CONFERMA ISNER, STECCA NALBANDIAN

Nella prima giornata dei quarti di Coppa Davis, Isner ha dato seguito al suo ottimo stato di forma battendo Simon, e regalando agli Usa un importante 1-1 alla vigilia del doppio. In Argentina, invece, inattesa sconfitta per Nalbandian, piegato in cinque set da Cilic
sabato, 7 Aprile 2012

Un match già praticamente chiuso, e tre ancora tutti da decidere. È questo il bilancio della giornata d’apertura dei quarti di finale di Coppa Davis, che, per la prima volta nella storia, si stanno giocando tutti sulla terra battuta. L’unica formazione ad aver già in mano la qualificazione per le semifinali è la Spagna, che già domani potrà chiudere i conti nella sfida con l’Austria. Pur privi del loro numero uno Rafael Nadal, i campioni in carica hanno passeggiato contro Jurgen Melzer e Andreas Haider-Maurer, capaci, sul rosso di Oropesa del Mar, di raccogliere la misera di tredici giochi in due. Troppo forti David Ferrer e Nicolas Almagro per i due singolaristi della formazione d’oltralpe, che è ora a un passo da k.o. A provare a tener vive le speranze ci proveranno domani Oliver Marach e Alexander Peya, coppia di specialisti che dovrebbe essere in grado di impensierire il doppio spagnolo Granollers/Lopez, nonostante questo parta con tutti i favori del pronostico dalla propria parte.

Ma se la Spagna potrà dormire sonni tranquilli anche in caso di una comunque improbabile sconfitta in doppio, lo stesso non si può dire per la Francia, che ha grandi probabilità di arrivare a domenica in svantaggio per 2-1. Alla preventivabile vittoria di Jo-Wilfried Tsonga su Ryan Harrison, ha infatti risposto un ottimo John Isner, che ha confermato il suo ottimo momento di forma archiviando in tre facili set il suo match con Gilles Simon, avversario sempre difficile da affrontare a causa della sua estrema regolarità. E invece il gigante statunitense ne ha fatto un sol boccone, consegnando ai suoi un’opportunità molto importante. Salvo sorprese Bob e Mike Bryan dovrebbero avere la meglio su Benneteau/Llodra (comunque una coppia da non sottovalutare), portando così in vantaggio gli Stati Uniti. E nella giornata di domenica sarebbe nuovamente tutto nelle mani di Isner, opposto a Tsonga nel primo match di giornata. La domanda quindi sorge spontanea: ‘big John’ sarà in grado di battere il numero uno francese? Difficile, ma, alla luce anche delle prestazioni odierne (bene lo statunitense, non altrettanto il transalpino), l’impresa non appare fuori portata.

A differenza di Isner, ha tradito le attese David Nalbandian, sconfitto a sorpresa da Marin Cilic dopo una battaglia di cinque set e oltre cinque ore. Malgrado l’affetto costante di 14mila sostenitori indiavolati, l’idolo locale non è riuscito a infliggere il colpo di grazie al croato nel quarto set, e ne ha pagato le conseguenze, subendo il rientro e poi il sorpasso del rivale. Per sua fortuna Juan Martin Del Potro ha subito messo le cose a posto battendo senza difficoltà Ivo Karlovic (apparso, sulla terra di Buenos Aires, come un pesce fuor d’acqua), e avrà tutto il tempo per rifarsi. A partire dal doppio di domani (che, nonostante l’ovvia stanchezza, ha fatto sapere di voler giocare a tutti i costi) fino ad arrivare all’eventuale singolare decisivo di domenica. L’Argentina ha un’occasione troppo grossa, e l’ultima cosa che Nalbandian desidera al mondo, ne siamo certi, è vederla sfumare per colpa sua.

Cinque ore di partita e tanta amarezza (come attestato dal dito medio mostrato al rivale al termine dell’incontro) anche per Radek Stepanek, che è stato ad un passo dal regalare alla Repubblica Ceca un pesantissimo 2-0 contro la Serbia. Dopo l’agevole successo di Tomas Berdych su un malcapitato Viktor Troicki, l’esperto Radek ha infatti inscenato una vera e propria battaglia contro Janko Tipsarevic, riuscendo dopo una poderosa rimonta a guadagnarsi tre match-point. Ma non sono bastati, e alla fine l’ha spuntata comunque il serbo. Un risultato decisamente negativo per la formazione di Jaroslav Navratil, e non solo per l’1-1 che poteva essere un 2-0, ma anche (e soprattutto) perché Stepanek arriverà sicuramente provato al doppio di domani, che sarà molto probabilmente decisivo per decretare i semifinalisti.


Nessun Commento per “CONFERMA ISNER, STECCA NALBANDIAN”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • COPPA DAVIS, DA VENERDI’ I QUARTI A due mesi dal primo turno, torna la Coppa Davis, con i quarti di finale. Spagna e Argentina favoritissime su Austria e Croazia, Stati Uniti ospiti della Francia. Spicca la sfida fra […]
  • TSONGA E ISNER DOMINANO, 1-1 Nei quarti di finale di Davis è 1-1 tra Francia e Stati Uniti al termine della prima giornata. Tsonga ha superato in 4 set Harrison, mentre Isner si è imposto in 3 su Simon. Parità anche […]
  • ORA GLI STATI UNITI FANNO PAURA Con un'altra insperata vittoria in trasferta, Isner e compagni hanno raggiunto la semifinale di Coppa Davis, e a settembre saranno ospiti della Spagna. Se Nadal non farà dietrofront per […]
  • DAVIS: CONTO ALLA ROVESCIA Neanche il tempo di veder terminare gli Us Open che l’attenzione degli appassionati si sposterà sugli incontri di Coppa Davis in programma dal 16 al 18 settembre. Ma lo Slam americano ha […]
  • DA MEMPHIS A BUENOS AIRES, PASSANDO PER MARSIGLIA TENNIS - Con la Copa Claro, prosegue la stagione della terra rossa sudamericana. Del Potro cerca il bis all'Open 13 di Marsiglia, mentre Isner e Querrey faranno gli onori di casa all'Atp […]
  • NADAL INIZIA COL PIEDE GIUSTO Ottimo esordio di Rafa, che infligge un periodico 6-2 a Davydenko e approda negli ottavi a Madrid. Esce di scena Isner, piegato da Cilic in due tie-break. Superano il turno Ferrer, Wawrinka e Monfils

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.