AUGURI MAC, UNA VITA DA STAR LA CUI LUCE CONTINUA A BRILLARE

TENNIS – Il sedici febbraio è il giorno del compleanno di John McEnroe, un protagonista assoluto, un campione dalla grande personalità capace di rimanere con successo nel mondo del tennis ben oltre la fine della pur brillante carriera.

Tennis. Nacque a Wiesbaden nel 1959. Iniziano così, più o meno, le biografie dei grandi che hanno fatto la storia dell’umanità. E per John McEnroe può valere questo incipit poiché di lui si può dire, senza ombra di dubbio, che ha fatto la storia del tennis. Alcuni suoi record sono assoluti, il più significativo è quello di essere l’uomo che ha vinto il maggior numero di tornei sommando singoli e doppi (155); inoltre, curiosamente, ha vinto almeno un torneo in quattro decenni differenti (grazie al suo clamoroso ritorno vincente in doppio nel 2006 con Jonas Bjorkman); infine nessuno è ancora riuscito a migliorare quel suo fantastico 1984, anno in cui chiuse la stagione con solo tre sconfitte, a fronte di 85 vittorie.

Ma la grandezza di John McEnroe è di quelle che vanno al di là dei pur impressionanti numeri relativi alle vittorie nel circuito ATP e allo status di numero uno al mondo detenuto per quattro anni. Ha fatto un gran bene al tennis, magari inconsapevolmente, il suo essere personaggio e showman oltre che tennista sul rettangolo di gioco. Quanti appassionati lo ricordano per le sue scenate isteriche in campo più che per le sue vittorie, per la sua forte personalità opposta ad altrettanti ma diversi campioni carismatici come Borg, Connors e Lendl? Non sono pochi i nostalgici che affermano di aver smesso di seguire il tennis per un presunto imbarbarimento del gioco dopo l’epoca aurea che con McEnroe, detto “The Genius” aveva toccato le sue vette più alte e nobili.

Il destino poi ha dato un ulteriore mano alla popolarità di McEnroe rendendolo protagonista di sfide epiche nei maggiori teatri tennistici del mondo dove un esibizionista nato come lui ha potuto esprimere il meglio di sé mettendolo a confronto con campioni altrettanto carismatici. E’ stato certamente il maggiore antagonista di Bjorn Borg, l’uomo di ghiaccio considerato pressoché imbattibile, che, forse anche a causa delle sconfitte col più giovane avversario optò per un clamoroso e prematuro ritiro. Sette pari il bilancio delle loro sfide, ma tre a uno per Mac nei tornei dello Slam, quasi tutte finali ad altissimo livello di tensione e spettacolarità. Ma se la rivalità con Borg fu aspra ma improntata ad una riconosciuta stima reciproca, le tante, altrettanto memorabili sfide contro Connors (bilancio 20 a 14 per Mac) e ancor più contro Lendl (21 a15 per Ivan), furono condite anche da quel pizzico di antipatia personale tipica di tre personaggi spigolosi e facilmente irascibili. Tutto ciò ha reso dei normali eventi sportivi più simili a risse con maggior coinvolgimento emotivo da parte del pubblico stimolato a parteggiare per l’uno o per l’altro.

Nella sua pur lunga carriera Mac ha vissuto i suoi anni migliori dal 1978 al 1985: sette titoli Slam, quattro a New York e tre a Wimbledon, tre Master; le due finali di Wimbledon contro Borg e la finale di Parigi 1984 persa al quinto da Lendl lo hanno reso conosciuto a livello universale. Dopodiché, a soli 26 anni non ha più trovato acuti importanti nonostante gli sforzi di rimanere al vertice; non è stato un campione longevo, anche se, nel 1992 a trentatré anni si è preso la soddisfazione di battere un giovane e forte Boris Becker agli Australian Open.

Ma ad un personaggio così non potevano bastare sette anni di gloria ad appagare la sua sete di protagonismo: e quindi, dal 1992 ad oggi lo abbiamo visto e continueremo a vederlo gravitare nel mondo del tennis, ora come capitano di Coppa Davis, ora come giocatore ancora competitivo nel circuito senior, ma soprattutto come commentatore televisivo ai microfoni della NBC, CBS e BBC sempre e dovunque sotto i riflettori. Il tutto con la massima passione, puntigliosità e … attenzione per la propria immagine di successo. Piaccia o non piaccia John McEnroe è, e sarà sempre un personaggio che non si può ignorare, uno che farà sempre sentire la sua voce; per ciò che ha fatto negli ultimi quasi quarant’anni lui e il tennis sono qualcosa di inscindibile.


1 Commento per “AUGURI MAC, UNA VITA DA STAR LA CUI LUCE CONTINUA A BRILLARE”


  1. Vince ha detto:

    Ragazzi… giusto per rinfrescarci la memoria, vi invito a riguardare cosa riusciva a fare su un campo da tennis… e poi contro un cert signor Lendl. Master dell’85 “Genius at work”
    https://www.youtube.com/watch?v=7SYnYSnSeMg


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • JOHN MCENROE, IL BRACCIO SINISTRO DI DIO John McEnroe compie 54 anni. Dotato di un talento fuori dal comune, il mancino americano ha rivoluzionato, deliziato, sconvolto, l’impettito mondo del tennis. Ha interrotto il regno di […]
  • SI SALVI CHI PUÒ Il fatidico 21-12-2012 si avvicina inesorabile. Nel frattempo, noi proseguiamo nel nostro arduo tentativo di salvare il salvabile. Dopo ‘I Quattro Moschettieri di Francia’, Don Budge, […]
  • AMARCORD US OPEN Alla vigilia dell’ultimo Slam della stagione, riviviamo insieme dieci tra gli incontri più significativi disputati a New York nell’Era Open
  • BUON 58ESIMO BJORN, UOMO DEI RECORD TENNIS - Una carriera tennistica breve, ma all'insegna di record frantumati. Uno stile considerato allora inconsueto, ma che segnò l'inizio di una nuova epoca nel tennis. Un carattere […]
  • PAT CASH, IL PRIMO SCALATORE DI WIMBLEDON Il “Pirata” australiano con la bandana a scacchi vinse a sorpresa Wimbledon nel 1987 e poi osò scalare gli spalti del mitico “Centre Court” per andare ad abbracciare i suoi famigliari […]
  • I DOLORI DEL GIOVANE LENDL Ivan Lendl, attuale coach di Andy Murray, nel corso della sua carriera da giocatore, prima di vincere il suo primo Slam a Parigi nel 1984, ha dovuto incassare ben quattro sconfitte […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2019

  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.
  • Che caratteraccio Daniil! Medvedev ha un temperamento a volte iroso che lo rende poco simpatico, ma il suo tennis imprevedibile che non piace agli avversari piace molto al pubblico...
  • Il grande talento di Bianca. La Andreescu è la prima tennista nata nel Terzo Millennio capace di conquistare un titolo Slam. Ci è riuscita agli US Open sulla pericolosissima beniamina di casa Serena Williams.
  • Un secolo di gloria. Lo storico Circolo Canottieri Roma ha compiuto 100 anni e ha festeggiato con una favolosa festa alla quale sono intervenuti 500 soci ed ospiti illustri del mondo sportivo, artistico e culturale. A concludere la serata dei sontuosi fuochi d'artificio.