CILIC: “US OPEN A PORTE CHIUSE? L’IDEA NON MI PIACE”

Il tennista croato ha detto la sua sulla possibilità di disputare lo Slam newyorchese senza pubblico sugli spalti

TENNIS – L’incertezza causata dall’emergenza Coronavirus regna ancora sovrana attorno al mondo del tennis. La sospensione del circuito maschile Atp è stata prolungata fino al prossimo 31 luglio e dopo le cancellazioni di vari tornei annunciate nei giorni scorso, l’attenzione si sposta tutta sugli Us Open, ultimo Slam della stagione per il quale, insieme al Roland Garros (spostato dagli organizzatori a fine settembre) c’è chi nutre ancora qualche speranza.

La situazione che si sta vivendo a New York però è molto delicata, e anche se da parte degli organizzatori è stata espressa la volontà di far giocare il torneo nelle stesse date e senza alcun cambio di sede, il tempo comincia a stringere e le opzioni si assottigliano. Una di queste prevede la disputa dello Slam americano a porte chiuse, ovvero senza spettatori sugli spalti, ma l’idea ha trovato l’opposizione di alcuni giocatori, tra i quali il croato Marin Cilic che si è espresso in maniera molto chiara. “Sembreranno partite di allenamento – ha dichiarato l’attuale numero 37 del mondo – e non sarebbe certamente la stessa per noi giocatori scendere in campo con le gradinate vuote. Colui che dovesse vincere il torneo sarebbe ricordato comunque come il giocatore che ha portato a casa gli Us Open senza la presenza di pubblico e il valore del risultato sarebbe di sicuro minore. Personalmente non la vedo come una buona soluzione, giocare senza tifosi fa perdere molto al nostro sport, anche se mi rendo conto che il tennis deve fare i conti con delle problematiche che ad esempio il calcio e la pallacanestro non hanno. No ci resta che aspettare – ha concluso Cilic – e vedere cosa succederà nelle prossime settimane”. Anche perché New York è una delle città dove l’allerta per il contagio da Coronavirus è più alta, e sarà fondamentale quello che succederà da qui ad un mese, quando verosimilmente dovrà essere presa una decisione definitiva sugli Us Open.

(Nella foto Marin Cilic – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “CILIC: "US OPEN A PORTE CHIUSE? L'IDEA NON MI PIACE"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.