AZARENKA E UN PENSIERO FISSO: “GIOCO PER MIO FIGLIO”

Non è un buon momento per l'Azarenka: parla del figlio e della motivazione che la spinge a giocare

Tennis. Viktoria Azarenka è tornata nel prestigioso torneo di Indian Wells nonostante i mille problemi legati alla causa di affidamento del figlio. La bielorussa ex n.1 del mondo spiega come proprio tale questione rappresenti in qualche modo la motivazione principale che la spinge a giocare.

Era l’unica scappatoia che avevo per dimenticare cosa stava accadendo intorno a me. Lo pratico da quando avevo 7 anni, è parte della mia vita, non è solo un divertimento, ma anche quello che faccio per vivere. Essere lontana da questo mondo è difficile per me, anche in allenamento ne risento spesso. Ogni tanto riuscivo ad accantonare i pensieri, ma avevo bisogno di fermarmi per trovare la giusta concentrazione“.

Si è rialzata e preparata per questo torneo, vincendo all’esordio ed uscendo nel turno seguente: “Mi meraviglio già del fatto che sia riuscita a rimettermi in sesto ed essere pronta per questo torneo. Non avrei mai pensato di essere così positiva e calma, dopo tutto quello che sono riuscita ad affrontare e che ancora sto vivendo in questi mesi. Mi rendo conto che c’è ancora tanta strada da fare per tornare al top. La priorità è avere la testa libera da altri pensieri, cosa che in questo momento mi risulta impossibile. Una volta che ci sarò riuscita, potrò concentrarmi al 100% sul tennis“.


Nessun Commento per “AZARENKA E UN PENSIERO FISSO: "GIOCO PER MIO FIGLIO"”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Maggio 2018

  • Nadal senza limiti. Continua a primeggiare il n.1 del mondo, in barba agli infortuni, al nuovo che avanza e anche ai suoi quasi 32 anni. Un fenomeno che si nutre di "mattone tritato".
  • Gli Internazionali di un tennista romano. Nascere ad un passo dal centrale del Foro Italico, scrutarlo, sognarlo e riusicire a calcarlo da beniamino del pubblico. "Core de Roma" Pistolesi racconta il suo sogno diventato realtà.
  • In America qualcosa si muove. I tornei d'oltreoceano giocati a Indian Wells e Miami hanno mostrato un panorama tennistico in movimento, in cui le certezze dei campionissimi traballanno e cominciano a intravedersi sprazzi di futuro.