L’AUSTRALIAN OPEN È ITALIANO: BOLELLI E FOGNINI NELLA STORIA

Simone e Fabio vincono l'Australian Open superando in finale Herbert e Mahut con un duplice 6-4. Il tennis italiano riconquista uno slam in doppio dopo 56 anni dal successo di Pietrangeli e Sirola al Roland Garros del 1959

E alla fine la storia è stata fatta. Simone Bolelli e Fabio Fognini hanno vinto l’Australian Open, regalando un titolo slam in doppio al tennis italiano, che mancava dal Roland Garros 1959 e che mai era stato vinto nell’era open. I due azzurri hanno superato i francesi Nicolas Mahut e Pierre Hughes Herbert con un 6-4 6-4, figlio di una schiacciante superiorità tecnica in quasi tutti gli aspetti del gioco e che forse non è sufficiente a descrivere il predominio azzurro nella finale odierna. I nostri, qualitativamente migliori rispetto ai francesi, hanno ben interpretato la partita, sfruttando i numerosi regali francesi, arrivati soprattutto dall’inesperto e teso Herbert, autore di parecchi doppi falli, in fasi del match non propriamente indicate per la commissione di un doppio errore. Bolelli è stato il più solido della coppia, gestendo benissimo i momenti importanti, come quando è andato a servire per il match ed ha messo a segno un ace sul punteggio di 30-30. Fognini però è stato quello che ha alzato il livello al momento giusto, coadiuvando il compagno con un ottimo rendimento, soprattutto nei colpi di sbarramento. Dopo Pietrangeli e Sirola dunque, il tennis italiano ha trovato un’altra coppia capace di conquistare un titolo veramente importante, per altro in uno slam mai troppo benevolo con gli eroi tricolori. Una buonissima notizia, oltre che per i due giocatori italiani, anche in vista della Coppa Davis e del prossimo impegno che vedrà i ragazzi di Barazzutti impegnati in Kazakistan.

Di seguito la cronaca della finale

Ore 13.45 Bolelli/Fognini b. Herbert/Mahut 6-4 6-4 Game, set and match! I nostri non tremano, vincono l’ultimo turno di battuta e portano a casa il primo titolo slam di doppio della storia del tennis italiano nell’era open. 56 anni dopo il successo di Nicola Pietrangeli e Orlando Sirola al Roland Garros 1959

Ore 13.40 BREAK ITALIA Gran game in risposta dei nostri, che per la prima volta si conquistano due palle break sul servizio di Mahut, convertendo la prima occasione con una nuova risposta vincente di Bolelli. I nostri possono servire per lo storico titolo. 5-4 Bolelli/Fognini

Ore 13.36 Sale in cattedra Herbert con lo sventaglio di diritto, che gli procura due palle break. Sulla prima Mahut non risponde, mentre sulla seconda Fognini passa il più giovane dei due francesi. Con lo stesso colpo il ligure riesce a chiudere il gioco ai vantaggi. 4-4

Ore 13.30 Perdono il primo punto i francesi, con un doppio fallo, ma portano a casa i successivi quattro e rimangono avanti. 4-3 Mahut/Herbert

Ore 13.27 Altro turno piuttosto semplice al servizio per i nostri, che soltanto sul primo punto devono ringraziare Herbert, che ha commesso un brutto errore di diritto. Per il resto i francesi non rispondono. 3-3

Ore 13.24 Buona chance per i nostri, ma un po’ di imprecisione in fase di passante consente ai francesi di rimanere avanti nel secondo set. 3-2 Mahut/Herbert

Ore 13.20 Altra comoda difesa del servizio per i nostri, che rimangono attaccati. 2-2 

Ore 13.15 Altro brutto game di Herbert al servizio e della coppia francese, che denota anche alcuni problemi di comunicazione. Sotto 15-40 Mahut chiude una volee, poi Herbert serve bene e ritrova la parità. Con una seconda molto vicino alla riga, il più giovane dei francesi riesce a togliere le castagne dal fuoco momentaneamente, prima di rimettere tutto in discussione con un doppio fallo. Due buone prime però salvano i francesi. 2-1 Mahut/Herbert 

Ore 13.12 Non si scompongono i nostri e Bolelli tiene facilmente il turno di battuta a zero. 1-1

Ore 13.10 Si apre nel segno delle polemiche il secondo set, con un punto assegnato ai francesi, nonostante Mahut colpisca la palla al volo per due volte, a parere di chi scrive, in modo nettamente irregolare. Il giudice di sedia Ramos è però di parere contrario e così i transalpini possono partire in vantaggio 1-0 Mahut/Herbert

Ore 13.03 SET ITALIA Parte male Bolelli, con un doppio fallo e una seconda piuttosto morbida, ma riesce a risalire la china grazie al servizio e a portare a casa l’importantissimo primo set. 6-4 Bolelli/Fognini

Ore 12.58 BREAK ITALIA Si scioglie Herbert, che commette due doppi falli consecutivi, regalando due palle break ai nostri. Sulla prima il giovane francese trova la T e Bolelli non risponde. Sulla seconda però Fognini gli mette la risposta nei piedi ed Herbert sbaglia la volee da sotto la rete. 5-4 Bolelli/Fognini

Ore 12.53 Si complica la vita Fognini, che da 40-15 prima incassa un colpo fortunato di Herbert, poi commette doppio fallo. Il ligure sbaglia ancora nel punto successivo nello scambio di diritto con Mahut e concede palla break, sulla quale però Herbert sbaglia di rovescio. Bolelli con due colpi al volo chiude quindi il game. 4-4

