AUGURI SIMONA HALEP, 25 ANNI E UN SOGNO CHIAMATO SLAM

La tennista rumena soffia sulle sue prime 25 candeline e punta al 2017 come l'anno buono per entrare definitivamente nella storia del tennis
martedì, 27 Settembre 2016

TENNIS – Dopo l’ottimo 2015 che l’aveva proiettata dopo le Wta Finals fino alla posizione numero 2 del ranking mondiale (dietro soltanto all’allora numero uno indiscussa Serena Williams), ha certamente sperato che il 2016 potesse essere l’anno buono per portare a casa il primo titolo Slam della carriera.

Ma anche se le cose non sono andate proprio così, nel giorno del suo 25esimo compleanno Simona Halep può comunque festeggiare con il sorriso. Sì, perché dopo un inizio di stagione carico di aspettative ma povero di risultati (a parte l’acuto di Madrid), l’attuale numero 5 del mondo si è risollevata con i trionfi di Bucarest e Montreal (battendo in finale rispettivamente Sevastova e Keys), fermandosi poi ai quarti di finale agli Us Open davanti a Serena Williams.

L’appuntamento con la storia quindi è rimandato, ma il tempo gioca ancora dalla parte della rumena, che a 25 anni ha tutte le possibilità per mantenersi ai massimi livelli e dare l’assalto a quel tanto agognato titolo Slam che renderebbe ancora più scintillante la sua personale bacheca, già “fornita” di ben quattordici titoli Wta. Certo, la finale del Roland Garros 2014 persa contro Maria Sharapova in tre set dopo oltre tre ore di gioco è una “ferita” di quelle difficili da digerire, ma l’aver ritrovato il suo tennis nella seconda parte di questo 2016 può dare alla rumena la giusta convinzione nei propri mezzi in vista della prossima stagione.

Del resto l’esempio della nuova numero uno del mondo Angelique Kerber, che ha coronato il sogno di vincere il suo primo Slam della carriera a 28 anni (diventando poi anche numero uno del mondo), testimonia che anche una giocatrice come Simona Halep ha tutte le carte in regola per scolpire il proprio nome nella storia del tennis, e c’è da scommettere che proverà a farlo fin dall’inizio del 2017, agli Australian Open, dove non si è mai spinta oltre i quarti di finale.

Il suo gioco aggressivo da fondo campo e la qualità dei suoi colpi (compreso il servizio nonostante la statura non proprio da gigante) l’hanno resa una delle giocatrici più forti del circuito, e se riuscirà a ritrovare la giusta continuità del 2015, che le aveva permesso di vincere i tornei di Shenzhen, Dubai e Indian Wells, di arrivare in finale a Toronto e Cincinnati, di giocare le semifinali di Miami, Stoccarda, Roma e degli Us Open (battuta da Flavia Pennetta) e di centrare i quarti di finale a Melbourne, allora nel 2017 sarà una avversaria ancora più difficile da battere, e quel sogno chiamato torneo del Grande Slam potrebbe avvicinarsi sempre di più. Di sicuro, nel giorno del suo compleanno, è il migliore augurio che si possa fare.

(Nella foto Simona Halep – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “AUGURI SIMONA HALEP, 25 ANNI E UN SOGNO CHIAMATO SLAM”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.