AUSTRALIAN OPEN: AVANZANO AZARENKA E BRENGLE, KVITOVA KO

TENNIS - Si conclude il terzo turno femminile degli Australian Open 2015. Petra Kvitova delude e cede alla Keys, mentre l'Azarenka continua il suo cammino. Sogna la Brengle dopo aver vinto un tumore
sabato, 24 Gennaio 2015

Melbourne (Australia). Si concludono i match del terzo turno femminile degli Australian Open 2015. La sorpresa più grande è sicuramente l’eliminazione della campionessa in carica di Wimbledon Petra Kvitova che, sulla Rod Laver Arena, cede alla diciannovenne Keys che, sotto la guida di Lindsay Davenport sta facendo passi da gigante scoprendo il suo miglior tennis e le sue più grandi potenzialità da sviluppare. Avanza agli ottavi anche Vika Azarenka, l’outsider che non ti aspetti sia outsider ma che a causa di enormi vicissitudini ha dovuto ricominciare tutto da capo. Ottavi anche per Madison Brengle che dopo aver sconfitto un tumore della pelle ha fatto fuori la connazionale Vandeweghe continuando a sognare una bella favola australiana.

Vince l’unseeded Azarenka. In una partita che non è neanche lontanamente spettacolare, Victoria Azarenka accede agli ottavi di finale superando la ceca Barbora Zahlavova Strycova 6-4, 6-4 in un’ora e 46 minuti. La bielorussa, che è entrata nel tabellone principale al di fuori delle teste di serie, fa valere tutta la sua esperienza e determinazione, portandosi a casa un match senza giocare, nemmeno lontanamente, un ottimo tennis. Primo set in equilibrio, con la ceca che non sfrutta tre palle break nel secondo game e perde il servizio in quello successivo. Nel sesto game riporta il match in parità ma il break decisivo del primo parziale lo mette a segno Vika. Nel secondo set la Zahlavova Strycova, testa di serie n°25, si trova sotto di due break ma, con la tenacia che la contraddistingue, riesce a recuperare e tornare in parità sul 4-4. La concentrazione però è una sconosciuta quest’oggi e così l’Azarenka si trova a portata di mano il break che capitalizza e che le permette di andare a servire nel game successivo per chiudere definitivamente la questione. Una semplice voleé messa fuori dall’avversaria concede il match point a Vika che chiude con un dritto lungo linea. Ad attenderla agli ottavi ci sarà un’agguerrita Dominika Cibulkova, che farà di tutto per difendere i punti guadagnati con la finale dello scorso anno.

Delusione Kvitova. Se c’è un risultato clamoroso quest’oggi è certamente questo. Un’irriconoscibile Petra Kvitova, testa di serie n°4, ha ceduto 6-4, 7-5 alla statunitense Madison Keys in un’ora e 23 minuti. Match combattuto ed inaspettatamente abbastanza in equilibrio sin dal primo set quando la Kvitova ottiene il primo break nel quinto game e la statunitense riporta l’equilibrio in quello successivo. Servizio solido delle due, salvo nel nono game quando la Keys con una zampata strappa il servizio alla ceca e chiude il primo parziale in 36 minuti. Anche il secondo set imposta questo schema, uno scambio di break all’inizio per poi lottare su ogni palla con il servizio sempre a favore della battitrice. Diviene fondamentale il decimo game quando sul 5-5 Madison ha ottenuto il break fondamentale che le ha concesso di tenere il servizio nel game successivo. Urlo liberatorio quando la Kvitova ha messo in rete un rovescio sul match point. Ma questa non è la prima debàcle pesante per Petra. L’anno scorso,sempre a Melbourne Park, la ceca è stata eliminata al primo turno dalla tailandese Luksika Kumkhum che stava giocando solo il suo secondo torneo del Grande Slam. Per contro la 19enne Keis sta sbocciando splendidamente da quando si è affidata alla guida di Lindsay Davenport che, se si aspettava dei miglioramenti in breve tempo, può ritenersi fin qui soddisfatta del cammino della sua ‘allieva’. Lo scontro con la Brengle permetterà che almeno una statunitense arrivi ai quarti di finale, visto che anche Serena e Venus Williams, ancora in gara, stazionano nella stessa parte del tabellone

La favola Brengle. Da un tumore agli ottavi di finale degli Australian Open. Madison Brengle, numero 64 del mondo, raggiunge per la prima volta in carriera il quarto turno di uno Slam con una sorprendente ma netta vittoria 6-2, 6-3 sulla connazionale statunitense Coco Vandeweghe. La chiave del match è racchiusa nel computo degli errori non forzati: la Vandeweghe ha firmato la rinuncia al torneo mettendone in campo  41 rispetto ai 14 della Brengle, che ha anche convertito quattro delle otto palle break avute a disposizione. Agli ottavi Madison se la vedrà con un’omonima, Madison Keys  giustiziera della campionessa in carica di Wimbledon, Petra Kvitova. La 24enne ha avuto il via libera dai medici solo ad inizio gennaio dopo aver subito, ad ottobre, un intervento per rimuovere un tumore sulla parte interna del ginocchio. Sembrava non finire bene la storia per lei quando i medici le scoprirono un’altra massa tumorale nella mascella. Fortunatamente i test hanno scongiurato il pericolo e i medici le hanno dato il permesso di volare in Australia. La Brengle arriva a Melbourne dopo aver giocato la finale di Hobart persa ahimè contro Heather Watson, ma questo straordinario inizio di stagione le permetterà di agguantare la top 50 dopo gli Australian Open.

Nella foto Victoria Azarenka che esulta dopo la vittoria (fonte: Zimbio.Com)


Nessun Commento per “AUSTRALIAN OPEN: AVANZANO AZARENKA E BRENGLE, KVITOVA KO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.