BECKER BLOB, PERLE DI SAGGEZZA DEL NOVELLO COACH

TENNIS - Il meglio del Becker pensiero raccolto in dieci massime che più contraddistinguono le sfaccettature di questo singolare personaggio
venerdì, 27 Dicembre 2013

Tennis. Da poco tornato alla ribalta per aver accettato l’incarico di head coach all’interno del prestigiosissimo team di Novak Djokovic, Boris Becker attualmente si trova ad Abu Dhabi dove è impegnato a seguire il suo nuovo pupillo alle prese con la esibizione del Mubadala World Tour Championship (oggi affronterà Jo-Wilfried Tsonga nella seconda semifinale).

A tal proposito il sito The tennis space ha raccolto un decalogo delle migliori frasi pronunciate dalla leggenda del tennis tedesco durante la sua brillante carriera, ve la riproponiamo: dieci perle di saggezza dell’istrionico tennista teutonico che vi aiuteranno a smaltire le abbuffate natalizie:

Se vinci non sei di certo più vicino a Dio. Allo stesso modo quando perdi non sei più vicino al diavolo

Se cominci a comportarti in campo una bestia, allora io mi trasformerò in una bestia ancora più feroce e ti distruggerò” rivolto a John McEnroe durante uno dei loro confronti (e c’è da dire che forse per la prima volta il mancino statunitense trovò pane per i suoi denti).

Persino i miei consiglieri più vicini, i miei genitori ed i miei amici vivevano uno stato di shock più profondo del mio. Per me cominciava una vita che non molti essere viventi avevano la possibilità di conoscere. Cominciavo ad essere riconosciuto in posti della cui esistenza non ero al corrente. Persino nei più piccoli atolli senza elettricità ho trovato persone che mi conoscevano. Sono una delle personalità più famose sulla terra, sì“, così si espresse il tedesco, candidamente quanto realisticamente, riguardo la fama che seguì dopo aver vinto Wimbledon all’età di 17 anni.

Quando ho guardato i miei fan negli occhi, ho pensato che stavo guardando dei mostri. Nel momento in cui ho constatato questa cieca ed emotiva devozione fui in grado di comprendere cosa ci accadde a Norimberga

Sinceramente non ho idea di cosa mi renda così sexy. Non sono certo un Adone, nè posso vantarmi di aver un membro più grande della norma“, simpatico commento quasi a luci rosse sul suo proverbiale charme.

Ed eccolo rincarare la dose: “Potrei andare a letto con qualsiasi donna io voglia. Mi accade quello che, sfortunatamente ma frequentemente, accade alle donne: gioco ad essere inseguito. Ma come tutte le altre cose: se puoi averne in abbondanza, la cosa non ti attira più di tanto“.

Ci vogliono trasformare in prostitute a caccia di soldi. È una cosa oscena. Ti dicono: ‘Ti do un milione’. E tu rispondi ‘No’. Ed allora, visto che sono convinti che chiunque abbia un prezzo, ti dicono ‘ Te ne do tre di milioni’. E tu gli rispondi ancora ‘No’. Mi fa sentire bene sapere che non mi do via così a buon mercato

Mi succedeva 24 ore al giorno. Quando dormivo sospettavo ci fosse una telecamera nascosta tra le lenzuola. Più mi impegnavo ad adempiere i miei impegni patriottici, più diventavo paranoico“.

 Quando sei giovane sei alla ricerca della tua identità e vincere per me era un modo per esprimere me stesso. Questo perché pensavo che vincendo diventavo qualcuno, mentre perdendo, di conseguenza, non ero nessuno“, sul significato di vittoria e sconfitta sul campo per il giovane Becker.

 Non ho dato inizio ad una guerra. Nessuno è morto. Ho solo perso un incontro di tennis, niente di più“, qui in versione molto più zen dopo aver perso dall’australiano Peter Doohan al secondo round di Wimbledon, edizione 1987.

 


1 Commento per “BECKER BLOB, PERLE DI SAGGEZZA DEL NOVELLO COACH”


  1. arbe ha detto:

    Era molto meglio quando faceva del serve and volley, piuttosto che quando apriva la bocca…Non mi è mai piaciuto come persona, anche se ho sempre ammirato le sue doti tennistiche. Non ero a conoscenza di queste sue “perle” di saggezza…La domanda nasce spontanea: ma “Socrate” Becker dove ha studiato per aver acquisito cotanta profondità d’ animo: a Oxford o a Cambridge?…Grande tennista, indubbiamente, ma uomo ridicolo.


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • BECKER, LENDL, EDBERG: RITORNO AL PASSATO TENNIS - Andy Murray ha inaugurato la tendenza verso la fine del 2011, scegliendo Ivan Lendl come coach. Pochi giorni fa è arrivata la notizia della collaborazione tra Novak Djokovic e […]
  • NOLE CON BECKER PER IL BIS AI CHAMPIONSHIPS TENNIS - Il serbo sfida quest'oggi Roger Federer per il secondo titolo a Wimbledon. Non sarà facile contro un elvetico apparso molto carico e in palla. Il serbo si avvarrà anche della […]
  • LA STOSUR SI AFFIDA A MACLAGAN TENNIS- Dopo il divorzio da Andy Murray e Laura Robson, il coach britannico Maclagan prende in mano la carriera di Sam Stosur.
  • HENRI LECONTE NOME FORTE PER IL DOPO CLEMENT? Henri Leconte potrebbe guidare la Francia in Davis per il dopo Clement. Superata la concorrenza di Noah, il 52enne ex finalista al Garros è già entusiasta: "Bisogna sfruttare questa […]
  • DERBY E INCROCI PERICOLOSI, E’ LA DAVIS 2015 Da Serbia-Croazia a Germania-Francia. Da Gran Bretagna-Stati Uniti ad Argentina-Brasile passando per l'eventuale Cina-Taipei. Quante sfide dal gusto particolare nella Coppa del prossimo anno!
  • DAVIS CUP, LE CONVOCAZIONI DEL WORLD GROUP Dopo le convocazioni di Argentina-Italia, ecco i protagonisti delle altre sette sfide del World Group. Serbia senza Djokovic, Svizzera senza Federer, Spagna senza Nadal e Ferrer.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.