ATP UMAGO: SEMIFINALE GIANNESSI-LORENZI, ELIMINATO FOGNINI

Lo spezzino e il senese hanno battuto rispettivamente Rogerio Dutra Silva e Jiri Vesely, Fabio invece ha ceduto in tre set a Andrey Rublev. A Bastad vincono Verdasco e Ferrer, a Newport avanza John Isner

TENNIS – È stata una “battaglia” di quasi tre ore, ma alla fine Alessandro Giannessi è riuscito ad avere la meglio su Rogerio Dutra Silva in rimonta (6-7 6-2 7-5 il risultato finale) e sì assicurato un posto nelle semifinali del torneo Atp 250 di Umago.

Nel primo set l’azzurro è partito bene, salendo subito sul 3-0 e procurandosi altre due palle break per andare avanti addirittura 4-0, poi però nel settimo game ha accusato un passaggio a vuoto che gli è costato il contro-break del 4-3, trasformato immediatamente in 4-4 da Dutra Silva, e il parziale è approdato al tie-break, vinto nettamente dal brasiliano che dopo il 4-0 iniziale ha gestito bene la situazione chiudendo i conti 7 punti a 3. Nel secondo set però Giannessi ha reagito, ha strappato subito il servizio al suo avversario (alla quinta opportunità dopo averne sprecate tre consecutive sullo 0-40) salendo sul 2-0, e nel quarto game è stato lui a risalire da 0-40, riuscendo però a conservare il turno di battuta per il momentaneo 3-1 in suo favore. Quindi l’azzurro nel settimo gioco ha conquistato un altro break, e dopo il cambio di campo ha portato a casa il parziale sul 6-2, rimettendosi pienamente in partita, sfruttando poi l’inerzia positiva anche all’inizio del terzo e decisivo set grazie all’immediato break ottenuto nel game di apertura. Il brasiliano però è riuscito a rientrare nel match ancora una volta, ma Giannessi è stato bravo a piazzare l’allungo decisivo proprio nel momento più importante fino al definitivo 7-5 che gli ha spalancato le porte della semifinale.

LORENZI

E adesso per un posto in finale ci sarà un “derby” tutto italiano con Paolo Lorenzi, che ha sconfitto in rimonta Jiri Vesely 1-6 7-5 6-3 dopo due ore e undici minuti di gioco in cui il senese ha messo in campo ancora una volta la sua proverbiale tenacia. Dopo un primo set dominato dal ceco infatti, Lorenzi ha recuperato l’iniziale break di svantaggio accusato anche all’inizio del secondo, per poi piazzare l’allungo decisivo proprio nel dodicesimo game che gli ha regalato il 7-5 con il quale si è rimesso in carreggiata. Quindi, nel terzo e decisivo parziale, l’azzurro è andato ancora sotto, ma con Vesely avanti 2-1 e servizio è riuscito ancora una volta a recuperare, e dopo aver allungato sul 5-2 grazie ad un altro break ha chiuso i conti sul definitivo 6-3 tra gli applausi del pubblico croato.

FOGNINI

E’ andata male, invece, purtroppo, a Fabio Fognini, sconfitto da Andrey Rublev in tre set (6-7 6-2 7-6 lo score conclusivo) al termine di una sfida ricca di ribaltamenti di fronte e occasioni sprecate. Nel primo set l’azzurro è andato avanti 4-2, e anche se nell’ottavo game ha subito il contro-break del momentaneo 4-4, nel successivo tie-break ha giocato con maggiore solidità portandolo a casa 7 punti a 5. Nel secondo parziale però il russo ha reagito, e dall’1-2 senza break ha piazzato un micidiale parziale di 20 punti a 3 che gli ha permesso di chiudere i conti velocemente sul 6-2, allungando l’incontro al terzo. Entrambi i giocatori quindi hanno gestito bene i rispettivi turni di servizio fino al 5-5, poi Fognini ha ceduto la battuta nell’undicesimo gioco, ma dopo il cambio di campo è riuscito a conquistare il contro-break del 6-6 assicurandosi il tie-break, ma nonostante avesse sciupato la possibilità di vincere con il proprio servizio, Rublev non ha perso la testa ed è salito rapidamente sul 5-0, chiudendo poi i conti 7 punti a 2 per il definitivo 7-6 che gli ha regalato vittoria e passaggio del turno.

ALTRI RISULTATI UMAGO

Passando quindi agli quarti di finale di giornata, si è fermata la testa di serie numero 1 David Goffin, battuto 7-5 6-3 dal “padrone di casa” Ivan Dodig, alla prima vittoria della carriera contro il belga, al termine di una sfida in cui Goffin sia nel primo che nel secondo parziale era riuscito a recuperare un break di svantaggio, finendo però col cedere alla distanza a dimostrazione di una condizione non ancora ottimale dopo il problema alla caviglia che gli aveva impedito di giocare a Wimbledon.

BASTAD

Spostandoci poi al torneo Atp 250 di Bastad, sulla terra rossa della città svedese si è qualificato per le semifinali Alexander Dolgopolov, che ha salvato due match-point recuperando tra l’altro due break di svantaggio nel terzo e decisivo set (dal 3-0) prima di vincere 7-6 3-6 7-6 ai danni del numero 5 del seeding Karen Khachanov. Ora l’ucraino, per un posto in finale, se la vedrà con Andrey Kuznetsov, vittorioso con un doppio 6-3 sulla testa di serie numero 7 Diego Schwartzman, mentre nella parte bassa del tabellone a giocarsi un posto per il match che vale il titolo saranno Fernando Verdasco, protagonista di un netto 6-3 6-2 nel “derby” tutto spagnolo con il numero 2 del seeding Albert Ramos-Vinolas, e David Ferrer, che ha salvato due match-point sul 15-40 del decimo gioco del terzo set prima di vincere 7-5 3-6 7-6 contro lo svizzero Henri Laaksonen.

NEWPORT

Passando infine al torneo Atp 250 di Newport, sull’erba statunitense si sono qualificati per le semifinali la testa di serie numero 1 John Isner, che ha superato con un doppio 6-4 il connazionale Denis Novikov, e l’altro americano Bjorn Fratangelo, protagonista di una vittoria in tre set (6-2 5-7 6-4) ai danni del numero 4 del seeding Pierre-Hugues Herbert.

(Nella foto Alessandro Giannessi – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “ATP UMAGO: SEMIFINALE GIANNESSI-LORENZI, ELIMINATO FOGNINI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2019

  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.
  • Che caratteraccio Daniil! Medvedev ha un temperamento a volte iroso che lo rende poco simpatico, ma il suo tennis imprevedibile che non piace agli avversari piace molto al pubblico...
  • Il grande talento di Bianca. La Andreescu è la prima tennista nata nel Terzo Millennio capace di conquistare un titolo Slam. Ci è riuscita agli US Open sulla pericolosissima beniamina di casa Serena Williams.
  • Un secolo di gloria. Lo storico Circolo Canottieri Roma ha compiuto 100 anni e ha festeggiato con una favolosa festa alla quale sono intervenuti 500 soci ed ospiti illustri del mondo sportivo, artistico e culturale. A concludere la serata dei sontuosi fuochi d'artificio.