AUGURI MCENROE: GRAZIE DI ESSERE ESISTITO

John McEnroe, la sua vita è diventata un film: come ovvio, per una delle più grandi stelle di sempre

Tennis. John McEnroe, se c’era un tennista per cui sarebbe valsa la pena girare un film, tra tutti i tennisti della storia, quello sicuramente sarebbe stato lui. E così fu, in coppia con Bjorn Borg, uno dei maggiori rivali ed antagonisti insieme a Connors nella carriera di un americano in grado di farsi odiare e al contempo amare come nessun altro nella storia di questo sport.

Snocciolare risultati, trofei e vittorie sarebbe quasi riduttivo rispetto a ciò che John è stato per il mondo dello sport in genere e in particolare per quello della racchetta, radicalmente cambiato e che cambierà per sempre, dopo il suo avvento.

E’ stato il primo grande personaggio di questo sport, capace di uscire dai canonici confini del campo per abbracciare svariati settori: dai tabloid alle pellicole, ma soprattutto coinvolgendo il pubblico in ogni sua manifestazione emotiva.

John McEnroe ha avuto un rapporto conflittuale con gli arbitri, con gli spalti ed avversari: ha però sempre ammesso che il più grande avversario, era se stesso. Eppure, in pochissimi nella storia sono riusciti a batterlo, ancora meno ad avere il suo palmareis.

Ha vinto 7 Slam, pochi se si pensa al numero di successi ottenuti oggi nei Major, con una certa facilità ad esempio da Andy Murray che ha senza dubbio avuto un impatto minore sul mondo del tennis. Non è mai riuscito a trionfare a Parigi e Melbourne, arrivando al massimo in finale a Parigi.  Sono tre i trionfi a Wimbledon, ma si è superato in doppio ottenendo altri nove successi Slam più uno nel misto totalizzando ben 17 Slam in carriera.

Un palmareis infinito al quale aggiungere tre Atp Tour Finals in singolare ed altri cinque in doppio. Sono invece la bellezza di 77 i titoli vinti in totale in singolo: oggi è un richiestissimo opinionista in tv.

John McEnroe, oggi, compie 59 anni: auguri mito!


Nessun Commento per “AUGURI MCENROE: GRAZIE DI ESSERE ESISTITO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.