BARAZZUTTI E LA FED CUP, ADDIO DOPO LE OLIMPIADI?

Il capitano italiano di Fed Cup, in un’intervista a La Stampa, parla del futuro suo e della nostra nazionale femminile. Dopo le Olimpiadi scadrà infatti il suo contratto e il capitano apre le porte ad una donna sulla panchina azzurra
domenica, 15 Febbraio 2015

Corrado Barazzutti è uno dei pilastri portanti del tennis italiano degli ultimi due decenni. Dopo una grande carriera da giocatore, che l’ha visto arrivare fino al numero sette del mondo (ultimo italiano ad entrare nella top ten Atp nel 1978), dal 2001 occupa la panchina di capitano di Coppa Davis e dal 2002 anche quella di Fed Cup. Proprio in veste di capitano non giocatore della nazionale femminile ha raccolto i migliori risultati, portando le azzurre sul tetto del mondo in quattro occasioni: nel 2006, nel 2009, nel 2010 e nel 2013. Una settimana fa, insieme a Sara Errani, Roberta Vinci, Camila Giorgi e Karin Knapp, ha dovuto sopportare una delle delusioni più cocenti della sua esperienza da capitano, con la clamorosa eliminazione ai quarti di finale di Fed Cup, a Genova, contro la Francia, che era sotto 0-2 dopo la prima giornata. Una sconfitta che costringerà ora l’Italia a giocare i play off per rimanere nel World Group, contro gli Stati Uniti di Serena e Venus Williams.

Uno spareggio che potrebbe essere un autentico crocevia per la storia della nostra nazionale femminile. Il gruppo storico infatti è composto da giocatrici non più giovanissime ed un’eventuale retrocessione potrebbe condurre alcune di queste a riconsiderare le proprie priorità per il futuro, soprattutto dopo le Olimpiadi di Rio del prossimo anno. “Io sono abituato a ragionare match per match”, ha dichiarato Barazzutti in un’intervista esclusiva rilasciata al Quotidiano torinese “La Stampa”. “Ma è chiaro e naturale che dopo le Olimpiadi qualcuna potrebbe decidere di lasciare: allora bisognerà pensare a ricostruire la squadra”.

Già le Olimpiadi brasiliane, un appuntamento importantissimo, che significa molto anche per il nostro storico capitano. Proprio il prossimo anno infatti, scadrà anche il suo contratto e dopo 15 anni, Corrado potrebbe alzarsi da quella panchina che tante soddisfazioni gli ha regalato. “Ho fatto un lungo percorso, pieno di soddisfazioni”, continua Barazzutti. “Esaurito questo, mi piacerebbe iniziarne uno nuovo. Ne parlerò con il Presidente”. E in futuro, come capitano, potrebbe arrivare il turno di una donna, seguendo l’esempio della Francia di Amelie Mauresmo. È lo stesso Barazzutti ad aprire alla soluzione “rosa”: “Perchè no? I tempi sono maturi. Vedremo cosa vorranno fare le ragazze quando molleranno la racchetta”. E chissà che a sedersi sulla panchina italiana non possa essere proprio una delle eroine delle vittorie in Fed Cup degli ultimi anni.


Nessun Commento per “BARAZZUTTI E LA FED CUP, ADDIO DOPO LE OLIMPIADI?”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • SERENA: “ADORO VEDER GIOCARE LA GIORGI” Uno a uno dopo la prima giornata a Brindisi. Serena ha dovuto sudare molto contro la Giorgi e dopo il match ha riconosciuto l’enorme potenziale della marchigiana. Soddisfatti Barazzutti ed Errani
  • PENNETTA: “DUE SPLENDIDE GIORNATE” Dopo il trionfo di Brindisi, grande soddisfazione in casa Italia. Sportive le americane, che riconoscono i meriti delle nostre ragazze
  • FED CUP, RIMONTA FRANCIA, ITALIA ELIMINATA Grandissima impresa della squadra francese, che a Genova recupera uno svantaggio di 2-0 e si impone per 3-2. Caroline Garcia e Kiki Mladenovic, dopo aver vinto i due singolari contro […]
  • FED CUP, BARAZZUTTI SCEGLIE ERRANI E GIORGI Si è svolto a Genova il sorteggio del match di Fed Cup tra Italia e Francia. Sabato, alle 14,00, apriranno il programma Sara Errani e Caroline Garcia. Successivamente sarà la volta di […]
  • AUSTRALIAN OPEN, IL PAGELLONE FEMMINILE Va in archivio il primo slam dell’anno. Trionfa Serena, ma Masha lotta. Ritorna in scena Venus Williams, mentre fa la sua fragorosa comparsa la Keys. Deludono in tante, le italiane non […]
  • FEDCUP2015: A GENOVA SARA’ BATTAGLIA TRA ITALIA E FRANCIA Le azzurre di Barazzutti sfideranno la Francia della Mauresmo con il vantaggio del campo in terra rossa indoor, anche se i precedenti in Fed Cup dicono Francia

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.