CLASSIFICA ATP, BALZO DI FOGNINI

TENNIS - Fognini suggella il grande torneo disputato a Monte-Carlo con l'ingresso tra i primi 25 del mondo (24esimo). Djokovic consolida il primato mentre Murray scivola al numero 3, scavalcato da Federer
lunedì, 22 Aprile 2013

Tennis. E chi se l’aspettava una settimana così. Sì, perché a Monte-Carlo sono successe parecchie cose interessanti (e inaspettate). Tanto per cominciare, è successo che Djokovic  ha vinto il torneo monegasco – e meno male che doveva essere a mezzo servizio, o quantomeno non al massimo della forma. Ma non si è mica limitato a vincere, il serbo: ha offerto un’impressionante dimostrazione di forza, battendo in finale il più grande terraiolo di tutti i tempi in due set. C’è voluto un Nole per larghi tratti del match in versione 2011 – ovverosia in versione inumana, ai limiti della perfezione – per detronizzare Nadal, che ormai a quel trono si era più che abituato (e bisogna pure capirlo) dopo 8 anni di successi ininterrotti. C’è voluta una prestazione maiuscola, e per poco non bastava neanche quella; ché, si sa, col maiorchino le partite bisogna vincerle almeno 3 volte, figuriamoci sulla terra, su questa lentissima terra. Il monarca del rosso alla fine però ha dovuto abdicare in favore del principe serbo e così a Monte-Carlo s’è scritta la storia. Ma non è tutto.

È successo anche che un italiano ha raggiunto la semifinale giocando un torneo strepitoso. Quell’italiano è Fabio Fognini, che prima ha regolato due top ten uno in fila all’altro – vale a dire Mister-‘se faccio il mio vinco senza problemi’-Berdych (che il suo, evidentemente, non l’ha fatto manco stavolta) e Richard Gasquet – e poi si è arreso in modo discutibile/rivedibile in semifinale contro il futuro vincitore del torneo. Vecchi vizi di forma. È successo che forse – ma è bene ribadire il ‘forse’ – un potenziale campione è salito alla ribalta del mondo del tennis: Grigor Dimitrov, capace nei quarti di finale di instillare il germe del dubbio nell’apparentemente intaccabile sistema-Nadal a suon di magnifici, aurei rovesci lungolinea. È successo che Nieminen ha mandato a casa prima Raonic e poi Del Potro. Ah, è successo anche che Murray si è fatto prendere a pallate da Wawrinka, esibendosi in una delle peggiori partite della sua carriera. Insomma, un sacco di carne al fuoco. E con tutta questa carne al fuoco, le conseguenze in termini di classifica Atp non potevano che essere molto interessanti.

Top 10. Partiamo, come sempre, dall’alto. Djokovic consolida una volta di più la sua posizione – e fin qui nulla di nuovo o strano. La novità si concretizza alle spalle del serbo, dove non c’è più Murray, che paga la prematura – e brutta – uscita di scena dal Masters di Monte-Carlo. Ad approfittare della situazione è Federer, che si riprende per un soffio il numero 2 senza neanche mettere piede nel Principato; sono solo 10 i punti che dividono lo scozzese (passato dagli 8750 di settimana scorsa agli 8660 di oggi) dallo svizzero.

Chi sale. Nonostante l’inaspettata uscita di scena al secondo turno, Milos Raonic migliora il risultato dello scorso anno (eliminazione al primo turno contro Montanes) e guadagna due posizioni raggiungendo la casella numero 13 (best ranking per lui). Top 10 sempre più vicina per il canadese, che non ha mai fatto mistero di voler centrare l’obiettivo il prima possibile. Passi avanti e best ranking anche per Grigor Dimitrov: il +6 gli frutta il 28esimo posto. Scala la classifica un altro protagonista del torneo monegasco, Jarkko Nieminen. Per il finlandese, che compirà 32 anni a luglio, il raggiungimento dei quarti di finale vale il +10 e la 39esima piazza. Avanzano a piccoli passi anche Matosevic (+4, 50esimo) ed Ernests Gulbis (+3, 53esimo). Sei le posizioni in più per Daniel Brands (67esimo, a un passo dal best ranking), sette per Roger-Vasselin (74). Da segnalare inoltre il +12 di Guillermo Garcia-Lopez (87) e il +8 di Dutra Silva (89).

Chi scende. Scende Gilles Simon, che perde 3 posizioni e scivola al numero 16. Il francese paga l’eliminazione subita al primo turno del Masters di Monte-Carlo (nel 2012 si spinse fino alla semifinale) per mano di Bautista Agut. Tre gradini in meno anche per Mikhail Youzhni (30), Martin Klizan (31) e Julien Benneteau (32). Continua il disastro-Verdasco. Il madrileno, sempre più lontano dai fasti del 2009, perde altre 4 posizioni, arretrando al numero 35. -5 per Thomaz Bellucci (44), -3 per Bernard Tomic (47). Sprofonda Robin Haase (-21, 71esimo): dopo i quarti di finale del 2012, quest’anno per lui è arrivata l’eliminazione al primo turno nel torneo del Principato.

Gli italiani. Veniamo infine alla nota lieta di casa Italia, Fabio Fognini, che suggella un torneo memorabile con l’ingresso tra i primi 25 del mondo. Il ligure guadagna ben 8 posizioni e raggiunge il 24esimo posto (best ranking). Stabile Andreas Seppi al numero 18; scivolano gli altri due italiani, Paolo Lorenzi (-3, 61esimo) e Simone Bolelli (-6, 81esimo).

 

QUI LA TOP 100 COMPLETA


Nessun Commento per “CLASSIFICA ATP, BALZO DI FOGNINI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • CLASSIFICA ATP, TOP 10 INVARIATA TENNIS - Diramata la nuova classifica Atp. Invariata la top ten, salgono Kevin Anderson (+3, 26esimo) e Tommy Robredo (+29, 43esimo). Tra gli italiani, guadagna una posizione Seppi (18), […]
  • CLASSIFICA ATP, PERMANE LO STATUS QUO TENNIS - Diramata la nuova classifica Atp. Poche le variazioni, tutto fermo in top 10; da registrare il +30 di Horacio Zeballos. Tra gli italiani stabile Seppi, perde invece due posizioni Fognini
  • CLASSIFICA ATP, NADAL TORNA TRA I PRIMI 4 TENNIS - Rafa Nadal riagguanta la quarta posizione a discapito di David Ferrer. Inalterato il podio con Djokovic, Murray e Federer. Balzo di Paire, che guadagna 10 posizioni e raggiunge il […]
  • CLASSIFICA ATP: RIECCO I FAB FOUR, MENTRE GLI ITALIANI… Ranking, Nadal torna in quarta posizione e scalza Nishikori. Wawrinka decimo. Segni meno per gli azzurri: 30° Fognini, addirittura 99° Lorenzi
  • RANKING ATP, FERRER SCAVALCA NADAL TENNIS - La prima finale Slam ottenuta in carriera consente a David Ferrer di superare Rafael Nadal - fresco vincitore a Parigi - al quarto posto della Classifica Atp. Haas a un passo […]
  • RANKING ATP, NADAL SEMPRE SUL TRONO TENNIS - Il maiorchino rimane leader della classifica Atp e, a meno di clamorosi scossoni, chiuderà l'anno davanti a Djokovic. Scende di un gradino Federer (settimo). Fognini eguaglia il […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.