AUSTRALIAN OPEN, DAY 5: BIG IN CAMPO DOPO IL NOLE-CHOC

L'eliminazione di Djokovic dagli Australian Open ha sconvolto i piani: Murray, Wawrinka e Federer provano ad approfittarne. tra le donne tocca a Kerber e Muguruza

TENNIS – Non è più il numero uno del mondo, ha perso un gradino al fotofinish del 2016, ma la sua eliminazione scuote ugualmente e fortemente il circuito maschile. La sconfitta di Djokovic apre numerosi scenari a cui la prima settimana degli Australian Open non era preparata: il venerdì di Melbourne manda in campo i primi top players che proveranno a trarre beneficio dal regalo di Denis Istomin. Stesso discorso per il circuito femminile, che ha appena perso Aga Radwanska: per la concorrenza, un nome in meno verso il titolo del primo Slam edizione 2017.

Il maggiore accreditato ad approfittare dello scivolone del serbo, esattamente come a Wimbledon, potrebbe essere proprio Andy Murray. Da numero uno di ranking e tabellone, lo scozzese torna in campo per inaugurare il weekend proprio contro quel Sam Querrey che, sull’erba londinese, gli tolse la fatica di trovare Nole sul suo percorso. Stavolta, però, la benevolenza dell’americano potrebbe non ripetersi. Subito dopo il britannico, la gerarchia mediatica prevede lo spazio riservato agli svizzeri: Stan Wawrinka avrà parecchio da fare contro Troicki, ma soprattutto Roger Federer affronta il primo, vero scoglio della sua avventura australiana. La sfida con Berdych potrà dire molto sulle sue reali ambizioni di ritornare protagonista ad altissimi livelli.

Negli altri match di giornata, il pubblico di casa potrà sostenere il suo Bernard Tomic nel match contro Evans, mentre quello italiano spingerà Andreas Seppi verso un’altra bella pagina Slam dopo la maratona con Kyrgios: Steve Darcis è l’avversario dell’altoatesino. I riflettori, però, rimarranno puntati sulle teste di serie di maggior peso. Torna in campo anche Kei Nishikori, atteso dal match contro lo slovacco Lacko. Tsonga-Sock può riservare contenuti interessanti, chiude la sfida tra Mischa Zverev e Malek Jaziri.

Sul versante femminile, invece, si riparte dopo lo scossone targato Radwanska: la polacca, sbattuta fuori dal torneo dalla Lucic-Baroni, apre ad un’altra caccia alle ambizioni da parte della concorrenza. Angelique Kerber proverà a far capire chi comanda nel circuito rosa, ma dovrà superare l’ostacolo Kristyna Pliskova. La numero uno del mondo è inserita nel quarto match in ordine di programma, preceduta da un altro incontro di gran caratura, ovvero quello tra Jelena Jankovic e Svetlana Kuznetsova. Due veterane a confronto, due giocatrici che puntano a far valere la propria esperienza in un periodo di squilibrio ai piani alti.

Chance importante anche per un altro nome altisonante del main draw australiano. Garbine Muguruza torna sul cemento di Melbourne nell’ultimo incontro previsto dalla tabella di marcia. Di fronte ci sarà la lettone Sevastova, che ha dimostrato di potersi candidare a mina vagante della settimana. Tappa fondamentale anche per Venus Williams, la cui corsa passa dal match contro la cinese Duan: non un ostacolo insormontabile, ma comunque strategico per arrivare al meglio delle energie alla fase successiva. La giornata, però, si aprirà con due match tra quattro potenziali outsider: prima Bouchard-Vandeweghe, poi Svitolina-Pavlyuchenkova. L’America settentrionale e l’Europa orientale provano a mandare avanti le proprie rappresentanti migliori. Chiudono la carrellata Cirstea-Riske e Barty-Barthel.

Saranno sedici, dunque, i match che attraverseranno nottata e mattinata in collegamento con Melbourne. Otto incontri per il tabellone maschile, altrettanti per quello femminile: qui il programma completo del day-five sui campi australiani.


Nessun Commento per “AUSTRALIAN OPEN, DAY 5: BIG IN CAMPO DOPO IL NOLE-CHOC”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.