Ore 12.50 Mahut attenta alla vita del suo compagno colpendolo in piena testa con un fortissimo servizio, Herbert però non ne risente, ma anzi copre la rete piuttosto bene. Bolelli annulla una palla game con un’eccellente risposta di diritto, ma ancora Herbert chiude con una comoda volee il game che riporta avanti i transalpini. 4-3 Mahut/Herbert 

Ore 12.45 Un errore di diritto di Bolelli regala una nuova palla break ai francesi, ma lo stesso bolognese è bravo ad annullarla comandando il successivo scambio da fondo con Herbert. La buona copertura a rete di Fognini fa il resto. 3-3

Ore 12.40 BREAK ITALIA Un bellissimo lob di Fognini regala ai nostri la palla del controbreak, sulla quale il ligure riesce a ripetersi con un altro pallonetto, questa volta al volo, che gli apre la strada per la comoda volee vincente. 3-2 Mahut/Herbert

Ore 12.36 BREAK FRANCIA Brutto game di battuta per Fognini, con troppe seconde che permettono ai francesi di entrare. I nostri si salvano sulle prime due palle break, complice anche un erroraccio di Herbert, che però si rifà alla terza occasione sparando un gran passante al corpo su Bolelli, che no riesce a controllare. 3-1 Mahut/Herbert

Ore 12.32 Buona chance per i nostri sul 30-30, ma Mahut è fortunato a tenere sulla linea una volee colpita non proprio benissimo. Lo smash chiude poi il game. 2-1 Mahut/Herbert

Ore 12.28 Tutto facile per i nostri, che trovano tre servizi vincenti e tengono a 15 il turno di battuta di Bolelli. 1-1

Ore 12.25 Fa tutto Herbert in questo primo game, nel bene e nel male. I nostri non rispondono benissimo ed il primo game parla francese. 1-0 Mahut/Herbert

Ore 12.13 Iniziano le operazioni di riscaldamento

Ore 12.07 Dopo i botti della finale femminile, siamo pronti per un mezzogiorno di fuoco, che potrebbe arricchire di una nuova importante pagina il libro di storia del tennis italiano. Tra pochi minuti, Fabio Fognini e Simone Bolelli andranno a caccia del primo titolo di slam in doppio per una coppia azzurra. A separare i due italiani dalla storia ci saranno i francesi Nicolas Mahut e Pierre Hughes Herbert

Melbourne (Australia). Qui si fa la storia, o forse già è stata fatta. Simone Bolelli e Fabio Fognini scendono in campo per la finale del torneo di doppio dell’Australian Open. Un traguardo mai raggiunto da una coppia azzurra prima di quest’anno, che può regalare al tennis italiano maschile un titolo mai vinto nell’era open e permettere al duo emiliano-ligure di ricalcare le orme di Nicola Pietrangeli e Orlando Sirola, unici tennisti azzurri capaci di vincere un major nella specialità del doppio, nel preistorico Roland Garros del 1959. L’Italia mancava dalla finale di un major maschile, dal trionfale Roland Garros 1976, conquistato da Adriano Panatta, il quale assisterà alla partita come telecronista di Eurosport, la rete panaeuropea che trasmetterà la finale subito dopo la conclusione della partita tra Serena Williams e Maria Sharapova, valido per il titolo di singolare femminile. Tra i nostri azzurri e lo storico trofeo ci sono i francesi Nicolas Mahut e Pierre Hughes Herbert, una coppia praticamente inedita, che sta disputando a Melbourne solo il secondo torneo del circuito maggiore, dopo che sul finire della scorsa stagione avevano vinto un challenger in Francia. Entrambe le coppie sono state molto vicine all’eliminazione in semifinale, ma sono riuscite a salvarsi. La partita si preannuncia come un interessante confronto di stili, tra il tennis offensivo dei transalpini, dotati entrambi di una grande battuta e di un eccellente gioco di volo e quello più solido degli italiani, più propensi a prolungare lo scambio. La classifica di singolare lascerebbe intendere una superiorità di Bolelli e Fognini, in assoluto giocatori nettamente migliori dei francesi, però Mahut è il doppista più esperto, avendo nel suo curriculum già un’altra finale slam, persa a Parigi insieme a Michael Llodra lo scorso anno. Con queste premesse la finale si preannuncia aperta ad ogni risultato e infatti anche le quote sono molto vicine, seppur leggermente a favore degli italiani (1.72 – 2.00). Anche noi di tennis.it seguiremo il match con la nostra classica diretta scritta. State con noi.


Nessun Commento per “L'AUSTRALIAN OPEN È ITALIANO: BOLELLI E FOGNINI NELLA STORIA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2019

  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.
  • Che caratteraccio Daniil! Medvedev ha un temperamento a volte iroso che lo rende poco simpatico, ma il suo tennis imprevedibile che non piace agli avversari piace molto al pubblico...
  • Il grande talento di Bianca. La Andreescu è la prima tennista nata nel Terzo Millennio capace di conquistare un titolo Slam. Ci è riuscita agli US Open sulla pericolosissima beniamina di casa Serena Williams.
  • Un secolo di gloria. Lo storico Circolo Canottieri Roma ha compiuto 100 anni e ha festeggiato con una favolosa festa alla quale sono intervenuti 500 soci ed ospiti illustri del mondo sportivo, artistico e culturale. A concludere la serata dei sontuosi fuochi d'artificio.