CLAMOROSO ALLE FINALS: HALEP DISTRUGGE SERENA

La tennista rumena rifila l'ottavo bagel della carriera ad una inguardabile Serena Williams e si impone per 6-0 6-2 in poco più di un'ora di gioco. Simona ha più di un piede e mezzo in semifinale, mentre la numero uno del mondo ora deve necessariamente battere la Bouchard nell'ultimo turno di round robin
mercoledì, 22 Ottobre 2014

Singapore. Si apre con una clamorosa sorpresa la terza giornata delle Wta Finals 2014. Simona Halep disintegra letteralmente la numero uno del mondo Serena Williams, imponendosi in poco più di un’ora di gioco con il punteggio di 6-0 6-2. Partita perfetta quella della rumena, aiutata dai quasi 40 errori dell’americana, scesa in campo con il “vestito” peggiore, come già le era accaduto in alcune circostanze quest’anno. La rumena ora è praticamente in semifinale, anche alla luce dei soli sette game lasciati per strada in due incontri, mentre la Williams rischia grosso e deve necessariamente vincere l’ultimo match contro Eugenie Bouchard, conscia però del fatto che anche un’eventuale vittoria potrebbe non essere sufficiente a qualificarsi, se nel frattempo Ana Ivanovic dovesse battere sia la canadese che la Halep e avere una migliore differenza game dell’americana.

Ovviamente un risultato netto come quello maturato oggi, non può che essere figlio di una prestazione assolutamente scadente di Serena Williams, che in appena 21 minuti di gioco concede, nel primo set, l’ottavo bagel della sua carriera, elargendo a piene mani regali ad una Halep comunque sempre solida e concentrata sull’obiettivo. 17 errori non forzati, 6 doppi falli e solo l’11% di punti vinti con la seconda palla nel primo parziale, sono statistiche troppo pesanti per non lasciar intendere, che la Williams scesa in campo oggi non fosse nelle migliori condizioni di forma, ma anzi, molto probabilmente, fosse decisamente limitata da qualche problema di imprecisata natura. Nel secondo set la Williams prova finalmente a fare la sua comparsa in campo e trova tre palle break nel secondo game, senza però concretizzarle. La Halep allunga così la sua striscia ad otto game consecutivi, prima di lasciare per strada il primo gioco della sua partita. Dopo aver cancellato una nuova palla break, la rumena impone ancora la sua maggiore solidità ed ottiene ancora un break, che di fatto chiude il match. Nell’ultimo game Serena si procura due palle break, ma non riesce a riaprire l’incontro, che si chiude dopo 65 minuti.

Alla fine dell’incontro la numero uno del mondo ha twittato “In definitiva Simona Halep ha giocato alla grande. Ottimo lavoro e buona fortuna”, come a voler riconoscere i meriti dell’avversaria, senza voler cercare scuse per una sconfitta così pesante, in un incontro così importante, che arriva solo due giorni dopo l’ottima prestazione contro Ana Ivanovic al primo turno del round robin. Attendiamo ora la conferenza stampa della Williams, per capire le ragioni di una debacle così fragorosa. Per quanto riguarda la Halep, parlano i numeri, sette game persi in due partite, nessun break subito, un piede e mezzo in semifinale e una seria ipoteca sul primo posto del girone. All’inizio del torneo la rumena non era sicuramente tra le favorite, alla luce dei brutti risultati dell’ultima parte di stagione, ma dopo le prime due partite, la possiamo mettere senza timori in pole position, nella corsa verso il bramato titolo di “maestra” del 2014.

 


1 Commento per “CLAMOROSO ALLE FINALS: HALEP DISTRUGGE SERENA”


  1. giorgio ha detto:

    per me non e’ “un clamoroso alle finals”per me e’un lovoro che penso che l’abbia fatto alla perfezione sia Simona che il suo staff!comunque tantissimi complimenti alla mia conazionale e augurio di arrivare piu in alto possibile!!!VAI,SIMONA!!!


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.