CLASSIFICA ATP, TOP 10 INVARIATA

TENNIS - Diramata la nuova classifica Atp. Invariata la top ten, salgono Kevin Anderson (+3, 26esimo) e Tommy Robredo (+29, 43esimo). Tra gli italiani, guadagna una posizione Seppi (18), mentre scende di un gradino Fognini (32)
lunedì, 15 Aprile 2013

Tennis. Sono giorni frenetici, convulsi, amletici. Il torneo di Montecarlo è iniziato ma ancora non sappiamo se l’acciaccato Nole vi prenderà parte o meno. Il serbo, che ha rimediato una distorsione alla caviglia nel corso del match di Coppa Davis contro gli Stati Uniti, si è detto sì ottimista, ma ha anche aggiunto che deciderà non prima di martedì. Tocca stare sulle spine ancora un po’. Con Federer in vacanza/pausa di riflessione e Ferrer in infermeria, sarebbe un duro colpo dover rinunciare anche a Djokovic (tanto vale stendergli il tappeto rosso, a Rafa, e consegnargli il trofeo). Non ci resta che attendere buone nuove dal serbo. Frattanto Nole può consolarsi dando un’occhiata alla nuova (vecchia) classifica Atp, che, a prescindere da Montecarlo, lo vede – e lo vedrà – sempre saldamente al comando. Dietro di lui da qualche tempo non c’è più Roger Federer, scivolato sull’ultimo gradino del podio; l’ex monarca svizzero, reduce da un problemino alla schiena, ha deciso di giocare meno, centellinando presenze e sforzi fisici, incurante del rischio che corre in ottica ranking – finché rimane sul podio la situazione è accettabile, ma se scende ancora potrebbe diventare più che problematica, soprattutto in questo periodo, con Roland Garros e Wimbledon praticamente alle porte.

Dicevamo del nuovo numero 2, quell’Andy Murray che, dopo una vita passata a inseguire, pare sia davvero intenzionato a fare sul serio. Cominciando, perché no?, proprio dal ranking e da quel numero 1 che oggi sembra un lontano miraggio, ma un domani chissà. Dipenderà da lui, da come si comporterà sulla terra (superficie non troppo gradita dallo scozzese), ma anche – e forse soprattutto – dalla continuità di Djokovic e dal rendimento di Federer. E poi occhio al quarto incomodo (che evidentemente non è Ferrer), quel simpatico ragazzone maiorchino che in questa parte della stagione è solito togliersi più di qualche piccola soddisfazione. Insomma, nonostante là davanti sia tutto fermo – classifica immutata fino al numero 17 -, di spunti di discussione ce ne sono parecchi.

Chi sale  I primi sussulti – e che sussulti – arrivano dai due finalisti del torneo di Casablanca, Kevin Anderson e Tommy Robredo. Il sudafricano, sconfitto in tre set, fa registrare un ottimo +3 attestandosi in 26esima posizione, mentre lo spagnolo, forte dell’undicesimo titolo Atp appena conquistato, scala la classifica e si piazza al numero 43 (+29). Passi avanti anche per Martin Klizan (+4, 28esimo), semifinalista a Casablanca, e Robin Haase (+3, 50esimo), eliminato ai quarti proprio dallo slovacco. Sette caselle in più per il lituano Ricardas Berankis (70esimo), dieci per lo sloveno Aljaz Bedene (80esimo). Da segnalare inoltre il +4 dell’immarcescibile James Blake (87esimo) e l’exploit dei due sudamericani  Dutra Silva e Delbonis (+12 e numero 97 per il primo, +18 e numero 98 per il secondo).

Chi scende  Perdono due posizioni Juan Monaco (20esimo), Julien Benneteau (29esimo) e Florian Meyer (30esimo). -3 per Feliciano Lopez (numero 37), Xavier Malisse (53) e Marinko Matosevic (54). Va decisamente peggio ad Albert Ramos (67) e Michael Russell (88), regrediti di ben 15 caselle. Tuttavia la palma d’oro – o meglio, la palma di legno – spetta di diritto a Pablo Andujar: il -39 lo porta direttamente alle soglie del baratro della top 100, in 96esima posizione. Lo spagnolo paga la prematura eliminazione dal torneo di Casablanca (vinto nel 2011 e nel 2012) per mano del suo connazionale Pablo Carreno-Busta (numero 293).

Gli italiani  Andreas Seppi (18), nonostante la fresca sconfitta rimediata nel derby azzurro con Fognini a Montecarlo, guadagna una posizione e continua a guardare tutti dall’alto. Proprio Fognini invece scende di un gradino (32esimo); + 4 per Lorenzi (58), +3 per Bolelli (75). Passi avanti anche per Filippo Volandri (+4, numero 110).

 

QUI LA TOP 100 COMPLETA


Nessun Commento per “CLASSIFICA ATP, TOP 10 INVARIATA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • RANKING ATP, FERRER SCAVALCA NADAL TENNIS - La prima finale Slam ottenuta in carriera consente a David Ferrer di superare Rafael Nadal - fresco vincitore a Parigi - al quarto posto della Classifica Atp. Haas a un passo […]
  • CLASSIFICA ATP, NADAL TORNA TRA I PRIMI 4 TENNIS - Rafa Nadal riagguanta la quarta posizione a discapito di David Ferrer. Inalterato il podio con Djokovic, Murray e Federer. Balzo di Paire, che guadagna 10 posizioni e raggiunge il […]
  • CLASSIFICA ATP, BALZO DI FOGNINI TENNIS - Fognini suggella il grande torneo disputato a Monte-Carlo con l'ingresso tra i primi 25 del mondo (24esimo). Djokovic consolida il primato mentre Murray scivola al numero 3, […]
  • CLASSIFICA ATP, PERMANE LO STATUS QUO TENNIS - Diramata la nuova classifica Atp. Poche le variazioni, tutto fermo in top 10; da registrare il +30 di Horacio Zeballos. Tra gli italiani stabile Seppi, perde invece due posizioni Fognini
  • RANKING ATP, NADAL SEMPRE SUL TRONO TENNIS - Il maiorchino rimane leader della classifica Atp e, a meno di clamorosi scossoni, chiuderà l'anno davanti a Djokovic. Scende di un gradino Federer (settimo). Fognini eguaglia il […]
  • CLASSIFICA E RACE ATP, FEDERER E MURRAY PROTAGONISTI Rosicchia centimetri King Roger verso la prima piazza ancora occupata da Novak Djokovic. Mentre lo scozzese, trionfatore a Valencia, vede sempre più vicina Londra

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.