COLPI DA CAMPIONE: DRITTO MASCHILE

Parte oggi una serie di otto pezzi che andranno ad approfondire i fondamentali del nostro sport, al maschile e al femminile. La prima analisi, integrata con foto e video, riguarda il dritto, con evoluzione, tecnica, e i cinque migliori interpreti attuali del colpo

Il colpo principe del gioco del tennis è sicuramente il dritto. Giocato in vari modi e con le più assolute personalizzazioni, il dritto nel tennis garantisce la possibilità di guadagnare numerosi punti vincenti. Eppure, nonostante le divergenze da giocatore a giocatore, dal modo di impugnare la racchetta al tipo di movimento, il colpo ha seguito, negli anni, una certa linea evolutiva che ci porta oggi a distinguere due fasi storiche ben distinte:

IL DRITTO DEL PASSATO:
Anche dovuto al tipo di attrezzatura messo in campo e dall’uso delle racchette in legno, il dritto giocato negli anni ‘50-’60 era un colpo stilisticamente diverso da quello che siamo abituati a vedere oggi. Prima del dritto “moderno” la chiusura del colpo avveniva con la racchetta sopra la spalla e, andando ancora più indietro con gli anni di qualche decennio, si vedeva il finale del colpo con la testa della racchetta che puntava il cielo, ben davanti al corpo. L’impugnatura del manico era principalmente di tipo continental (in gergo chiamata “a martello”) che rappresenta l’impugnatura di base insegnata nelle scuole tennis, in cui il piatto corde guarda leggermente verso l’alto. E’ un’impugnatura che non consente molte rotazioni nel colpo e per questo caduta in disuso nei tempi più moderni.

Il classico dritto di Panatta

IL DRITTO MODERNO:
La caratteristica principale che distingue il dritto moderno dagli altri dritti usati nel passato è il finale del colpo. Nel dritto moderno il colpo finisce con la mano destra che chiude all’altezza del fianco, del gomito o della spalla con il palmo rivolto verso terra. I primi fautori ed utilizzatori del dritto “moderno” sono stati probabilmente Thomas Muster, Sergi Bruguera ed Alberto Berasategui nei primi anni ’90. I colpi eseguiti con questa tecnica sono stati la conseguenza della necessità di ottenere maggiori rotazioni dal colpo in questione, più top spin e angoli esasperati. Si è passati ad un’impugnatura di tipo eastern e, soprattutto, western.

Il dritto moderno di Federer

LA TECNICA DEL DIRITTO:
Come si esegue un corretto colpo con il dritto? Esistono essenzialmente tre fasi principali di questo colpo, tutte e tre molto importanti ai fini di una corretta esecuzione dello swing. La prima fase è la fase di preparazione, seguita dalla fase di impatto, e in ultimo dalla fase del finale del colpo.

1. La fase di preparazione. Anche se non coincide con l’impatto vero e proprio con la pallina, cosi come la fase del finale del colpo, la fase di preparazione riveste un’importanza capitale per una corretta procedura del movimento. Ogni colpo deve sempre cominciare con un split step e con una rotazione del busto per portare indietro la racchetta. Durante la rotazione del torso e della racchetta, si comincia a caricare il peso del corpo sul piede destro.
Ci sono quattro fondamentali punti di riferimento per la corretta procedura del movimento:
a)braccio sinistro disteso all’altezza della spalla e parallelo alla rete, gesto effettuato per avere un punto di riferimento nella torsione del busto.
b)carico del peso sulla gamba destra: senza di questo non ci può essere il trasferimento del peso dalla gamba destra a quella sinistra alla base di ogni colpo.
c)mano destra che deve risultare sempre almeno all’altezza della spalla per sfruttare al meglio la forza gravitazionale e centrifuga
d)direzione della testa della racchetta: l’attrezzo dovrebbe puntare al cielo con un angolo di 45 gradi rispetto al terreno.

Federer prepara il dritto

2. La fase di impatto. E’ la fase principale per la corretta riuscita del colpo, la fase in cui si incontra la pallina con il piatto corde. Il giocatore deve lasciare cadere la racchetta nella zona d’impatto sfruttando la forza di gravità con un movimento fluido e rilassato e la propria energia dovrà essere utilizzata gradualmente per portare a termine il movimento fino al punto di contatto. In questo modo si ottiene la velocità massima della testa della racchetta.
Anche in questo caso ci sono quattro fondamentali riferimenti:
a)il punto di impatto deve avvenire in una zona compresa tra la vita del giocatore ed il suo petto. In questo modo si ottiene la massima forza possibile coinvolgendo tutti i muscoli adeguati facendo scaturire la forza della racchetta dal centro gravitazionale del giocatore ottenendo la massima potenza.
b)punto di impatto avanti rispetto al corpo di fronte al piede sinistro.
c)racchetta posta su un piano lineare rispetto alla linea della palla fino al punto di impatto. Testa della racchetta, invece, più bassa. Quanto più è bassa, quanto più si ricaverà rotazione dal colpo.
d)sguardo del giocatore sul punto di impatto, testa rilassata senza tensioni muscolari.

