BRAVO LUCA VANNI IN FRANCIA MA BREST CONSACRA DODIG

Circuito Challenger.
martedì, 27 Ottobre 2015

Tennis – L’ultima settimana del circuito Challenger si è conclusa con nuovi verdetti distribuiti nei 4 angoli del pianeta e nello specifico provenienti dai campi di Brest in Francia, Bangalore in India e Ningbo in Cina per il continente asiatico, infine Las Vegas e Santiago nelle Americhe.

Andiamo con ordine. A Brest, in Francia, è stato Ivan Dodig a imporsi nella finale con un abbastanza netto 7-5, 6-1 ai danni del francese Benoit Paire. Il croato ha fatto strage delle illusioni del pubblico transalpino perché in semifinale aveva sconfitto Edouard Roger-Vasselin, l’altro francese in corsa per il titolo con una battaglia molto sofferta e conclusa soltanto nella terza partita. Tra gli italiani va menzionato Luca Vanni, capace di issarsi fino alla semifinale dopo una discreta settimana di tennis che gli aveva consentito di piegare le resistenze prima di Sebastien Boltz e poi ai quarti di Igor Sijsling, vinto soltanto nel tie-break decisivo.

In India il britannico James Ward ha spuntato il successo in finale di fronte allo spagnolo Adrian Menendez Maceiras per 6-2, 7-5. Ward non ha incontrato molto ostacoli sul suo cammino verso il titolo perché durante la settimana in terra indiana ha ceduto soltanto 1 set in semifinale Daniel Nguyen. Perso il primo set con il risultato di 6-4, il britannico è stato in grado di imprimere un altro volto alla gara e di aggiudicarsi la partita con un 6-3 nell’ultima frazione di gioco.

Continua in Nord America, dopo le settimane in California, il circuito challenger che settimana scorsa ha fatto tappa a Las Vegas, la città di André Agassi che, infatti, ha partecipato tra gli altri con la sua Fondazione alla promozione del torneo.

Un torneo fitto dei nuovi nomi statunitensi. Parliamo di Austin Krajicek, Tim Smyczek, Ryan Harrison e Dustin Brown, capace di sconfiggere Nadal a Wimbledon.

Tra tanti beniamini di casa, usciti ai primi turni tranne Austin Brown, a conquistare il challenger del deserto è risultato l’olandese Thiemo De Bakker che in finale ha avuto ragione di Grega Zemlja. Primo set allo sloveno e poi rimonta di De Bakker che ha concesso soltanto 4 giochi all’avversario nei 2 set successivi.

A Santiago 2, infine, il successo è arriso a Rogerio Dutra Silva che, dopo aver vinto per 7-5 la prima partita, ha resistito al rientro di Horacio Zeballos, riuscendo a imporsi con un altro combattuto 7-5 nel set decisivo.


Nessun Commento per “BRAVO LUCA VANNI IN FRANCIA MA BREST CONSACRA DODIG”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.