CAROLINE WOZNIACKI, L’ARTE DEL BODY PAINTING

La tennista danese posa per Sports Illustrated, che sceglie il tema del body painting per il servizio fotografico. La gallery è già virale
martedì, 16 Febbraio 2016

TENNIS – Dal punto di vista degli scatti fotografici, l’originalità di Sports Illustrated è tra le certezze mediatiche del settore. Stavolta, sulle pagine del noto magazine, è finita Caroline Wozniacki. Un servizio sul tennis? Non proprio: per la giocatrice danese è stato progettato un set a base di body painting.

Uno scenario balneare, un trucco che quasi trasmette la presenza di un costume, in realtà soltanto disegnato, infine una diffusione sul web estremamente capillare. Con l’ex numero uno del mondo in copertina, la gallery potrebbe diventare uno dei punti di forza di questo 2016. E l’impressione accolta con più favore è che, nonostante la fugacità della gloria su internet, la trovata di SI possa garantire un culmine particolarmente longevo.

Per la Wozniacki, l’auspicio è che il servizio fotografico non la distragga dai probanti impegni del circuito WTA, considerando il gap che dovrà recuperare nelle prossime settimane. Un fattore inconfutabile, però, mette d’accordo tutti gli appassionati: la sua bellezza è lampante, soprattutto fuori dal terreno di gioco.


Nessun Commento per “CAROLINE WOZNIACKI, L'ARTE DEL BODY PAINTING”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.