AZZURRO GARDEN

La 16.ma edizione dell’Open capitolino torna a premiare un italiano dopo otto anni grazie a Simone Bolelli, vittorioso in finale su Eduardo Schwank. La coppia colombiana Cabal-Farah trionfa nel doppio
martedì, 14 Giugno 2011

Roma – Tradizionale prologo agli Internazionali d’Italia, il Challenger da 30mila euro di montepremi organizzato dal T.C. Garden del Presidente Ezio “Pancho” Di Matteo è tornato a sorridere ai colori azzurri, all’asciutto dal successo di Giorgio Galimberti del 2003. Simone Bolelli trova una settimana di grazia, mettendo a frutto il lavoro svolto insieme a Renzo Furlan e ai preparatori Marco Panichi e Livio Sgarbi e sfruttando la wild-card concessagli dal Circolo di Cinecittà per trovare la miglior forma in vista degli appuntamenti centrali della stagione.

Ottimo Bolelli, bravo Vagnozzi Un torneo in crescendo per il tennista bolognese, chiamato subito a tirar fuori gli artigli nel match del primo turno contro il numero 2 del tabellone, il tedesco top-100 Julian Reister. Due ore di gioco, un tie-break e un 6/4 al secondo set galvanizzano Bolelli che si ripete poi nel derby contro quel Paolo Lorenzi grande protagonista poi al Foro Italico. Più agevole il quarto di finale opposto al qualificato austriaco Martin Fischer, quindi il secondo incrocio azzurro contro Simone Vagnozzi, capace in precedenza di eliminare al terzo set il sempreverde Nicolàs Massu. Un match esaltante per il numeroso pubblico accorso ai campi di Via delle Capannelle, con Bolelli vittorioso al primo parziale ma costretto poi al tie-break da un tenace Vagnozzi. Applausi per entrambi, poi la finalissima dove Bolelli trovava l’argentino Eduardo Schwank, terraiolo terribile già vincitore al Garden nel 2008 ed entrato nei primi 50 del mondo lo scorso anno. Nel primo set per Bolelli si riaffacciavano vecchie amnesìe, con Schwank implacabile nell’approfittarne e chiudere 6/2. Sotto lo sguardo attento di Corrado Barazzutti, il bolognese trovava una grande reazione, spingendo al  massimo con il dritto e infilando sei giochi consecutivi per andare al terzo parziale. Decisivo sul 3-3 il break ottenuto da Bolelli, che teneva poi il servizio e con un altro break si portava a casa il Torneo. Per lui ora, dopo un discreto Roland Garros, l’obiettivo è entrare nel main-draw di Wimbledon – primo avversario delle qualificazioni l’israeliano Amir Weintraub – e presentarsi al meglio il prossimo 8 luglio alla tre-giorni di Davis contro la Slovenia, ennesima ripartenza azzurra per tentare la promozione nel World Group.

Il grande tennis della Capitale Nel doppio affermazione del duo colombiano formato da Juan Sebastian Cabal e Robert Farah, vittoriosi in un derby tutto latino contro la coppia centro-americana Gonzales-Rettenmaier. Prima della consueta esibizione sul campo contro l’attore Max Giusti, il Presidente del TC Garden Ezio Di Matteo ha voluto esprimere tutta la sua soddisfazione per un Torneo ormai stabilmente nel Circuito Challenger Atp.


Nessun Commento per “AZZURRO GARDEN”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • IL GRANDE SPETTACOLO DEL GARDEN Tanto pubblico e tennis di alto livello alla 19.ma edizione del Roma Open Garden vinta dal tedesco Julian Reister. Bene Volandri e Cecchinato, deludono Lorenzi e Starace, rimandato Quinzi
  • IL GRANDE TENNIS E’ AL TC GARDEN Il Circolo del Presidente Ezio Di Matteo ospita la seconda tappa capitolina del Challenger Tour ATP, facendo da prologo agli Internazionali del Foro Italico. I nostri Starace e Volandri […]
  • AL VIA IL ROMA GARDEN OPEN Mentre il Foro Italico si prepara ad accogliere gli Internazionali Bnl d'Italia, il grande tennis è già nella capitale per la seconda tappa romana del Challenger Tour dell’Atp. Atteso il […]
  • IL PARK SI GODE FOGNINI Il Club genovese festeggia il suo Davisman, straordinario protagonista nel successo azzurro contro la Croazia che ci ha riportato tra le migliori otto al mondo dopo quindici anni
  • BOLELLI E FOGNINI NON DELUDONO, ITALIA IN RIMONTA TENNIS - Punto importantissimo per l'Italia di Barazzutti. Ce lo regalano nella giornata del doppio i solito Bolelli e Fognini completando una rimonta in un match durissimo con tre tie […]
  • PAOLO, CHE PECCATO! In Croazia Lorenzi arriva a servire per il match contro Dolgopolov, ma l'ucraino si riprende, imponendosi al tie-break decisivo. Fuori anche Volandri. Si qualificano Simone Vagnozzi e Simone Bolelli

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.