CAPORETTO ITALIA

Seconda giornata da dimenticare per i nostri giovani al Trofeo Bonfiglio. Fuori sette azzurri, si salva solo la Burnett. Oggi in campo Colella, Caregaro e Confalonieri
mercoledì, 19 Maggio 2010

Milano – Il vento incessante che ha sibilato per buona parte della giornata sui campi del Tennis Club Milano “Alberto Bonacossa” ha spazzato via molte delle speranze che erano riposte su alcune grandi promesse del tennis italiano. Dopo una prima giornata caratterizzata dalla delusione Gaio, inaspettatamente sconfitto all’esordio benché fosse stato finalista qui lo scorso anno, ieri sono scesi in campo ben otto tennisti italiani (tre maschi e cinque femmine). Il bilancio è emblematico: sette sconfitte a fronte di un’unica vittoria, quella riportata da Nastassja Burnett.

Burnett unica gioia. Partiamo dall’unica nota lieta della giornata di martedì. Nonostante nome e cognome non inducano a pensare che si tratti di una nostra portacolori, Nastassja Burnett è una tennista italianissima, nata a Roma il 20 febbraio del 1992 a Roma, da papà italiano e mamma polacca, di cui porta il cognome. Così come le coetanee Caregaro e Confalonieri, “Nasty” è ormai impegnata da un paio d’anni in pianta stabile nel circuito Itf, non limitando le proprie partecipazioni ai tornei minori, ma stilando spesso una programmazione ambiziosa, fatta di qualificazioni disputate per accedere ai main-draw di tornei da 50000$, 75000$ e 100000$, frutto anche di una buona classifica guadagnata in questi due anni (attualmente è numero 410 del ranking Wta). Semifinalista al Bonfiglio nel 2008, la Burnett ha deciso di tornare a calcare i campi del circuito juniores per recuperare gradualmente da un brutto infortunio al piede sinistro che l’ha inchiodata ai box per buona parte di questa stagione. L’esordio le metteva di fronte la qualificata croata Bernarda Pera, che è partita dai blocchi a razzo. Aggiudicatasi il primo set al tie-break, la Pera si è portata avanti 4 a 2 nel secondo set prima di subire la rimonta dell’italiana, che vince a sua volta il tie-break del secondo set per poi chiudere agevolmente al terzo con il punteggio di 6/2. Una bella iniezione di fiducia per Nastassja, il cui talento necessita di platee più prestigiose.

Disfatta azzurra. Le note dolenti, ahinoi, abbondano. Un dato su tutti è quanto mai significativo: eccezion fatta per la Burnett, gli altri sette italiani in gara non sono riusciti ad aggiudicarsi la miseria di un set. In campo femminile, c’è tuttavia poco da rimproverare alle qualificate Martina Parmigiani e Francesca Palmigiano, che già brave erano state ad accedere al tabellone principale. La prima ha dovuto cedere il passo alla slovacca Cepelova, numero 9 del seeding (6/2, 6/3), mentre la seconda ha lottato con tenacia prima di arrendersi alla bielorussa Kremer (6/4, 7/6). Eliminate anche Chiara Mendo, sconfitta dalla numero 5 del seeding, la slovacca Kolar col punteggio di 6/1, 6/4, e Georgia Brescia, battuta dalla qualificata russa Shimilana 7/5, 6/1. Quanto ai ragazzi, delude Matteo Civarolo, incapace di confermare la bella prestazione fornita ieri. Impegnato contro lo slovacco Kovalik, numero 11 del tabellone, l’azzurro tiene bene solo fino al 3/3 del primo set: sciupata una palla per il 4/3, Matteo cede di schianto nove giochi di fila, subendo un pesante 6/0 nel secondo parziale. Qualcosa da recriminare, invece, sulla sconfitta del palermitano Marco Cecchinato, capace di impegnare per un set il russo Baluda, finalista a Santa Croce e Salsomaggiore: l’azzurro è stato sconfitto col punteggio di 6/2, 7/5, sprecando però un vantaggio di 5/2 nel secondo set. Esce malamente Federico Maccari, superato dal cileno Sborowitz con un netto 6/3, 6/1.
Continua a vincere l’italo-americana Beatrice Capra, che ha regolato con un doppio 6-2 con cui la danese Mai Grage, alimentando di giorno in giorno il rammarico di non vederla giocare per la nostra nazione.

Italiani oggi. Tornano in campo l’ultimo azzurro in gara, Alessandro Colella, opposto al giapponese Uchiyama (numero 7 del seeding), e tutte e 3 le italiane qualificatesi al secondo turno: Martina Caregaro, impegnata contro la bulgara Tomova, Valentine Confalonieri, opposta alla russa Gavrilova e Nastassja Burnett, che affronterà la francese De Bernardi.


Nessun Commento per “CAPORETTO ITALIA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • BYE BYE ITALIA Al Bonfiglio si ferma in semifinale la corsa della Burnett, sconfitta dall’italo-americana Capra. Finale femminile a stelle e strisce, tra i maschi sarà derby dell’est
  • BURNETT AL CARDIOPALMO La diciottenne romana si aggiudica il derby contro Martina Caregaro, piegata dopo quasi tre ore di lotta. In semifinale al Bonfiglio affronterà l’italo-americana Capra
  • TRIS D’ASSI AL BONFIGLIO Dopo la disfatta di martedì, l’Italia junior del tennis torna a sorridere grazie alle vittorie di Colella, Caregaro e Burnett. Out la Confalonieri. Oggi gli ottavi
  • LE FUTURE STELLE AL BONFIGLIO È scattata ieri la 51esima edizione degli Internazionali d’Italia juniores. Bilancio azzurro agrodolce: subito out Gaio, avanzano Confalonieri e Caregaro. Impressiona l’italo-americana Capra
  • UNA CONTRO L’ALTRA Martina Caregaro e Nastassja Burnett approdano ai quarti del Trofeo Bonfiglio, dove si sfideranno per la prima volta nella loro giovane carriera. Fuori Colella
  • 58° TROFEO BONFIGLIO: L’ULTIMO ATTO DEI CAMPIONI DI DOMANI Disputate oggi le semifinali del 58° Trofeo Bonfiglio, in scena sui campi Tc Milano Alberto Bonacossa.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.