CARLSBAD: POKER DI SAM STOSUR. WASHINGTON: RYBARIKOVA BIS

TENNIS - A Carlsbad Samantha Stosur batte 6-2 6-3 Victoria Azarenka e conquista il quarto titolo in carriera, il primo stagionale. A fine match la bielorussa annuncia il forfait al Premier di Toronto. A Washington la slovacca Magdalena Rybarikova bissa il successo di anno scorso sconfiggendo all'ultimo atto Andrea Petkovic.
lunedì, 5 Agosto 2013

Carlsbad. La 33ª edizione del “Southern California Openha incoronato Samantha Stosur che, oltre a conquistare il quarto titolo in carriera, diventa la prima australiana ad incidere il proprio nome sull’albo d’oro del torneo. Un trionfo quello della ventinovenne di Gold Coast “battezzato” da una wild card concessale dagli organizzatori dell’evento, a cui sono stati indirizzati i primi ringraziamenti durante la premiazione, e che si è a mano a mano dispiegato attraverso i successi su Varvara Lepchenko, Sesil Karatantcheva, la numero quattro del mondo Agnieszka Radwanska, la sorpresa del torneo Virginie Razzano, per culminare con la prima vittoria su nove scontri diretti, ottenuta ai danni dell’ex numero uno del mondo Victoria Azarenka.

In avvio di match Samantha Stosur parte all’attacco e, dopo aver tenuto agevolmente il proprio turno di battuta, strappa a zero il servizio alla Azarenka, complici due doppi falli consecutivi commessi dalla ventiquattrenne di Minsk. Come spesso le accade, la numero 13 del mondo fa un po’ di tutto per rimettere in carreggiata l’avversaria di turno; e ci riesce: dal 30-0 spedisce in corridoio un rovescio e, dopo due doppi falli, al primo scambio consistente subisce il pressing di Vika ed è il contro break. Le incertezze al servizio tornano però a bussare alla sua porta della Azarenka e, dal 40-15, tra un doppio fallo e l’altro, Sam Stosur prende coraggio e, insieme ad una risposta imprendibile, stringe in pugno il 3-1. Un vantaggio che la ventinovenne di Gold Coast rischia di vanificare all’istante ma, dopo aver annullato cinque palle break, alla prima occasione trova l’ennesimo gratuito della Azarenka che le consente di svoltare campo sul 4-1. Il momento difficile per Victoria sembra sfatarsi quando, sullo 0-30 getta a terra la racchetta tanto che, mentre la Stosur inizia a collezionare una serie di “stecche”, la bielorussa ottiene sei punti consecutivi. Nonostante i doppi falli, che continuano a cadere copiosi, la Stosur trova due ace salvifici” ed un fantastico rovescio in lungolinea che le permettono di librarsi sul 5-2. Quanto a Victoria Azarenka, non ci sono limiti alla varietà di errori che riesce a commettere e il 6-2 per Samantha Stosur scocca regolare.

La seconda manches propone una Azarenka leggermente più calibrata ma, vuoi perché l’australiana ha preso fiducia al punto da gestire con sicurezza persino il pressing che si vede infliggere sulla diagonale del rovescio, al punto da trovare una serie di accelerazioni lungolinea che lasciano di stucco Vika; vuoi perché nei “momenti caldi” laddove la Azarenka non ne azzecca una la Stosur si affida più all’istinto che alla tattica e pesca sempre la soluzione giusta; l’epilogo sembra essere già stato scritto. Il break non arriva in nessuna delle cinque occasioni a disposizione di Victoria Azarenka, bensì al sesto game, quando al secondo tentativo Samantha Stosur scappa 4-2. Sull’onda dell’entusiasmo, la campionessa degli US Open 2011 tiene il proprio turno di battuta a 15; ed è il 5-2. Seppure la Azarenka pare rianimarsi quando Sam Stosur va a servire per il match, si prende con la forza gli ultimi quattro punti che rimangono tra lei e la vittoria.

Carlsbad. Finale:

Samantha Stosur (Aus) [5] def. Victoria Azarenka (Blr) [1] 6-2 6-3

 

 

Washington. Al “Citi Open” la venticinquenne slovacca Magdalena Rybarikova sconfigge 6-4 7-6 Andrea Petkovic e conferma il titolo conquistato nell’agosto di anno scorso sul cemento della capitale statunitense. La prima frazione sembra prendere la strada della Germania con la Petkovic che fugge 4-0 ma, non appena Magdalena Rybarikova si risveglia dal torpore, ingrana la quinta e mette a segno otto game consecutivi. La ventiseienne teutonica spezza l’incantesimo portandosi sul 1-2 per poi inciampare in un altro monologo della slovacca che va a condurre 4-1. Andrea Petkovic però non si demorde e riaffiora in ben due circostanze: dal 1-4 al 3-4 e dal 3-5 al 5-5. Due game di transizione aprono il sipario del tie-break. Al che, c’è spazio solo per un ultimo assolo della Rybarikova che chiude per 7 punti a 2.

