BRACCIALI: SQUALIFICA A VITA E MULTA SALATISSIMA

La più pesante delle squalifica arriva per Daniele Bracciali

Tennis. E’ pesantissima la condanna per Daniele Bracciali. Radiato a vita, nemmeno potrà prender parte a tornei Atp in qualità di semplice spettatore e una multa salatissima, pari a 250 mila dollari: quasi 220 mila euro. La squalifica ha effetto immediato e nasce in virtù dell’udienza tenutasi fra il 18 ed il 19 di settembre. Best ranking da n.49 nel 2006, era attualmente fra i primi 100 del mondo nella classifica di doppio.

Ad emetterla Richard McLaren, ufficiale dell’Anticorruzione nell’ambito di un’indagine aperta dalla Tennis Integrity Unit, fondata dal Grand Slam Board, dalla Federazione Internazionale (Itf), dall’Atp e dalla Wta. Bracciali è stato ritenuto colpevole di aver truccato alcuni incontri in occasione dell’Atp 500 di Barcellona nel lontano 2011, oltre ad aver facilitato un pesante giro di scommesse relativi a quegli incontri.

Separatamente, è stato anche condannato Potito Starace, ex compagno di doppio di Daniele. Per lui la condanna p di 10 anni, anche per il campano quindi fine dell’attività agonistica, mentre l’ammenda pecuniaria ammonta a circa 100 mila dollari. Già radiati entrambi dalla Federtennis nel 2015, salvo sentenza annullata dalla Corte d’Appello, i due hanno raggiunto la semifinale di doppio al Roland Garros nel 2012. Il campano è stato anche fra i primi 30 al mondo, n.29 come best ranking.

Ora, la carriera di entrambi, è finita.

 


Nessun Commento per “BRACCIALI: SQUALIFICA A VITA E MULTA SALATISSIMA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.