CINCINNATI: DJOKOVIC C’E’, THIEM E’ IRRICONOSCIBILE

Il numero uno del mondo avanza, l'austriaco invece in vista degli Us Open dovrà cercare di recuperare subito la condizione migliore
martedì, 25 Agosto 2020

TENNIS – Oltre alla bella impresa di Andy Murray, vittorioso contro Alexander Zverev in tre set grazie ad una prova degna dei suoi giorni migliori, la notte italiana del Masters 1000 di Cincinnati (in corso di svolgimento questa settimana sui campi di Flushing Meadows a New York) ha riproposto a tutti gli appassionati di tennis anche le “gesta” di Novak Djokovic e Dominic Thiem. L’attesa e la curiosità di rivederli all’opera in match ufficiali era molta dopo il lungo stop dovuto al Coronavirus, soprattutto in vista dei prossimi Us Open dove il serbo e l’austriaco vengono indicati come potenziali favoriti.

Ma quanto visto sul cemento della Grande Mela ha suscitato quanto meno delle sensazioni alterne. Da una parte infatti Djokovic, pur faticando evidentemente più del previsto contro un avversario non trascendentale come Ricardas Berankis, tenendo presente comunque il problema al collo con il quale ha dovuto fare i conti, ha portato a casa ugualmente la vittoria recuperando per tre volte un break di svantaggio, a conferma della sua grande solidità mentale oltre che fisica. Thiem invece, nel perentorio 6-2 6-1 con il quale è stato liquidato da Filip Krajinovic, è sembrato soltanto una copia sbiadita del giocatore che tutti conoscono. E questa brutta prestazione potrebbe far suonare un campanello d’allarme importante pensando che tra una settimana in palio ci sarà un titolo del Grande Slam. L’austriaco è apparso scarico e poco reattivo, cosa che ha generato inevitabilmente molti errori gratuiti e poche soddisfazioni anche al servizio. Ma a preoccupare maggiormente è stata la sua scarsa brillantezza fisica, specialmente in funzione degli Us Open. Ovviamente si trattava della prima partita “vera” dopo tanto tempo e le incognite, così come le brutte sorprese, potevano essere messe in preventivo. Ma se Thiem vorrà veramente provare ad arrivare fino in fondo allo Slam americano e contendere il titolo a Novak Djokovic, dovrà ritrovare immediatamente il suo tennis migliore, perché in caso contrario potrebbe andare incontro ad una delusione molto grande.

(Nella foto Novak Djokovic – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “CINCINNATI: DJOKOVIC C'E', THIEM E' IRRICONOSCIBILE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.