Federer impatta il dritto

3. La fase del finale. E’ questa la fase che contraddistingue il dritto moderno caratterizzandone una vera rivoluzione. Mentre il dritto classico, con il finale davanti al corpo e alto sopra la spalla aveva la fase di controllo solamente nella fase di impatto con la pallina, senza incidenza del “finale” sul risultato del colpo, nel dritto moderno il finale determina la profondità e la rotazione della palla. Ancora quattro, sono i principali punti di riferimento per un corretto finale del colpo:
a) mano destra e avambraccio rivolti verso il terreno
b) testa della racchetta che finisce la propria corsa sul fianco sinistro
c) la spalla destra ruota di 180 gradi rispetto al punto di partenza della preparazione
d) il peso del giocatore viene trasferito completamente sulla gamba sinistra

Federer esegue il finale del colpo

I MIGLIORI INTERPRETI NEL CIRCUITO:
Abbiamo voluto scegliere, in chiusura di presentazione storica di questo colpo, i cinque migliori interpreti del dritto moderno, spiegandone per ognuno le differenze che ne caratterizzano la personalizzazione univoca dello swing.

Rafael Nadal: nonostante il mancino spagnolo non ottenga un numero clamoroso di vincenti con questo colpo, riesce, grazie al suo top spin esasperato, ad impensierire i suoi avversari giocando traiettorie di difficile lettura. Molto efficace, soprattutto, in fase difensiva dove riesce a giocare degli straordinari passanti trovando angoli che vanno contro ogni legge della fisica. Movimento molto rapido di braccio e finale del colpo molto al di sopra della linea della spalla. In questo video, che lo vede salvare un match-point con un vincente lungolinea tanto difficile quanto spettacolare, potete apprezzarlo fino in fondo.

Roger Federer: non poteva mancare, tra i migliori dritti del circuito, colui il quale incarna la perfezione nel movimento dello swing del dritto. Un colpo giocato in maniera classica, con impugnatura eastern, come da manuale, con impatto per lo più piatto, ben davanti al corpo e giocato con straordinario anticipo, che da al campione svizzero innumerevoli punti diretti. Qui un video del colpo in slow motion, per apprezzare fino in fondo le fasi, e soprattutto la pulizia stilistica, della sua esecuzione.

Juan Martin Del Potro: il ventitreenne di Tandil ha nel colpo giocato dal lato destro la sua arma principale del suo tennis. Preparazione dello swing piuttosto ampia, grazie ad una grande apertura di braccio trasferisce notevole forza durante l’impatto con la pallina. Il risultato è un colpo perlopiù piatto e molto penetrante, che lascia di stucco gli avversari. Lo sa bene Andy Murray, qui trafitto da un’autentica pallata.

Fernando Gonzalez: non per caso ribattezzato “Mano de Pedra”, il cileno ha nel dritto il colpo con il quale si è costruito la sua splendida carriera. Giocato da ogni lato del campo, anche e soprattutto nella soluzione anomala, Gonzalez ha una preparazione del colpo molto ampia che gli permette poi di scaricare tutto il peso del corpo sulla pallina. Il risultato sono colpi che viaggiano anche oltre i 150 km/h (con picchi superiori ai 180) e traiettorie imprendibili per i suoi avversari. E’ uno dei dritti più “pesanti” del circuito. “Fena” ha da poco annunciato il ritiro dal circuito, e i due tornei ai quali ancora parteciperà di appendere la racchetta al chiodo, saranno quindi anche le ultime occasioni per vedere uno dei migliori diritti del mondo, nonchè il più pesante in assoluto. Eccone una breve dimostrazione targata Foro Italico 2009.

Andrey Golubev: last but not least, non poteva non meritare un posto tra i migliori cinque dritti del circuito il colpo giocato dal “kazako d’Italia”. Non peraltro soprannominato “dritto-bazooka” ha nello swing giocato dal lato destro un colpo di una fluidità impressionante, generato da una fantastica velocità d’esecuzione. Andrey lo gioca perlopiù in maniera piatta, anticipando e accorciando molto il movimento, saltando sopra la palla. Colpo molto compatto e movimento raccolto, l’effetto è quello di un colpo penetrante, col finale della racchetta alto, ben sopra la spalla sinistra. Ben pochi sono riusciti a lasciare Rafael Nadal a metri dalla palla. Lui ce l’ha fatta più volte allo scorso Us Open. La fucilata al settimo minuto è da non credere.


Nessun Commento per “COLPI DA CAMPIONE: DRITTO MASCHILE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • GONZALEZ OUT, DEL POTRO IN Il cileno fuori nove mesi per anca e ginocchio, mentre l'argentino torna in campo a Bangkok. Buone nuove per Serena Williams e Justine Henin
  • E LA CHIAMANO ESTATE Dopo le Olimpiadi, il mondo del tennis non va in vacanza, ma si sposta in America, per la classica stagione sul cemento. Si parte dal Canada per arrivare a New York, passando per […]
  • LE PAGELLE DI WIMBLEDON 2013 Tennis - L'edizione maschile2013 di Wimbledon si chiude con il trionfo di Andy Murray. Andiamo ad analizzare le prestazioni dei big.
  • BENE NADAL, CADE FISH Il numero due del mondo supera Tommy Haas in tre set e vola al terzo turno dell'Australian Open, mentre Fish viene sorpreso da Falla. Federer avanza senza giocare, anche Del Potro e Berdych avanzano
  • ATP: TUTTI I NUMERI DEL 2012 L'anno che volge al termine è stato un anno importantissimo e ricco di emozioni per il circuito Atp. Proviamo ad analizzarlo a fondo con l’ausilio dei numeri e delle statistiche più interessanti
  • VOLANDRI NON SBAGLIA Nel primo turno del '250' di Belgrado l'azzurro supera con il punteggio di 6-1 6-4 il serbo Dusan Lajovic, annullando la bellezza di quindici palle-break. Giovedì la sfida con Marchenko

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.