CHALLENGER: DIEGO SCHWARTZMAN PROFETA IN PATRIA

Diego Schwartzman e Saketh Myneni protagonisti assoluti nei due appuntamenti di settimana scorsa in Argentina e in India. Il loro exploit arriva in un momento dove la qualificazione per le Finals del Challenger Tour si fa sempre più agguerrita.
martedì, 21 Ottobre 2014

Rivisitiamo come di consueto i tornei appartenenti al circuito Challenger giocati la scorsa settimana e che hanno visti protagonisti alcuni giovani atleti che puntano al deciso salto di qualità nei prossimi mesi.

Ad esempio la Copa San Juan Gobierno (San Juan, Argentina) è stata appannaggio del giocatore (e idolo) di casa, l’argentino Diego Schwartzman incrementando sensibilmente le sue possibilità di qualificazione all’ ATP Challenger Tour Finals. Il ventiduenne sudamericano è attualmente in seconda posizione nella classifica con 557 punti, due punti sopra Souza che sta cercando di qualificarsi anch’egli per l’atto finale riguardante il circuito Challenger. L’evento sarà disputato dal 19 al 23 novembre presso il Pinheiros Cluib di Sao Paulo, Brasile. Location più che stuzzicante oseremo dire.

Dunque plauso per Schwartzman che, dopo il successo a San Juan incrementa il suo bottino a  5 vittorie e 7 sconfitte in finali, diventando il quarto giocatore a issare quattro o più trofei quest’anno. Si unisce a  Gilles Muller (5), Simone Bolelli (4) e David Goffin (4). Souza, nel frattempo ha scollinato quota 200 vittorie in partita con un rotondo successo su Hans Podlipnik-Castillo.

Trasferiamoci in India. Precisamente all’ Indore Aperto (Indore, India) dove il numero 451 del mondo, Saketh Myneni ha disputato una settimana pressochè perfetta, battendo Aleksandr Nedovyesov 6-3, 6-7 (4), 6-3 proprio nel giorno del suo 27 ° compleanno. Settimana da record dunque per Myneni, che ha così raggiunto Yuki Bhambri e Somdev Devvarman come titolisti indiani nati quest’anno. Curiosità. E’ la prima volta che tre diversi giocatori indiani vincano tornei del circuito ATP Challenger in una sola stagione. Complimenti a Myneni, segno questo che il tennis indiano passo dopo passo sta raggiungendo una maturità tale da poter, perchè no, un giorno poter sperare di portare i suoi atleti quantomeno tra i primi 150 del mondo in pianta stabile.

Ecco la dichiarazione dell’argentino Schwartzman subito dopo la vittoria alla Copa San Juan.

Diego Schwartzman: “Sono molto contento per aver vinto il titolo. Il primo set è stato molto duro, ma anche il secondo si è rivelato difficile, eravamo entrambi in palla col servizio ed ogni turno di battuta era una lotta. Nonostante ciò ho trovato modo di breakkare, passaggio questo imprescindibile per poter portare a casa il trofeo. Era molto importante vincere per riacquistare fiducia e proiettarmi al meglio per il finale di stagione. Ho grandi aspettative ( la qualificazione per le ATP Challenger Tour Finals). I contendenti sono molto agguerriti e sarà molto difficile qualificarsi. Spero di chiudere l’anno nel migliore dei modi.”

 

 


Nessun Commento per “CHALLENGER: DIEGO SCHWARTZMAN PROFETA IN PATRIA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.