AUSTRALIAN OPEN, DAY 7: VIA AGLI OTTAVI

Comincia la fase più calda degli Australian Open: quattro ottavi maschili, altrettanti femminili. In campo Murray, Federer, Nishikori e la Kerber

TENNIS -L’ingresso nella seconda settimana passa dagli otto incontri in programma nella domenica di Melbourne. Gli Australian Open entrano ufficialmente nella fase più calda dei quindici giorni oceanici, presentando otto ottavi di finale al giro di boa. Quattro incontri del tabellone maschile, altrettanti del main draw femminile, con tanti giocatori di vertice in campo ed i primi scontri eccellenti che mettono spalle al muro le teste di serie più attese.

Si parte dalla racchetta degli uomini, la cui tabella di marcia si apre con il meglio che la gerarchia ha da offrire. Il primo match in programma è quello di Andy Murray, che apre il settimo giorno del torneo contro Zverev. Non Alexander, non il giovane talento eliminato da Nadal, ma suo fratello Mischa, che però ha dimostrato di non essergli da meno in questa prima fase della manifestazione. Da capo a coda: lo scozzese sarà spettatore interessato soprattutto per quel che riguarda l’ultima sfida di giornata, quella tra Roger Federer e Kei Nishikori. Quello tra lo svizzero e il giapponese è il vero main event della domenica, sia per l’appeal mediatico sia per la qualità e l’equilibrio che sono attesi sul cemento australiano.

Negli altri due confronti del programma maschile, c’è anche spazio per l’Italia. La cavalcata di Andreas Seppi si arricchisce di un nuovo capitolo, ma non è ancora dato sapere se positivo o negativo. Certamente, se l’ostacolo si chiama Stan Wawrinka, le possibilità di ripetere le emozioni degli ultimi due turni diminuiscono. L’altoatesino, però, non è nuovo a certe imprese. Completa la griglia Jo-Wilfried Tsonga, atteso dall’impegno potenzialmente più agevole di giornata. Dall’altra parte troverà il britannico Evans, che però ha già eliminato Cilic e Tomic.

Sul versante femminile, allo stesso modo, c’è la numero uno del mondo in campo. Angelique Kerber deve tornare a dire la sua dopo che Serena Williams l’ha raggiunta agli ottavi. Per la tedesca c’è un’altra americana, Coco Vandeweghe, avversario ostico e da prendere con le pinze soprattutto dopo l’entusiasmo accumulato durante la prima settimana. Prima di lei, Garbine Muguruza proverà a mettere pressione alla concorrenza: la spagnola affronta Sorana Cirstea, ormai sostituta di Simona Halep nelle ambizioni della Romania in Australia.

Spunti a volontà anche nei primi due incontri della tabella di marcia. Si comincia dal derby russo tra Anastasia Pavlyuchenkova e Svetlana Kuznetsova, dal quale potrebbe emergere un’outsider con concrete possibilità di inserirsi in un contesto più prestigioso. Conclude il poker di sfide quella tra la sorpresa e la veterana: Mona Barthel avanza silenziosa, ma stavolta c’è Venus Williams sulla sua strada. Due tipi di ambizioni a confronto, ma stessa voglia di vincere.

La prospettiva della prossima settimana, quindi, passa dalla prima di due domeniche sui campi di Melbourne. Il programma completo del day-seven permette di organizzare le tempistiche tra nottata e mattinata, con la possibilità di assistere a parecchie componenti di sicuro interesse per i prossimi giorni.


Nessun Commento per “AUSTRALIAN OPEN, DAY 7: VIA AGLI OTTAVI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.