rendersi protagonista di un grande finale di stagione.

“Le Barclays ATP World Tour Finals sono un grande obiettivo per me”, ha detto Roger nella conferenza stampa domenicale a Shanghai. “E’ ciò che volevo, anche perché è sempre stato un evento molto speciale per me, a cominciare dal 2002, quando mi qualificai proprio qui, a Shangai”.

“Ora ci sono ragazzi più giovani che ambiscono a questo traguardo. Ho sempre saputo che questo sarebbe stato un grande anno per alcuni di loro, come Raonic, Nishikori e Dimitrov. Penso dunque che sarà interessante vedere chi si qualificherà in questo 2014 e anche nel 2015, come sarà interessante vedere chi riuscirà a fare il passo successivo entrando nella top 5, perché è chiaramente diverso dall’entrare in Top 10”.

Tra i tanti trofei vinti in carriera, Federer ha conquistato a Shanghai la Tennis Masters Cup nel 2006 e nel 2007 e quando è diventato un ATP World Tour Masters 1000 nel 2009. Il miglior risultato di Federer è stato un secondo posto nel 2010 perdendo contro Murray. Quello di Shanghai resta, dunque, un agognato trofeo che lo svizzero sicuramente vorrebbe aggiungere alla sua collezione composta da 22 titoli ATP World Tour Masters 1000.

“Naturalmente, il desiderio è quello di vincere il torneo qui”, ha detto Federer. ” Dopo la Masters Cup, qui non sono mai stato in grado di vincere da quando è diventato un Masters 1000 e questo è il mio obiettivo. Il  mio gioco è abbastanza buono ora, ma la concorrenza è molto forte, sarà un duro sorteggio per tutti noi che saremo lì. Un sacco di ragazzi stanno lottando per entrare in corsa per le World Tour Finals a Londra, quindi c’è un tanta di pressione su molti giocatori”.

“Penso che la fiducia è una grande cosa nel tennis, e io ce l’ho adesso”, ha aggiunto Federer, che guida l’ATP World Tour con 56 partite vittorie in questa stagione. “Chiaramente c’è stata un po’di un calma, perché dopo la Coppa Davis avevo bisogno di un periodo di riposo. Ho preso una vacanza. Ho lavorato duramente per tornare in forma. Ho una buona occasione per fare bene qui a Shanghai”.

Attualmente Federer è terzo nel ranking Atp con 7020 punti sui 6735 di Nadal che è tornato da poco dopo un lungo stop dovuto a problemi fisici. Roger sfiderà nei sedicesimi di finale il vincente fra Leonardo Mayer o Di Wu. La concorrenza è serrata a Shanghai, lo dimostra la presenza di Djokovic e di ben otto top 10 nel seeding, Federer è pronto per un finale di stagione di fuoco, il conto alla rovescia è ormai iniziato.


Nessun Commento per “FEDERER: PRIMA SHANGAI, POI LE FINALS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.