BURNETT AL CARDIOPALMO

La diciottenne romana si aggiudica il derby contro Martina Caregaro, piegata dopo quasi tre ore di lotta. In semifinale al Bonfiglio affronterà l’italo-americana Capra
sabato, 22 Maggio 2010

Milano – Nastassja Burnett è l’unica italiana ancora in gara nella cinquantunesima edizione degli Internazionali d’Italia juniores, che si stanno disputando nella consueta cornice del Tennis Club Milano “Alberto Bonacossa”. La “romana de Roma”, nonostante il cognome rimandi alla mamma polacca, ha vinto un match durissimo contro la coetanea e connazionale Martina Caregaro, sconfitta al termine di una battaglia durata due ore e quarantotto minuti. La prossima avversaria di Nastassja sarà l’italo-americana Beatrice Capra, tennista di cui si parla un gran bene e che fin qui non ha deluso le tante aspettative che erano riposte in lei.

Primo set a senso unico. Il derby tricolore in programma come terzo match sul Centrale era indubbiamente il piatto forte della giornata, e non solo perché trovare due azzurre in un quarto di finale al Bonfiglio costituiva motivo di maggiore interesse. C’era molta curiosità, infatti, su come si sarebbero confrontate le due tenniste che, nonostante avessero spesso partecipato alle medesime competizioni giovanili, non si erano mai ritrovate una di fronte all’altra in un incontro ufficiale. I derby son derby e, il più delle volte, non sono mai delle belle partite perché tensione e nervosismo prendono spesso il sopravvento. Così, di fronte ad una Burnett che partiva bene dai blocchi, la Caregaro appariva al contrario impacciata e fallosa. La valdostana commetteva troppi errori gratuiti con entrambi i fondamentali, regalando il primo parziale alla Burnett (6-2), brava nel tenere lo scambio profondo salvo poi accelerare al momento giusto. Ottimo il rendimento di Nastassja al servizio, aiutata da un’alta percentuale di prime.
Rimonta incredibile. Il monologo della Burnett prosegue per gran parte del secondo set, agevolata da una Caregaro assolutamente inguardabile. E qui accade l’imponderabile. Sotto 6-2 5-1, la valdostana riesce a ritrovare finalmente i suoi colpi, risale pian piano la china e infila un parziale di 6 giochi di fila annullando 3 palle break sul 6-5 in suo favore che avrebbero portato il match al tie-break.

Sul filo del rasoio. Dopo aver perso il servizio in apertura di terzo set, la Burnett ottiene il controbreak dopo un gioco fiume (all’ottavo tentativo!). Strappato nuovamente il servizio alla Caregaro, Nastassja non molla più la presa, nonostante la valdostana dimostri le proprie doti da vera combattente. L’italo-polacca chiude l’incontro al terzo match point, stroncando definitivamente la resistenza di Martina. Il punteggio finale recita 6-2 5-7 6-4 a favore della Burnett, che raggiunge qui la sua seconda semifinale dopo quella ottenuta nel 2008, quando era ancora sedicenne. Ecco le dichiarazioni della vincitrice a fine gara: “Alla fine del secondo set ho cominciato ad avvertire la stanchezza dei giorni precedenti ma sono stata brava a non buttarmi giù e a crederci fino alla fine”. La Burnett ha concluso il match con una coscia dolorante. Ad attendere la romana in semifinale c’è ora Beatrice Capra (terzo match domani sul Centrale a partire dalle 10), vincitrice a sorpresa sulla testa di serie numero 2, Irina Khromacheva, con il punteggio di 4-6 7-5 6-3. La Capra ha annullato un match-point sul 4-6 4-5.

Ungheresi ko. L’altra semifinale verdrà opposte la portoricana Monica Puig, testa di serie numero 1, che ha superato la slovena Kolar, e la statunitense Lauren Davis, che ha superato agevolmente la russa Daria Gavrilova, numero 4 del tabellone. In campo maschile, doppio smacco all’Ungheria: dopo aver perso per strada il numero 1 Fucsovics, è stato eliminato anche la testa di serie n.2, Mate Zsiga, sconfitto dal bosniaco Dzumhur e dai dolori al collo. L’avversario di Dzumhur sarà il ceco Jiry Vesely, numero 5 del torneo. La Russia sorride a metà: fuori Victor Baluda, eliminato dal tennista boemo, avanza invece Mikhail Biryukov, che ha eliminato il brasiliano Clezar, semifinalista al Bonfiglio lo scorso anno.


Nessun Commento per “BURNETT AL CARDIOPALMO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • UNA CONTRO L’ALTRA Martina Caregaro e Nastassja Burnett approdano ai quarti del Trofeo Bonfiglio, dove si sfideranno per la prima volta nella loro giovane carriera. Fuori Colella
  • BYE BYE ITALIA Al Bonfiglio si ferma in semifinale la corsa della Burnett, sconfitta dall’italo-americana Capra. Finale femminile a stelle e strisce, tra i maschi sarà derby dell’est
  • LE FUTURE STELLE AL BONFIGLIO È scattata ieri la 51esima edizione degli Internazionali d’Italia juniores. Bilancio azzurro agrodolce: subito out Gaio, avanzano Confalonieri e Caregaro. Impressiona l’italo-americana Capra
  • CAPORETTO ITALIA Seconda giornata da dimenticare per i nostri giovani al Trofeo Bonfiglio. Fuori sette azzurri, si salva solo la Burnett. Oggi in campo Colella, Caregaro e Confalonieri
  • TRIS D’ASSI AL BONFIGLIO Dopo la disfatta di martedì, l’Italia junior del tennis torna a sorridere grazie alle vittorie di Colella, Caregaro e Burnett. Out la Confalonieri. Oggi gli ottavi
  • BRILLA LA STELLA DI NASTASSJA BURNETT All'ITF Monteroni d'Arbia la romana, dal cognome polacco, batte Federica Di Sarra e completa il poker azzurro composto da Karin Knapp, Anna Floris e Anna Giulia Remondina

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.