CHALLENGER ROMA: KRAJINOVIC-GIMENO TRAVER, FINALE STELLARE AL DUE PONTI

Ultimo atto serbo-spagnolo al Due Ponti Sporting Club, al termine di due semifinali senza storia. Pazzesca rimonta di Benneteau a Orleans
sabato, 30 Settembre 2017

Tennis. Il prestigioso Challenger di Roma Due Ponti conosce finalmente il nome dei suoi due finalisti: si tratta dello spagnolo Daniel Gimeno-Traver e del serbo Filip Krajinovic. Due nomi altisonanti per un torneo che anche quest’anno ha regalato innumerevoli emozioni grazie anche ad un campo di partecipazione di livello altissimo, propiziato senza dubbio dalla splendida organizzazione offerta dal Due Ponti Sporting Club della Capitale. La speranza è di assistere domani ad un emozionante atto conclusivo, ricordando che il bilancio dei precedenti è in perfetta parità sull’1-1, con l’iberico impostosi a Banja Luka nel 2009 prima che il rivale si prendesse la rivincita proprio quest’anno sulla terra battuta di Biella.

Unica nota negativa il rendimento al di sotto le aspettative di quasi tutti gli esponenti azzurri impegnati nella settimana corrente, fatta eccezione per Gian Marco Moroni beneficiario di una wild card da parte degli organizzatori e capace di issarsi fino agli ottavi di finale. Nessun giocatore di casa si è dunque presentato ai quarti nonostante la folta pattuglia iscritta nella entry list, decisamente un segnale poco incoraggiante in vista di un ultimo scorso di stagione che si preannuncia fondamentale per molti atleti. Soltanto il tempo ci dirà se si è trattato di un calo momentaneo oppure di un problema più profondo, con l’auspicio che si tratti ovviamente della prima ipotesi.

Venendo alla giornata odierna, il 32enne di Valencia si è sbarazzato in maniera agevole del connazionale Roberto Carballes-Baena grazie allo score conclusivo di 6-2 6-4 in appena un’ora e quindici minuti, frutto di un match senza storia dall’inizio alla fine contrariamente alle aspettative della vigilia. Ci si aspettava infatti molto di più dal quinto favorito del seeding, già trionfatore quest’anno a Cortina e Manerbio, ma incappato oggi in una miriade di errori gratuiti che gli hanno precluso qualsiasi possibilità di centrare il pass all’ennesima finale. Autentica boccata d’ossigeno invece per Gimeno-Traver anche pensando al ranking, visto che attualmente occupa una poco dignitosa 629ma piazza.

Ancora più agevole il compito del 25enne di Sombor, giustiziere dello spagnolo Carlos Taberner con il punteggio di 6-1 6-1 dopo un’ora e cinque minuti di assolo incontrastato da parte del serbo apparso sempre in controllo delle operazioni. Si conclude quindi nel modo peggiore l’ottima cavalcata del valenciano che ha probabilmente accusato un pochino di stanchezza, a differenza di un avversario nel momento migliore della propria carriera complice anche una freschezza atletica raramente ammirata nei tempi passati. Domani proverà a bissare il sigillo conseguito a Biella sbaragliando la concorrenza, a coronamento di un percorso simile a quello intrapreso questa settimana.

Finale prestigiosa anche al Challenger di Orleans (Francia, cemento), dove a contendersi il titolo saranno Julien Benneteau e Norbert Gombos. Il portacolori transalpino ha superato all’ultimo respiro l’ungherese Fucsovics per 6-3 3-6 7-6(7) annullando un match point allo sfidante nel tiebreak decisivo, mentre lo slovacco ha avuto vita più semplice dinnanzi all’ucraino Marchenko piegato 6-4 6-1 in 90 minuti esatti.


Nessun Commento per “CHALLENGER ROMA: KRAJINOVIC-GIMENO TRAVER, FINALE STELLARE AL DUE PONTI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.