BERRETTINI: “ERO POCO LUCIDO, FEDERER TI TOGLIE SEMPRE IL TEMPO”

Dopo la netta sconfitta contro Federer agli ottavi di Wimbledon, Berrettini ha lodato la capacità dello svizzero di togliere il tempo

Tennis. È terminata con una pesante batosta l’edizione 2019 di Wimbledon per Matteo Berrettini, capace di racimolare appena cinque game contro l’otto volte campione Roger Federer sul Centre Court. Una sconfitta che nulla toglie alla grande cavalcata effettuata dal giovane romano.

“È stato un mix, sia il posto, sia lui. Neanche riuscivo a pensare, ero poco lucido. Certamente ho la sensazione che se dovessi giocarci 5-6 volte contro, potrei fare meglio. Dovrei essere numero 18, dipende anche dagli altri.

Sinceramente anche se avessi perso al primo turno sarebbe stata una grande stagione lo stesso, non devo pensare solo alla sconfitta di oggi, il percorso è importante, ho vinto tanto e devo essere felice di quello che sto facendo.

In fondo è solo il secondo anno sul tour, c’è un percorso di maturazione tecnica e mentale” – ha ammesso Berrettini nel post match.

Matteo ha aggiunto: “Mi ero allenato con lui due volte nel 2015 quando io non ero a questo livello. Oggi avevo la sensazione che lui giocasse benissimo. Ti toglie sempre il tempo, sia quando attacca, sia quando rallenta. Anche quando rallenta, è incredibile, ma ti toglie il tempo.

È una roba che non si può descrivere. Quando spingi la palla ti torna più veloce, stiamo parlando del più grande di sempre. È una roba che… non lo so! È qualcosa che va al di la di tutto, probabilmente tutti noi siamo qui perché c’è stato lui. Questa è la descrizione.”


Nessun Commento per “BERRETTINI: "ERO POCO LUCIDO, FEDERER TI TOGLIE SEMPRE IL TEMPO"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2019

  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.
  • Che caratteraccio Daniil! Medvedev ha un temperamento a volte iroso che lo rende poco simpatico, ma il suo tennis imprevedibile che non piace agli avversari piace molto al pubblico...
  • Il grande talento di Bianca. La Andreescu è la prima tennista nata nel Terzo Millennio capace di conquistare un titolo Slam. Ci è riuscita agli US Open sulla pericolosissima beniamina di casa Serena Williams.
  • Un secolo di gloria. Lo storico Circolo Canottieri Roma ha compiuto 100 anni e ha festeggiato con una favolosa festa alla quale sono intervenuti 500 soci ed ospiti illustri del mondo sportivo, artistico e culturale. A concludere la serata dei sontuosi fuochi d'artificio.