AUGURI MICHAEL CHANG: IL PIU’ GRANDE INCUBO DI LENDL

Michael Chang celebra gli anni e il ricordo di quell'ottavo di finale indimenticabile con Ivan Lendl
giovedì, 22 Febbraio 2018

Tennis. Michael Chang si è ritirato nel 2003, ma 14 anni prima era già entrato di diritto nella storia del tennis e dello sport mondiale vincendo uno Slam da minorenne. Aveva appena 17 anni, era al Roland Garros, batteva il n.1 del mondo Lendl agli ottavi e Edberg in finale. Meglio di così, non si poteva immaginare.

A ciò si aggiunge la leggenda del servizio da sotto, che mandò completamente il tilt il solitamente glaciale giocatore ceco. Da quel momento la carriera del ragazzo originario del Taiwan con genitori trasferiti in America fra gli anni ’50 e ’60 è stata straordinaria, pur non riuscendo mai incredibilmente a raggiungere la meritata n.1 del Ranking Atp, fermandosi un gradino sotto.

Ci riuscì nel ’96, l’anno in cui perse ben due finali Slam a Melbourne e Us Open. Arrivò ad un passo dalla n.1 occupata da Sampras, ma ciò nonostante la sua carriera resta incredibile. 34 titoli vinti, 24 finali perse: ben sette i Masters vinti, tutti sul cemento di Miami, Indian Wells, Cincinnati e Canada. Ha anche raggiunto una finale nelle Atp Tour Finals e vinto un torneo in doppio: unica pecca i risultati su erba.

Ha infatti centrato finali e tornei vinti in tutti gli Slam e superfici, meno che a Wimbledon e più in generale su erba, spingendosi al massimo fino ai quarti di finale. Giocatore eclettico, di grande velocità ed elasticità, ma dotato di una potenza da fondo ed un’esplosività in grado di rappresentare una vera e propria bestia nera per qualsiasi tennista top dell’epoca. Si è ritirato a soli 31 anni, nel 2003.

Oggi, Chang, compie 46 anni: auguri!


Nessun Commento per “AUGURI MICHAEL CHANG: IL PIU' GRANDE INCUBO DI LENDL”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.