DA BECKER A MCENROE: TUTTI PARLANO DI CECCHINATO

Da panatta a Wilander, da Becker a McEnroe: tutti pazzi di Marco
giovedì, 7 Giugno 2018

Tennis. Marco Cecchinato ha fatto letteralmente impazzire tutti gli appassionati di tennis, non solo italiani, ma anche quelle leggende che nello sport ne hanno viste tante, ma forse non clamorosa come questa. Ancora potrebbe non essere finita, ma nel frattempo alcuni dei maggiori protagonisti della racchetta hanno detto la loro riguardo l’exploit del palermitano.

John McEnroe: “Sul 5-2 nel terzo set non immaginavo avrebbe potuto vincere, ma sulla terra si muove davvero bene e sa cosa fare. E negli scambi prolungati non va mai in sofferenza”.

Mats Wilander, a 30 anni esatti dal suo di successo a Parigi: “Lo gioca molto bene quel rovescio, soprattutto in slice e con la palla corta. Credo possa avere un futuro brillante, in particolare sulla terra, ha solo 25 anni. E poi ci voleva una ventata di novità, da quando sono arrivati i Fab Four era difficile vedere emergere qualcuno con questa prepotenza”.

Borsi Becker: “Marco sta sognando e non ha nessuna voglia di svegliarsi. Stiamo parlando di Marco Cecchinato da Palermo. È pazzesco come sia riuscito a tenere i nervi saldi per tutto il torneo. Qualsiasi tennista che non abbia mai vinto un solo match in uno Slam e poi arrivi in semifinale, si merita di essere lì”.

Infine, il mai banale Panatta: “Il tennis evidentemente c’era già, capita che si trovino momenti favorevoli, scatta qualcosa, si prende fiducia. È la cosa più bella che possa capitare quando capisci di potertela giocare con tutti”.


Nessun Commento per “DA BECKER A MCENROE: TUTTI PARLANO DI CECCHINATO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.