NIENTE DA FARE PER FRANCESCA SCHIAVONE

TENNIS - E' appena terminata la prima giornata dei primi turni agli Internazionali BNL d'Italia. Sorride la giovane WC Nastassja Burnett, che sconfigge con un rapido 6-2 6-2 la transalpina Alize Cornet. In serata, enorme delusione per Francesca Schiavone, che anche quest'anno esce al primo turno, stavolta per mano di Kiki Bertens. Eliminate anche Venus Williams e Svetlana Kuznetsova.
lunedì, 13 Maggio 2013

Tennis – Roma, Internazionali BNL d’Italia – Sono incominciati oggi i primi turni femminili nella monumentale cornice del Foro Italico, come sempre affollato di gente proveniente da ogni parte d’Italia, volonterosi di vedere i più grandi campioni lottare a pochi metri di distanza. In effetti, si è partiti subito a mille, e non sono mancate le sorprese.

Sorpresa gradita, innanzitutto, quella della giovane romana Nastassja Burnett che, attorno a una marea di tifosi nella ‘conca’ del Pietrangeli, ha sconfitto la francese Alize Cornet con un doppio 6-2. La ventunenne azzurra è stata autrice di una prestazione molto solida al servizio e nel colpi dal fondo, non dando scampo alla transalpina, che è apparsa molto confusa. Il pubblico era ovviamente tutto per la bella ‘Asia’, che poco fa ha dichiarato la sua predilezione per lo stadio Pietrangeli, il quale possiede un’atmosfera unica al mondo. Al prossimo turno sfiderà la vincente tra Roberta Vinci e Elena Vesnina. Possibile dunque un derby con la tarantina, che appassionerebbe oltremodo il Foro Italico. “Spero di incontrare Roberta – dichiara Nastassja ai microfoni – così daremo un bello spettacolo al pubblico di Roma”.

Per un derby possibile, un altro che invece sfuma. Non ci sarà di certo l’incontro tanto agognato tra Flavia Pennetta e Francesca Schiavone al secondo turno. La milanese infatti è stata poco fa sconfitta dall’olandese Kiki Bertens per 7-6(5) 6-1. A dispetto del punteggio severo, il match fino a metà del secondo set è stato molto aperto, e in non pochi casi l’ago della bilancia sembrava passare all’ex n. 4 del mondo, che però si è rivelata oltremodo fallosa e non ha saputo sfruttare le sue occasioni.

Il primo set è in equilibrio: Francesca è molto passiva e non prende l’iniziativa degli scambi, ma la Bertens non pare approfittarne. Gli scambi si intensificano e l’olandese riesce a procurarsi il break fino al 5-4, quando può servire per il primo parziale. Qui Francesca impenna il suo livello di gioco, grazie anche ai consigli di Laura Golarsa, che le suggerisce di usare più il polso per contenere gli errori e scendere più a rete. La Leonessa obbedisce e grazie a un paio di splendidi dritti sulla riga, riesce a recuperare il break in extremis, portandosi sul 5 pari. Entrambe poi tengono il servizio e si va al tie-break. Qui la Schiavo parte bene, si procura un mini-break e sembra aver l’incontro in pugno. Ma, avanti 4 a 2, la Bertens riesce a recuperare – complici alcuni errori della nostra – ed è autrice di un bel parziale di 5 giochi a 1, vincendo tie-break 7-5 e aggiudicandosi il primo set.

Il secondo parziale non ha molto da dire. La Schiavone, visibilmente frustrata dalla perdita del primo, che poteva facilmente essere suo, inizia a provare improbabili vincenti, non accetta gli scambi ed sbaglia troppo al servizio. La sua impazienza non la premia: la Bertens si porta avanti 4-1 in pochi minuti. Nel sesto gioco è in scena una battaglia durissima dove la Schiavone tenta disperatamente di tenere il servizio, ultimo scampolo di speranze quasi svanite. Francesca elimina con autorità la prima palla break ma poi commette doppio fallo e un altro errore in back, che concede il secondo break alla bionda olandese. Kiki non si fa pregare, e nel turno successivo chiude a 30 set e match. Al prossimo turno la Bertens incontrerà la vincente tra la Pennetta e la statunitense Sloane Stephens.

Delusione amara per Francesca che, a un anno esatto di distanza dalla umiliante sconfitta contro la Makarova, esce di nuovo all’esordio, tra il suo pubblico, in quella ‘sua’ Roma che tanto ama ma in cui non ha mai ottenuto grandissimi risultati.

Nessuna sorpresa, invece, circa gli altri primi turni femminili – ad eccezione della clamorosa uscita di scena di Svetlana Kuznetsova, battuta 6-1 6-1 dalla rumena Simona Halep. Sconfitta inaspettata, quella della russa, perché Sveta veniva da una settimana brillante nel torneo di Madrid dove aveva raggiunto gli ottavi, battuta dopo una battaglia lottatissima contro Angelique Kerber.

Nulla da fare, infine, per Venus Williams, battuta seccamente dalla stellina inglese Laura Robson. Sarà lei che incontrerà la n. 1 del mondo Serena Williams, spazzando via ogni speranza di un illustre derby tra sorellone.

 

Qui i risultati:

Roma, Internazionali BNL d’Italia – Primo turno

N. Burnett def. A. Cornet – 6-2 6-2

S. Peng def. M. Niculescu 4-6 6-3 6-2

S. Lisicki def. M. Burdette 6-1 6-2

A. Morita def. S. Cirstea 6-1 6-3

M. Oudin def. E. Makarova 2-6 7-5 4-2 (retired)

G. Muguruza def. M. Johansson 1-6 6-0 6-2

L. Robson def. V. Williams 6-3 6-2

S. Stosur def. S.-W. Hsieh 6-2 6-3\

J. Jankovic def. T. Pironkova 6-3 6-0

S. Halep def. S. Kuznetsova 6-1 6-1

K. Bertens def. F. Schiavone 7-6(5) 6-1

 

 

 


Nessun Commento per “NIENTE DA FARE PER FRANCESCA SCHIAVONE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.