AUSTRALIAN OPEN, DAY 11: TRA DERBY E FAMIGLIA

Federer-Wawrinka per assegnare il primo posto in finale, ma anche le due semifinali femminili: Serena-Venus per la corona degli Australian Open?

TENNIS – Gli scenari che si sono aperti negli ultimi giorni non erano esattamente in cima ai pronostici dei bookmakers. La possibilità di un Federer-Nadal o di un Serena-Venus nelle due finali degli Australian Open, in effetti, avrebbero dovuto fare la fila dietro accoppiamenti più logici ed accreditati. Invece, l’undicesimo giorno sul cemento di Melbourne è quello in cui può concretizzarsi il 75% di questo salto all’indietro nel tempo. Partono le semifinali, una maschile e le due femminili, tra derby svizzeri e speranze americane.

La tabella di marcia degli uomini presenta lo scontro della parte alta, quello tra Roger Federer e Stan Wawrinka. I due maggiori rappresentanti della racchetta elvetica hanno superato brillantemente lo scoglio dei quarti, ma adesso c’è da giocarsi il primo pass per la finale. Il campione in carica degli US Open, pur vantando una forma migliore ed un ranking più alto rispetto all’ex numero uno del mondo, dovrà fare i conti con uno squilibrio ambientale che già si evince in ogni match del 35enne di Basilea, figurarsi dopo un’assenza di mezza stagione ed un ritorno così in pompa magna. Il fattore psicologico può influenzare quello tecnico? Resta da capire come reagirà fisicamente Stan, sapendo che Roger dovrà variare il più possibile per evitare di metterla su resistenza ed atletismo.

Tra le donne, invece, saranno due i match in programma. Priorità ovviamente riservata a Serena Williams, superfavorita dopo l’eliminazione della Kerber. Per l’americana, che finora ha dovuto affrontare un tabellone relativamente semplice fino alla vittoria su Johanna Konta, c’è un altro scoglio inatteso da superare. Mirjana Lucic-Baroni è uno dei due nomi a sorpresa tra le semifinaliste di Melbourne, sia per l’età (un anno più giovane della sua avversaria, ndr) sia per il tasso tecnico inferiore alle giocatrici che ha fin qui superato. Eppure, la croata è lì, a giocarsi un posto per il palcoscenico principale: l’ex regina del ranking femminile saprà gestire ancora tutta la pressione su di sè? Nella notte la risposta.

Dall’altro lato, si concretizzerebbe non solo una finale tutta americana, ma c’è anche la possibilità che l’affare del trofeo si riduca tutto ad un contesto familiare. Se Serena parte con tutti i pronostici dalla sua parte, Venus Williams deve fare i conti con la terribile connazionale Coco Vandeweghe, carnefice della Kerber e della Muguruza. Pur non essendo partita come testa di serie, la giocatrice a stelle e strisce si è immediatamente fatta largo tra i grandi nomi del torneo, strappando un insperato pass per la semifinale. Adesso l’ostacolo più grande, pensando un match alla volta e senza proiettarsi ad un’eventuale finale: il trucco per superare un monumento come la Venere è tutto qui.

Tre match in programma, ma una serie di componenti in grado di cambiare la storia degli Australian Open. Il programma completo di giornata per seguire dettagliatamente la tabella di marcia, aspettando un weekend ad alta tensione.


Nessun Commento per “AUSTRALIAN OPEN, DAY 11: TRA DERBY E FAMIGLIA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.