AUS OPEN, DAY 3. NADAL: “VERDASCO HA MERITATO”

Melbourne perde per strada Rafa Nadal e Simona Halep, sconfitti da Verdasco e Zhang. Le voci del dopogara, comprese quelle degli altri big qualificati
martedì, 19 Gennaio 2016

TENNIS – Le sorprese annunciate nella giornata di ieri, stando a quanto accaduto nel day-two, non hanno tardato a materializzarsi. Gli Australian Open regalano le prime eliminazioni eccellenti, che rispondono ai nomi di Rafa Nadal e Simona Halep. Ecco tutte le voci del dopogara.

Il pluricampione del Roland Garros, nonostante le premesse delle scorse settimane, delude nel primo Slam della stagione: “È stata una partita combattuta, ma nell’ultimo set Fernando ha fatto qualcosa di incredibile. Non c’è molto da fare quando un avversario ribatte colpo su colpo e con quell’efficacia. Per quanto mi riguarda, non sono contento della prestazione: ho preso pochi rischi quando avrei dovuto forzare la mano, questo è senz’altro il mio rimpianto più grande. Devo congratularmi con lui”. Dalla risposta di Verdasco traspare tutta la gioia del colpaccio: “La mente è tornata a quella semifinale del 2009, ma stavolta l’esito è stato diverso. Ho pregato di non perdere un’altra volta in quel modo, l’ho tanto desiderato e si è visto dagli scambi che ho giocato. Ce l’ho messa tutta, credo che sia il giusto premio”.

Tra i protagonisti del main draw maschile ci sono anche Wawrinka e Murray. Lo svizzero batte Tursunov, che si ritira a metà del secondo set, lasciandogli un po’ di amaro in bocca: “Non mi piace vincere così, mi dispiace per l’infortunio occorso al mio avversario. Certo, potrò guadagnarci in termini di energie e questo è un bene. Vedremo come andrà nel prossimo turno, spero di continuare come si è visto in quei pochi frangenti del match”. Per lo scozzese, invece, una vittoria convincente su Zverev: “Avrei potuto chiuderla prima, ma il clima troppo caldo mi ha fatto desistere. Rimane comunque una bella prestazione, sono contento soprattutto per il numero di break ottenuti. Ci sono stati anche scambi piuttosto lunghi: credo che Zverev possa fare strada”.

Per quanto riguarda le donne, si parte dall’eliminazione di Simona Halep. La Zhang firma il clamoroso successo sulla rumena, che non nasconde la delusione: “Ha giocato molto bene, a differenza mia, e credo abbia meritato la vittoria. Sono davvero delusa perché non sono riuscita a mantenere un ritmo accettabile: ho sprecato un’occasione per indirizzare il match verso il terzo set, lì ho capito che avrei perso. Devo ritrovare la giusta motivazione, voglio guardare avanti”.

I sorrisi, invece, arrivano da Ana Ivanovic e Vika Azarenka. La serba supera agevolmente la Patterson: “Ho giocato una partita di sostanza, avevo un gioco molto solido e il fisico rispondeva a ciò che avevo in mente. Contro un’avversaria che non si conosce, è importante mantenere alta la concentrazione e mostrare aggressività dalle prime battute. Ho sempre avuto in mano il pallino del gioco, è una vittoria importante”. La bielorussa non nasconde le ambizioni e lo dimostra nel doppio 6-0 inflitto alla Van Uyvanck: “Sono molto contenta, non solo per il risultato ma anche per la prestazione in sé. Sono stata lucida ed efficace dal primo all’ultimo punto, questo è un ottimo segnale in vista dei prossimi impegni. Spero di arrivare più avanti possibile”.

Aspettando gli esiti del terzo giorno, in programma nelle prossime ore, due stelle dei circuiti ATP e WTA devono già salutare Melbourne. Abbandonate le speranze di titolo, la concorrenza gongola: il campo rimane giudice sovrano, ma le motivazioni crescono.


Nessun Commento per “AUS OPEN, DAY 3. NADAL: "VERDASCO HA MERITATO"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.