GOFFIN E GASQUET IN SEMIFINALE A MONTPELLIER, WAWRINKA OK A SOFIA

Il belga e il francese hanno battuto in due set rispettivamente Karen Khachanov e Damir Dzumhur. A Sofia invece avanzano lo svizzero, Marius Copil e Jozef Kovalik

TENNIS – E’ stato un David Goffin molto convincente quello che si è qualificato per le semifinali del torneo Atp 250 di Montpellier. il tennista belga infatti, sul veloce indoor della città francese, ha battuto Karen Khachanov con un doppio 6-4, al termine di un match in cui ha dimostrato che i problemi degli Australian Open sono solo un lontano ricordo. E adesso per un posto in finale, in quello che si annuncia un match di altissimo livello, se la vedrà con Richard Gasquet, che ha battuto Damir Dzumhur 6-4 6-2.

GOFFIN

Goffin non ha concesso alcuna palla break al suo avversario in tutto l’incontro, e tanto nel primo che nel secondo parziale avrebbe potuto strappare il servizio al russo in diverse altre occasioni, grazie all’aggressività con la quale ha giocato fin dalle battute iniziali della sfida. Nel primo set il belga ha ottenuto il break decisivo nel quinto game, e nel settimo ha avuto altre due palle break (sul 15-40) che avrebbero potuto rendere il passivo più pesante per il suo avversario, nel secondo invece l’allungo è arrivato subito, e una volta sul 2-0 Goffin non ha più concesso nulla a Khachanov. Anzi, nel nono game l’attuale numero 7 del mondo ha avuto ben cinque match-point (di cui due consecutivi sul 15-40) ma ha chiuso i conti soltanto dopo il cambio di campo sul definitivo 6-4 che gli ha regalato il passaggio alle semifinali.

GASQUET

Cosa che ha conquistato anche Richard Gasquet grazie al successo ottenuto ai danni di Damir Dzumhur, grintoso e determinato ma incapace alla distanza di reggere il maggiore tasso qualitativo del suo avversario. Dopo il break e contro-break iniziale, Dzuhmur si è portato sul 4-1 strappando nuovamente il servizio al francese nel quarto game, ma Gasquet è riuscito a reagire e grazie ad un parziale di cinque game consecutivi ha portato a casa il primo set sul 6-4, dopo aver salvato anche un’altra palla break proprio nel decimo game. Nel secondo parziale poi il transalpino ha conquistato subito un altro break, e da quel momento ha viaggiato spedito verso la vittoria, strappando il servizio al suo avversario nel settimo game per il definitivo 6-2 con il quale ha messo in tasca il passaggio alle semifinali.

SOFIA

Passando invece al torneo Atp 250 di Sofia, è continuata la corsa della testa di serie numero 1 Stan Wawrinka, qualificatosi per le semifinali dopo aver battuto Viktor Troicki 6-1 7-6. Dopo aver vinto piuttosto agevolmente il primo set, lo svizzero nel secondo è andato sotto di un break, ma ha recuperato sul 5-5 prima di dominare il successivo tie-break 7 punti 3, tra gli applausi del pubblico bulgaro. La prima semifinale invece vedrà affrontarsi Marius Copil e Jozef Kovalik: il tennista rumeno ha portato a casa una bella vittoria contro la testa di serie numero 3 Gilles Muller, battendolo con un doppio 6-4 grazie ad un tennis molto solido soprattutto in risposta, mentre lo slovacco si è imposto 7-6 6-4 ai danni di Marcos Baghdatis al termine di un incontro comunque combattuto ed equilibrato.

(Nella foto David Goffin – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “GOFFIN E GASQUET IN SEMIFINALE A MONTPELLIER, WAWRINKA OK A SOFIA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.