BORG-MCENROE ARRIVA AL CINEMA: ECCO LA DATA DI USCITA

Il film è stato presentato a Stoccolma e Toronto. Borg soddisfatto: 'Gli attori hanno fatto un ottimo lavoro'
domenica, 10 Settembre 2017

E’ stata una settimana importante per il film “Borg McEnroe“, presentato ufficialmente nella capitale della Svezia, Stoccolma, lunedì scorso, e poi anche al Toronto International Festival giovedì. Il film sarà proiettato in diversi Paesi del Mondo già dalle prossime settimane, mentre in Italia arriverà al cinema il 9 novembre. Gli attori principali saranno Sverrir Gudnason e Shia LaBeouf, che interpreteranno rispettivamente Borg e McEnroe. Tema principale ovviamente la finale di Wimbledon 1980, vinta da Borg al quinto set in quello che è considerato uno dei più bei match nella storia del tennis.

Vengono messi in risalto le differenze tra i caratteri dei due giocatori: uno soprannominato “IceBorg” per essere freddo, di ghiaccio nel mostrare le sue emozioni e l’altro, McEnroe, sempre portato a litigare con arbitri e avversari.

La-Beouf ha parlato a IndieWire di quanto sia stato complesso, oppure facile, essere nei panni di McEnroe: “Io e lui abbiamo tutto in comune. La passione, il perfezionismo, il narcisismo. Ci sono tante somiglianze nelle nostre vita. Ho solo amore e rispetto per lui. La prima volta che ho letto la parte, ho pianto. E’ un film che mi ha colpito, e guardarlo ora mi rende molto orgoglioso. Sono onorato di averne fatto parte e di poterlo condividere col mondo intero”.

Penso lui sia un tattico – ha aggiunto La-Beouf -. Ha davvero aggiunto qualcosa di diverso al gioco. Ha portato tocco e sensitività al tennis, qualcosa che prima non si era visto. La sua rabbia era una tattica per sbarazzarsi delle persone. In questo senso, è stato un artista. Era un clown”.

 

LaBeouf non ha ancora incontrato McEnroe, ma non vede l’ora di farlo: “John, vorrei conoscerti“, ha detto inviandogli un messaggio. “Ma so che lui è un uomo impegnato”.

In una recente intervista, parlando della rivalità con Borg, McEnroe ha detto: “La gente pensa che eravamo diversi, ma fuori dal campo le nostre personalità erano più simili rispetto a quanto le persone pensassero. Avevamo un senso dell’umore simile, il modo di vedere le cose era lo stesso. Sul campo eravamo completamente diversi ma off-court no, e ciò ci ha permesso di essere amici. E poi le differenze in campo ci aiutavano ad incrementare la nostra popolarità come rivali. Quando ho battuto Borg nella finale di Wimbledon 1981, dopo che lui aveva vinto le ultime 5 finali di fila, sembrava che fosse sollevato perchè il suo enorme successo aveva creato una pressione intensa”.


Nessun Commento per “BORG-MCENROE ARRIVA AL CINEMA: ECCO LA DATA DI USCITA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.