Washington. Finale:

Magdalena Rybarikova (Svk) [7] def. Andrea Petkovic (Ger) 6-4 7-6

 

Toronto. Sono terminate le qualificazioni al Premier canadese. Si ferma all’ultimo turno Svetlana Kuznetsova: dopo due ore e cinquanta minuti di occasioni sprecate la russa si è infine inchinata alla ventenne statunitense Lauren Davis. Negli altri match la sudafricana Chanelle Scheepers ha superato in appena un’oretta di gioco, con il punteggio di 6-1 6-3 la ventenne transalpina Caroline Garcia. La croata Petra Martic ha battuto la nipponica Ayumi Morita, più avanti in classifica di ben 43 posizioni, per 1-6 6-4 6-0. La slovacca Jana Cepelova ha rimontato la georgiana Osaka Kalashinkova; 3-6 6-0 7-6 lo score. Anna Tatishvili ha inflitto un umiliante 6-0 6-2 alla svedese Johanna Larsson. La ventiquattrenne di Bucarest Alexandra Dulgheru si è imposta 7-6 6-2 sulla moscovita naturalizzata kazaka Galina Voskoboeva. Ad Alison Riske è andato il derby a stelle e strisce che la vedeva opposta a Bethanie Matteck-Sands: l7-6 6-7 6-0 il punteggio che premia la ventitreenne di Pittsburgh. Olga Savchuk ha regolato la spagnola Lara Arruabarrena, mentre l’israeliana Julia Giushko ha avuto ragione su Gabriela Dabrowski. Il Canada si riscatta con Carol Zhao, vittoriosa sulla rumena Irina-Camelia Begu. L’olandese Kiki Bertens è ricorsa al terzo set prima di avere la meglio su Paula Ormaechea. Infine, Anastasia Rodionova ha beneficiato del ritiro di Madison Keys.

Una manciata d’ore dopo aver perso la finale di Carlsbad contro Samantha Stosur, a Toronto giunge l’annuncio del forfait di Victoria Azarenka a causa di un infortunio alla zona lombare. La rinuncia della bielorussa aprirà le porte ad una lucky loser.


Nessun Commento per “CARLSBAD: POKER DI SAM STOSUR. WASHINGTON: RYBARIKOVA BIS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • CARLSBAD: FINALE TRA VIKA AZARENKA E SAM STOSUR TENNIS - L’ultimo atto di Carlsbad vedrà opposte Victoria Azarenka a Samantha Stosur: la bielorussa ha sconfitto Ana Ivanovic con il punteggio di 6-0 4-6 6-3 mentre l’australiana si è […]
  • FED CUP: IL RESTO DEL MONDO Mentre l’Italia sfidava l’Ucraina per un posto in semifinale, altre squadre lottavano nel World Group II per aggiudicarsi un posto nei playoff per il tabellone 2013
  • WTA, ANDREA PETKOVIC: “CONTINUERO’ A GIOCARE NEL 2016” La tedesca Andrea Petkovic ha dichiarato di aver pensato seriamente di abbandonare il tennis professionistico, soprattutto a causa della malattia della madre. In realtà, la ventottenne ha […]
  • SIMONA HALEP CONQUISTA NORIMBERGA. BRILLA DONNA VEKIC TENNIS - Simona Halep batte Andrea Petkovic e conquista a Norimberga il suo primo titolo in carriera. Sull'erba di Birmingham accedono in finale con fatica la sedicenne Donna Vekic e la […]
  • SERENA, SAMANTHA E CAROLINE A BRACCETTO Serena Williams, Samantha Stosur e Caroline Wozniacki volano alle semifinali degli Us Open 2011. Serena fatica un set contro la Pavlyuchenkova, che si arrende 7-5 6-1. La Stosur domina la […]
  • IL GIORNO DELLE QUATTRO SEMIFINALI Stosur e Zvonareva mettono alla prova Kvitova e Azarenka nelle due semifinali di singolare. Inzia con le semi il torneo di doppio, c'è anche Flavia Pennetta

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.