AUSTRALIAN OPEN, FEDERER: “NON SONO IL FAVORITO”

Lo svizzera stila la sua griglia di partenza per gli Australian Open, chiamandosi fuori per la corsa al titolo. Pretattica o presa di coscienza?

TENNIS – Che sia pretattica dettata dall’esperienza, che sia una semplice presa di coscienza in un momento della carriera che lo vede allontanarsi dallo stato di forma dei big, le dichiarazioni di Roger Federer sono lo specchio migliore per avvicinarsi agli Australian Open imminenti. Lo svizzero mette pressione sui favoriti, chiamandosi fuori dalla contesa pur avendo il ruolo di campione in carica da tenere ben presente nelle gerarchie.

“Se dovessi fare i nomi più accreditati per la vittoria finale, direi senza dubbio Novak Djokovic, Rafa Nadal e Alexander Zverev”. Con questo pronostico, tutt’altro che credibile conoscendo le ambizioni di chi lo ha formulato, il tennista di Basilea indica una corsa a tre per il titolo di Melbourne, prima prova stagionale del Grande Slam. Il suo commento durante la trasmissione Australian Open Show Podcast lascia intendere un profondo rispetto per i giocatori più in forma degli ultimi mesi, ma anche la certezza di poter giocare sgombro dalle tensioni del risultato dicendo di partire alle spalle di questo trio.

Allo stesso tempo, Federer non nasconde la sua curiosità per le rising stars che potranno definitivamente sbocciare nella stagione appena cominciata: “Ci sono ragazzi che possono tirar fuori delle prestazioni incredibili, la Next Gen ha un gioco devastante e può mettere in crisi l’egemonia dei veterani. Mi viene da pensare a Tsitsipas, Shapovalov o Kyrgios, ma in ogni caso, se il vincitore dovesse essere un giovane talento, parleremmo sicuramente di un nuovo top ten nonché di un candidato forte a diventare un futuro numero uno del mondo”. Poi esce allo scoperto e mostra le sue ambizioni reali: “Sarebbe bello se un Next Gen vincesse un trofeo dello Slam, ma spero che non accada a questi Australian Open”.

Con la previsione di chi la sa lunga, Roger Federer inaugura il suo cammino verso l’operazione Melbourne, che lo vedrà tra i favoriti per la vittoria finale a prescindere dalla sua griglia di partenza. Mai dare per finito lo svizzero, che anche questa volta è pronto a mettere i bastoni tra le ruote alla concorrenza.


Nessun Commento per “AUSTRALIAN OPEN, FEDERER: "NON SONO IL FAVORITO"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Gennaio 2019

  • Nole è sempre Nole. Djokovic chiude l'anno da n.1 per la quarta volta rimontando addirittura dalla posizione n.22 che occupava a metà del 2017, l'ennesima prova di carattere, volontà e talento del serbo.
  • Zverev apre una breccia. A chiudere in bellezza il 2018 è stato il giovane tedesco col trionfo al Masters, e ora la domanda nasce spontanea: il 2019 sarà l'anno dell'atteso ricambio generazionale in campo Atp?
  • Anno nuovo Davis nuova. Ormai ci siamo, è tempo di rivoluzione in ambito Davis. Si riparte con la nuova formula, ma le polemiche non si placano.