C’E’ ANCHE L’AZARENKA

Al Master di Istanbul si chiude il cercio sulle 4 semifinaliste. Victoria Azarenka soffre solo un set contro Na Li prima di vincere 7-6 6-3 e volare al penultimo atto. Per lei la certezza di restare n.1 del mondo, ma adesso ad attenderla c'è Maria Sharapova
venerdì, 26 Ottobre 2012

Istanbul (Turchia) – E’ Victoria Azarenka la quarta e ultima semifinalista del WTA Championships. In tarda serata la bielorussa stende 7-6 6-3  la cinese Na Li e vola per il secondo anno consecutivo tra le migliori 4 del Master. Partita in equilibrio solo nel primo parziale, in cui la cinese non sfrutta un break di vantaggio e cede solo al tiè-break. Vika cambia passo nel secondo set, garantendosi oltre al successo anche la corona di n.1 del mondo del 2012.

Vika rischia. Quasi ad emulare una tendenza assai definita in campo maschile, le 4 semifinaliste che si contenderanno il Master di fine anno sono anche le prime 4 giocatrici del mondo, occasione quasi rara in ambito femminile, che ormai da qualche anno esprime diverse contendenti. In tutto ciò l’ultimo match del round robin regala già una certezza, premiando Victoria Azarenka come legittima n.1 di questa stagione. I crismi dell’ufficialità arrivano dopo il 9° confronto diretto tra la bielorussa e Na Li, n.8 del mondo, con in palio una sfida in semifinale contro Maria Sharapova.  La n.1 del mondo, vincitrice degli ultimi 3 confronti, patisce fin troppo il match, iniziando con il piede sbagliato. La cinese si muove bene in campo, serve con continuità e trova parecchi angoli. Pronti via la cinese si stacca, consolidando immediatamente il break del primo gioco.  Sotto 3-1 Vika rischia il tracollo finendo sotto 15-40, prima di salvarsi con grande carattere e restare in scia sul 2-3. Na Li non arretra, tiene alte le sue percentuali al servizio e resta meritatamente avanti sul 4-2.  Discontinua fino a quel momento, l’Azarenka trova un briciolo di continuita nel momento più delicato del set, riaprendo la contesa. Finalmente un buon game in risposta regala il primo break alla n.1 del mondo, che aggancia la sua avversaria sul 4-4. Nel momento di accelerare Vika perde potenza e con due gratuiti e doppio fallo regala il break alla sua avversaria. Na Li però non gradisce il dono  bielorusso, restituendo il “favore“. Tra alti e bassi si arriva cosi alla logica conclusione del tiè-break, in cui la cinese regge fino al 3-4, prima di cedere due servizi di fila che la condannano. L’Azarenka chiude 7-4 e incassa il primo parziale.

Muraglia abbattuta. Il contraccolpo risulta assai pesante per per la cinese, che perde inevitabilmente fiducia nei suoi colpi. Un break per parte apre il secondo parziale, che poco dopo intraprende la via di Minsk. Vika affonda i suoi colpi a rimbalzo, alza il ritmo e accelera sulle seconde assai abbordabili dell’asiatica. Na Li crolla su tutta la linea, cala al servizio e finisce per essere dominata in risposta, subendo un secco parziale di 16 punti a 5 che di fatto annientano ogni sua speranza. Avanti 5-1 l’Azarenka deve solo mettere l’ultima ciliegina sulla sua torna da n.1 del mondo, ma prima di farlo, decide di “fare” solo punto nei successivi 8, riavvicinando la Na  Li fino al 5-3. La cinese finisce però per non crederci, e nel 9° gioco alza definitivamente bandiera bianca per il 6-3 finale dopo 100 minuti di gioco.  Questo successo regala all’Azarenka la seconda semifinale su quattro Master disputati. Per lei, al momento, il miglior risultato è quelo dello scorso anno, quando si arrese in finale a Petra Kvitova

Queste le parole a fine match dell’Azarenka:Nel primo set non ho giocato benissimo. La partita è stata assai combattuta con diversi alti e bassi da parte mia. Anche lei ha giocato bene a tratti, e chi predenva il controllo dello scambio spesso faveca il punto, e questo ha reso il primo set molto equilibrato. Nel secondo le cose sono andate melgio e alla fine ho gestisto la situazione.  Sono felice di restare n.1 del mondo in questo 2012, ma adesso il mio pensiero è per il prossimo match per poter chiuede nel milgiore dei modi questo torneo e questa lunga stagione

 




Nessun Commento per “C'E' ANCHE L'AZARENKA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • FINALI WTA, ATTO SECONDO La seconda giornata dei WTA Championships mette di fronte Wozniacki e Zvonareva. Sharapova cerca la rivincita, mentre Azarenka misura la condizione della Stosur
  • MASTERS WTA: L’ORA DELLA VERITA’ Dopo Kvitova ed Azarenka, le finali WTA cercano le altre semifinaliste. Li e Stosur si sfidano per un posto, mentre la Radwanska deve togliere un set alla Kvitova per avanzare
  • MASTERS WTA: SORTEGGIATI I GIRONI Prendono forma i WTA Championships. Le urne regalano due gironi difficili da decifrare come del resto il circuito femminile. I bookmakers dicono Kvitova.
  • I PAGELLONI ROMANI: SERENA, UN ALTRO PASSO VERSO L’ETERNITA’ TENNIS - Conclusi da poco gli Internazionali BNL d'Italia: ora è tempo di fare un bilancio esaustivo. Serena Williams si riconferma una leggenda senza rivali. Azarenka la segue a ruota, […]
  • VOLANO WILLIAMS, AZARENKA E RADWANSKA. KERBER KO A Brisbane volano in semifinale Serena Williams e Victoria Azarenka. Niente da fare per la Kerber eliminata per mano di Anastasia Pavlyuchenkova. A Auckland Agnieszka Radwanska continua la […]
  • WTA CHAMPIONSHIP ISTANBUL: SERENA INFINITA, VIKA DELUDENTE Tennis. Dall’ennesima conferma della Williams al flop dell’Azarenka. Da una grande Li Na fermata sul più bello a una Kvitova oggetto del mistero. Ecco le pagelle del Master di Istanbul.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.