AUSTRALIAN OPEN, DAY 3: C’È MURRAY

Il mercoledì di Melbourne accoglie il numero uno del mondo. Andy Murray esordisce, Angelique Kerber torna in campo per il secondo turno

TENNIS – Dopo un martedì lineare, con qualche battaglia di troppo ma nessuna eliminazione eccellente, Melbourne si prepara alla notte della terza tabella di marcia. È il momento di completare la prima fase del tabellone maschile, con il picco della piramide che scende in campo per il suo esordio, ma c’è anche spazio per il secondo turno del main draw femminile. Numeri uno a confronto sul cemento degli Australian Open, aspettando i giorni più delicati e combattuti.

Andy Murray sarà il protagonista indiscusso di giornata, dopo aver visto all’opera tutti gli altri big. Lo scozzese è la ciliegina sulla torta di quest’inizio di Slam: l’inaugurazione della sua avventura passa dal match contro il non irresistibile Rublev, nel penultimo incontro del programma giornaliero prima di Tomic. L’australiano, tra i beniamini di casa e potenziale rivelazione, parte da Estrella-Burgos. L’attesa, però, è anche per gli altri nomi altisonanti che saranno in campo nelle prossime ore, nomi che valgono già per il secondo turno. Nishikori è il primo della lista, in campo nello scontro al cospetto di Chardy, ma tocca anche a Berdych e Tsonga contro Harrison e Lajovic.

La Svizzera, dal canto suo, torna ad accaparrarsi i riflettori con l’artiglieria pesante. Stan Wawrinka se la vedrà con Steve Johnson, ma soprattutto è il secondo giorno di Roger Federer. L’ex numero uno del mondo testerà la sua condizione contro Rubin, dopo l’esordio in quattro set con Melzer. Nel mezzo, anche tanta Australia ed un occhio di riguardo per Nick Kyrgios: il padrone di casa affronterà il nostro Andreas Seppi. Curiosità per un altro eventuale beniamino locale: l’ambizioso De Minaur sfida Querrey.

Il versante femminile, invece, riabbraccia Angelique Kerber dopo l’esordio con qualche difficoltà contro la Tsurenko. La numero uno del mondo torna in campo per il derby tedesco con Carina Witthoeft, da non sottovalutare dopo un inizio così così. Eliminata la Halep, con la Rogers che chiuderà il programma contro la Barty, tocca a Garbine Muguruza farsi valere nelle battute finali del mercoledì. La spagnola affronterà l’americana Crawford per un posto alla fase successiva.

Non solo le due giocatrici succitate: le big attese in nottata a Melbourne sono già schierate per approfittare degli scivoloni altrui. Venus Williams se la vedrà con la svizzera Voegele, Svetlana Kuznetsova completa il tandem delle veterane contro la padrona di casa Fourlis. Carla Suarez-Navarro, poi, sfiderà Sorana Cirstea per mettere pressione alla concorrenza, ma non mancano le ambizioni delle potenziali outsider: Jelena Jankovic attende la Goerges, Genie Bouchard è all’ennesima chiamata di riscatto contro Shuai Peng.

Tanta carne al fuoco per il mercoledì degli Australian Open, tra la lotta agguerrita del circuito maschile e il sempre tortuoso percorso del tabellone femminile. Con il programma del day-three, ci si prepara ad un’altra carrellata dello Slam di Melbourne.


Nessun Commento per “AUSTRALIAN OPEN, DAY 3: C'È MURRAY”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.