ATP SHENZHEN: GIANNESSI ESCE TRA I RIMPIANTI, ITALIA AGGRAPPATA A LORENZI

Lo spezzino spreca un set point nel primo parziale e tre palle break nel secondo cedendo alla fine sotto i colpi di Chardy. Lorenzi unico azzurro superstite
lunedì, 25 Settembre 2017

Tennis. Non inizia nel migliore dei modi la trasferta sul continente asiatico per i colori azzurri, complice anche una superficie particolarmente rapida che caratterizzerà tutti i tornei almeno fino alla metà di ottobre. Esordio nefasto purtroppo quello di Alessandro Giannessi nell’ATP di Shenzhen, dove il portacolori del Bel Paese ha ceduto dinnanzi al più quotato francese Jeremy Chardy con lo score di 7-6(6) 6-4 in quasi due ore di sostanziale equilibrio. Era la prima volta che i due giocatori si incontravano nel circuito maggiore, un fattore che ha sicuramente contribuito a rendere la sfida molto emozionante nonostante l’epilogo non sia stato quello che tutti auspicavamo.

L’inizio di partita dello spezzino non è dei migliori anche a causa probabilmente di pochino di tensione, che gli gioca un brutto scherzo nel secondo game al termine del quale il veterano transalpino si ritrova subito in vantaggio di un break. Il numero 131 del mondo ha tuttavia il merito di non scomporsi troppo cominciando a macinare ritmo grazie ai suoi colpi incisivi da fondo campo, tanto che non bisogna attendere molto prima che Alessandro riesca ad impattare nel punteggio sfruttando alla perfezione un turno in risposta meraviglioso coadiuvato da una bassa percentuale di prime palle in campo da parte del rivale.

Si giunge dunque al tiebreak come fisiologico epilogo di una frazione prima di un autentico dominatore, anche se l’esperienza del francese sbilancia chiaramente il pronostico. In seguito ad uno scambio di mini-break è Giannessi il primo a procurarsi un set point sulla racchetta, sprecato malamente con un errore da fondo campo che il ligure finisce per rimpiangere fino all’epilogo. Non a caso Chardy coglie subito l’occasione a propria disposizione e ottiene il punto decisivo, rimarcato da un grido che esprime in maniera esaustiva il brivido vissuto in questo set dal 30enne di Pau.

Nella seconda frazione il pupillo di Juan Pablo Pagano è molto abile a non cadere di fronte al contraccolpo psicologico, anche se chiaramente l’occasione mancata in precedenza pesa sulle spalle del tennista nostrano. Giannessi è subito costretto ad annullare una palla break che avrebbe definitivamente indirizzato l’inerzia dalla parte del galletto, ma nel sesto game pecca ancora una volta di scarso cinismo mancando tre chance sulla battuta dell’avversario utili ad invertire la tendenza. Termina sostanzialmente lì la resistenza del coraggioso Alessandro, che progressivamente si spegne complice anche uno Chardy bravissimo a garantirsi un break di vantaggio e poi a proteggersi dietro la cassaforte rappresentata dal proprio servizio. L’ultimo turno mantenuto a zero da Jeremy infrange definitivamente le ambizioni di Giannessi, comunque autore di una prestazione positiva poco premiata sotto il profilo dello score.

Resta dunque in tabellone il solo Paolo Lorenzi a rappresentare la pattuglia italiana, con il senese accreditato della quarta testa di serie e atteso mercoledì al debutto contro il vincente della sfida tra il brasiliano Dutra Silva e il qualificato di casa Zhang. Guidano il seeding Alexander Zverev e David Goffin, nell’attesa di vedere come il campioncino tedesco avrà recuperato dagli incontri disputati alla Laver Cup lo scorso weekend. Intanto, da segnalare il successo dell’israeliano Dudi Sela ai danni dell’australiano Ebden grazie al risultato conclusivo di 6-0 7-6(8) dopo aver annullato quattro set point nel secondo set.

Risultati:

J. Chardy b. A. Giannessi 7-6(6) 6-4
D. Sela b. [Q] M. Ebden 6-0 7-6(8)
S. Darcis b. [WC] Z. Zhang 7-5 7-6(3)


Nessun Commento per “ATP SHENZHEN: GIANNESSI ESCE TRA I RIMPIANTI, ITALIA AGGRAPPATA A LORENZI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • BRISBANE E CHENNAI: GLI ULTIMI ESITI PRIMA DEL BRINDISI TENNIS - Buona partenza per le teste di serie Feliciano Lopez e Jeremy Chardy vincenti rispettivamente su Kukushkin e Mannarino. Avanza al secondo turno anche Hewitt che supera in due set […]
  • EBDEN E STAKHOVSKY OK ALL’ESORDIO A Indian Wells, l'australiano piega Igor Kunitsyn in 3 set. Sergiy Stakhovsky ha bisogno di quasi 3 ore di gioco per eliminare il russo Alex Bogomolov Jr. Avanti anche Giraldo, Ramos, Andujar e Kubot
  • CHALLENGER, SORRIDONO FUCSOVICS, EBDEN E GOLUBEV TENNIS - Nell'ultima settimana del circuito Challenger, il giovane ungherese trionfa ad Andria battendo Dustin Brown in finale. Ebden vince a Toyota il suo secondo titolo consecutivo […]
  • CHALL. CALTANISSETTA: TRIONFA LORENZI, MA GIANNESSI È TOP100 Conquista il suo diciannovesimo Challenger Paolo Lorenzi, che ha conquistato la vittoria su Alessandro Giannessi. Sebbene la sconfitta, Giannessi è entrato per la prima volta in Top 100...
  • HEWITT E DIMITROV AVANTI IN RIMONTA TENNIS – Parte ufficialmente la stagione “verde” con i classici appuntamenti del Queen’s e di Halle. A Londra l’ex numero uno recupera un set a Russel. Anche Dimitrov, sotto gli occhi […]
  • IMPRESA GIANNESSI A Bucarest il tennista ligure bagna con una vittoria l'esordio nel circuito Atp superando Albert Montanes in due set (7-5 6-4). Gianluca Naso cede a Florent Serra (6-2 6-4), bene Andreas […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.