BUON COMPLEANNO KEI NISHIKORI

Il samurai del circuito Atp compie oggi 26 anni. Nel 2015 ha vinto tre titoli Atp, ma la sua stagione non può considerarsi all’altezza delle aspettative. Soprattutto per uno che nel 2014 di titoli ne vinse 4. E che giocò la finale a Madrid e agli Us Open.
martedì, 29 Dicembre 2015

Tennis – Ormai quella di Kei Nishikori è una presenza costante della top ten del tennis mondiale. Il tennista nato a Matsue ha fatto tanta strada da quel 2007 in cui divenne professionista e da quel 2008 in cui vinse a Delray Beach da numero 244 del mondo, superando in finale James Blake.

I titoli messi in bacheca ora sono diventati dieci: due affermazioni a Tokyo (2012 e 2014), tre consecutive a Memphis (2013, 2014 e 2015), due a Barcellona (2014 e 2015) cui vanno aggiunte Kuala Lumpur (2014) e Washington (2015). Il palmares, però, deve essere necessariamente rivisto alla luce del best ranking (numero 4 Atp) ottenuto tra agosto e settembre 2014 e replicato nel marzo dell’anno che sta per finire. Ad ogni modo, è la stagione 2014 la migliore della carriera del samurai nipponico, una stagione in cui si è spinto in finale sia a Madrid che a Flushing Meadows, non riuscendo però nel colpo di reni finale.

Nel 2015 ci si attendeva una prova di maturità da parte de pupillo di Michael Chang, ma vuoi per un fisiologico assestamento nella top ten, vuoi per il persistere dei cronici problemi fisici, il salto di qualità definitivo verso la maturità non sembra essere arrivato. Il 2016, sicuramente, lo vedrà e vorrà ancora tra i protagonisti più rappresentativi del mondo della racchetta. E non solo in Asia.

Perché Kei Nishikori è ormai un personaggio internazionale e uno dei tennisti più conosciuti. É riuscito a sfondare e non si è accontentato della popolarità nel proprio paese e nel proprio continente d’origine: “In Asia ci sono diversi giocatori di talento che vincono tornei ITF e poi scompaiono. Io sono stato molto fortunato ad andare negli Stati Uniti quando ero molto giovane. Lì c’è grande professionalità e ci sono avversari diversi che provengono anche dall’Europa. Ecco perché i giocatori asiatici dovrebbero fare esperienze all’estero. In Giappone, invece, si preferisce dare priorità allo studio e quindi l’aspetto sportivo professionale diventa difficile per i giovani” diceva in un’intervista di qualche anno fa. Una teoria che si è fatta pratica quando il giovanissimo Kei ha deciso di presentarsi all’accademia di Nick Bollettieri. E che si è autoverificata quando il piccolo tennista (178 cm per 75 kg di peso) ha iniziato a vincere e a giocare bene anche contro giocatori più blasonati e titolati di lui.

Il 2015 dell’assestamento sta per concludersi e non manca molto all’inizio della nuova stagione. Il primo obiettivo del samurai Nishikori è sicuramente quello di recuperare una certa integrità fisica. Una condizione fondamentale per giocare a mente serena e riuscire a dare il massimo nei momenti decisivi. Una variabile imprescindibile per un gioco basato su spostamenti repentini e su piedi velocissimi, su una risposta pronta e su un rovescio in grado di prendere con costanza le righe sia in lungolinea sia in diagonale. Il 2016 è sempre più vicino e Kei Nishikori ha dimostrato di fare sempre bene negli anni pari. Nel 2008 vinse il suo primo titolo Atp. Magari a otto anni di distanza potrebbe arrivare un Master 1000. E – perché no – uno Slam. Buon compleanno samurai.

Foto: Kei Nishikori (www.zimbio.com)


Nessun Commento per “BUON COMPLEANNO KEI NISHIKORI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • FEDERER-EDBERG. DUE ANNI SPLENDIDI, MA… Il bilancio del sodalizio più “elegante” del circus non può che essere positivo. Roger Federer ha giocato 22 finali vincendone la metà e ha stupito ancora sfoderando un gioco bello ed […]
  • US OPEN. DJOKOVIC E NISHIKORI IN SEMIFINALE Il numero 1 del mondo batte Murray nel match di cartello dei quarti di finale. Il giapponese approda per la prima volta in semifinale in un major dopo una maratona di cinque set contro Wawrinka.
  • MONFILS: “GIOCARE CONTRO FEDERER È UN ONORE PER TUTTI”. Cilic: “Sto giocando in maniera più coerente in questi ultimi mesi. Ho un nuovo stile”. Dimitrov: “Una brutta partita. Tutto è andato nella direzione sbagliata oggi”.
  • BUON COMPLEANNO MARCELO RIOS Marcelo Rios compie 39 anni. È stato esempio di come si possa diventare numero 1 senza vincere nemmeno uno slam. È stato ed è tuttora un personaggio sopra le righe, un cattivo che forse al […]
  • TUTTI PAZZI PER NOVAK DJOKOVIC. ANCHE NEGLI STATES La Usa Sports Academy ha inserito il numero 1 del mondo tra i possibili vincitori per il premio di atleta dell’anno 2015. Le votazioni sono iniziate il 2 dicembre. Il verdetto è previsto […]
  • MARTINA HINGIS, UNA CARRIERA IN TRE ATTI L’ex baby prodigio del tennis femminile festeggia oggi il suo 35° compleanno. È diventata numero 1 del mondo a 16 anni. Per due volte ha deciso di dire basta e per due volte è rientrata […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.