ATP SOFIA E QUITO: ELIMINATI SEPPI, LORENZI E TRAVAGLIA

I tre azzurri sono stati battuto rispettivamente da Gilles Muller, Roberto Carballes Baena e Nicolas Jarry

TENNIS – E’ stata una giornata quella vissuta dal tennis maschile azzurro all’interno del circuito Atp. Andreas Seppi, Paolo Lorenzi e Stefano Travaglia infatti sono stati tutti eliminati dai rispettivi tornei in cui erano impegnati, anche se sono stati tre match molto equilibrati e combattuti.

SEPPI

Il primo a scendere in campo è stato Andreas Seppi, impegnato contro un giocatore di alto livello, come Gilles Muller e uscito sconfitto in tre combattuti set (4-6 7-6 7-6 lo score conclusivo in favore del lussemburghese) che lo hanno costretto a salutare agli ottavi di finale il torneo Atp 250 di Sofia. L’azzurro ha iniziato benissimo la sfida strappando subito il servizio al suo avversario nel game di apertura, e dopo aver avuto una chance per il doppio break nel quinto game, è stato bravo a salvare una palla break nell’ottavo gioco e a chiudere poi i conti sul 6-4, con un ultimo turno di battuta praticamente perfetto. Ma il rimpianto più grande di Andreas Seppi è certamente quello dell’inizio del secondo parziale, visto che era riuscito un’altra volta a strappare subito il servizio a Muller, che però ha trovato il modo di ottenere l’immediato contro-break rimettendosi subito in carreggiata. Il parziale quindi, dopo la palla break avuta da Seppi nell’undicesimo game, è approdato al tie-break, e il lussemburghese se lo è aggiudicato 7 punti a 5 grazie ad un pizzico di solidità in più messa in campo proprio nel momento decisivo, con la quale ha allungato la sfida al terzo e decisivo set. A quel punto Seppi ha cercato di mantenere i nervi saldi, e ci è riuscito alla perfezione visto che non ha concesso nemmeno una palla break durante i suoi sei turni di battuta, ma anche Muller ha servito bene e un altro tie-break è stato praticamente inevitabile. Stavolta però, a differenza di quanto accaduto nel secondo parziale, il lussemburghese ha giocato con grande aggressività fin dai primi punti, e ha portato a casa vittoria e passaggio 7 punti a 2 continuando così la propria corsa nel tabellone del torneo bulgaro.

ALTRI RISULTATI SOFIA

Passando poi alle altre gare in programma oggi sul veloce indoor della capitale bulgara, è tornato alla vittoria Stan Wawrinka dopo la prematura eliminazione subita agli Australian Open anche a causa di una condizione fisica non ancora ottimale. Lo svizzero ha faticato nel primo set contro Martin Klizan, perdendolo 6-4, poi però ha trovato un ritmo di gioco accettabile per i suoi standard e si è imposto 6-2 6-3 tra gli applausi del pubblico accorso sugli spalti del campo centrale. Hanno superato il secondo turno poi anche Maximilian Marterer, che ha battuto la testa di serie numero 7 Joao Sousa 7-5 7-6, Marius Copil, protagonista di un doppio 6-2 ai danni del serbo Blaz Kavcic, e Viktor Troicki (7-6 1-6 7-6 a Denis Istomin).

QUITO

Passando invece al torneo Atp 250 di Quito, non ce l’hanno fatta Paolo Lorenzi e Stefano Travaglia a qualificarsi per i quarti di finale. Il senese ha lottato con la sua consueta grinta, ma alla fine ha ceduto 7-6 7-5 a Roberto Carballes Baena al termine di un match comunque molto equilibrato. Nel primo set l’azzurro è andato subito avanti di un break, poi invece è stato lui a risalire la china sul 5-5 dopo che lo spagnolo era andato a servire per chiudere il parziale sul 5-4 in suo favore, ma nel successivo tie-break Lorenzi non è riuscito ad imporre il suo ritmo e Carballes Baena lo ha portato a casa 7 punti a 4. Nel secondo set poi l’equilibrio l’ha fatta ancora da padrone, tanto che nei primi undici game non si è materializzata alcuna palla break, ma nel dodicesimo gioco lo spagnolo è riuscito a trovare il guizzo decisivo a conquistare la vittoria sul definitivo 7-5. Ha lottato per tre set contro Nicolas Jarry invece Stefano Travaglia, che dopo aver vinto il primo 6-4 nel secondo ha salvato quattro palle break senza poi riuscire a vincere il successivo tie-break, portato a casa dal cileno 7 punti a 5. Quindi, nel terzo e decisivo parziale l’azzurro ha ceduto subito il servizio nel game di apertura e non è più riuscito a recuperare lo svantaggio, fino al definito 6-3 con il quale Jarry si è assicurato il passaggio del turno.

ALTRI RISULTATI QUITO

Passando poi alle altre sfide in programma oggi sulla terra rossa della capitale ecuadoriana, è uscito di scena il campione in carica Victor Estrella Burgos, battuto in tre set (4-6 6-1 6-4) dall’austriaco Gerald Melzer, mentre avanza Albert Ramos-Vinolas dopo il successo in tre set (6-3 3-6 6-3) contro il tennista di casa Roberto Quiroz.

MONTPELLIER

Spostandoci infine al torneo Atp 250 di Montpellier, avanzano ai quarti di finale Richard Gasquet e Jo-Wilfried Tsonga, che nei rispettivi “derby” tutti francesi giocati oggi hanno battuto rispettivamente Pierre-Hugues Herbert (7-6 5-7 6-3) e Nicolas Mahut (7-6 6-7 7-6). Insieme a loro poi hanno superato il turno anche il loro connazionale Lucas Pouille (6-1 6-2 allo spagnolo Carlos Taberner) e il giovane talento russo Karen Khachanov (6-2 7-6 a Ricardas Berankis).

(Nella foto Andreas Seppi – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “ATP SOFIA E QUITO: ELIMINATI SEPPI, LORENZI E TRAVAGLIA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.