AUGURI LENDL: L’UOMO DI GHIACCIO SULL’ERBA CATTIVA

Compie 58 anni Ivan Lend: l'unica macchia è Wimbledon, in una carriera gloriosa
mercoledì, 7 Marzo 2018

Tennis. Ivan Lendl, l’uomo senza espressione, privo di sorriso ma con una bacheca piena zeppa di trionfi, tranne uno. Quel maledettissimo Wimbledon che prima Becker, poi Chas, gli hanno crudelmente tolto. E’ forse il più forte tennista di tutti i tempi, incapace di realizzare il Career Grand Slam: perché gli altri otto Major conquistati sono quasi equamente distribuiti negli altri appuntamenti.

Ha vinto a Parigi, Melbourne e New York: per un totale di Slam che sono anche pochi per il dominio avuto soprattutto nella seconda metà degli anni ’80, quando ha guidato la classifica Atp per un totale di 270 settimane abbattendo il precedente record di Connors, poi superato da Sampras prima e da Federer poi. Quest’ultimo lo ha di recente superato anche nel numero di tornei vinti, caduto ora sul gradino più basso del podio con ben 94 successi.

Ha vinto ovunque, su tutte le superfici, ma Wimbledon lo ha vinto solamente in qualità di coach di Murray. E proprio questa parte della sua carriera da allenatore ha saputo dargli una nuova vita, ricca di soddisfazioni, per aver portato lo scozzese a raggiungere gli apici della sua carriera, poi crollata dopo l’addio del tennista ceco. E non è un caso che, una volta tornato nel box di Andy, sia riuscito persino a prendersi la n.1 del Ranking prima di cadere in nuovi infortuni.

Lendl ha vinto la Davis della Repubblica Ceca a soli 20 anni, conquistando ben 5 Atp Finals e raggiungendo anche una semifinale a Parigi in doppio, a cui si aggiungono vari titoli a dimostrazione della completezza tecnica e fisica di questo fantastico giocatore. Decisamente più solido da fondo, difficilmente frequentava la rete, ma ciò nonostante disponeva di un tocco e gioco di volo apprezzabilissimo.

Ha vissuto rivalità indimenticabili con McEnroe e Borg prima, con Wilander, Becker e soprattutto Edberg poi. Ma è Chang a rifilargli la peggiore delle sconfitte, negli ottavi del Roland Garros: leggendario il servizio da sotto del giovane Michael, capace di mandare in tilt il sempre glaciale Ivan.

Oggi, Lendl, compie 58 anni: auguri!


Nessun Commento per “AUGURI LENDL: L'UOMO DI GHIACCIO SULL'ERBA CATTIVA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.