BARAZZUTTI: “SPERO CHE SINNER ENTRI A FAR PARTE DEL TEAM AZZURRO”

Il capitano azzurro di Coppa Davis auspica che Sinner entri presto a far parte della selezione italiana. Appuntamento a febbraio

Tennis. In occasione del Lemon Bowl 2020, il capitano azzurro di Coppa Davis – nonché coach di Fabio Fognini – Corrado Barazzutti ha tracciato un bilancio alla vigilia della nuova stagione.

La speranza per il 2020 è che Fabio e tutto il tennis italiano possano togliersi delle grandi soddisfazioni – ha dichiarato all’ufficio stampa dell’evento -, oltre a lui abbiamo anche Berrettini, Sonego e tanti altri ragazzi che stanno giocando un ottimo tennis. 

Sinner? Mi auguro entri a far parte molto presto del team azzurro. Abbiamo alcuni fra i giocatori più forti del mondo e spero che arrivino grandi risultati sia a livello di singoli che come squadra di Coppa Davis”.

Inutile negare che il pupillo di Riccardo Piatti sarà un osservato speciale nei prossimi mesi, dove l’obiettivo minimo è l’ingresso nella Top 50. Il suo 2020 inizierà al Challenger di Canberra, prima di volare a Melbourne per gli Australian Open.

In realtà Barazzutti dopo Milano me lo ha chiesto – aveva raccontato il 19enne altoatesino al Corriere del Trentino – ma con il mio staff abbiamo preferito rinunciare. Quest’anno ho giocato tanto e credo che adesso sia giusto concentrarmi sulla preparazione della nuova stagione.

Io mi sento e sono italiano. Totalmente. Ancor di più da quando vivo a Bordighera. Ormai parlo italiano quasi meglio che tedesco. Mi piacerebbe giocare con l’Italia la Davis e magari anche vincerla non sarebbe male”.  


Nessun Commento per “BARAZZUTTI: "SPERO CHE SINNER ENTRI A FAR PARTE DEL TEAM AZZURRO"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.